IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...

Recensioni

  • diaframma the self years

    DIAFRAMMA

    La discografia dei Diaframma è un “lenzuolo” fatto di titoli e date. Ora c’è da aggiungere “The Self Years“, che in termini puramente artistici non porta e non toglie nulla...

    Leggi Articolo »

Recensioni

  • lucio leoni lupo cattivo

    LUCIO LEONI

    Lucio Leoni scrive veramente bene, ha un modo di incastrare le parole che è vincente, però come tutti quelli che hanno un talento particolare ma ancora devono calibrarlo a dovere,...

    Leggi Articolo »

Recensioni

  • margo sanda delay

    MARGO SANDA

    Una bella voce espressiva è un po’ come quella cosa “dell’altezza mezza bellezza”. Prendete “Delay” di Margo Sanda, un disco di elettronica con delle buone idee e delle linee melodiche che...

    Leggi Articolo »

Recensioni

  • coding candy more than bits

    CODING CANDY

    In ambito elettronico la pensiamo così: esce talmente tanta roba che o osi oppure finisci (anche se sei bravino) per essere un sottoprodotto, una cosa derivativa. Coding Candy è lo pseudonimo...

    Leggi Articolo »

LIVE

nina zilli

NINA ZILLI

LIGABUE

LIGABUE

RED HOT CHILI PEPPERS

RED HOT CHILI PEPPERS

IMAGINE DRAGONS

IMAGINE DRAGONS

THE WEEKND

THE WEEKND

BENJAMIN CLEMENTINE

BENJAMIN CLEMENTINE

EINSTÜRZENDE NEUBAUTEN

FESTIVAL ZANNE

THALOS

AIR

AIR

AUSTRA

AUSTRA+DILLON

MARK LANEGAN BAND

MARK LANEGAN BAND

MANNARINO

MANNARINO

CLASSIFICHE

Top Reviews 2017

  • IL PAN DEL DIAVOLO

    Questi suonano bene, scrivono bene, cantano bene e il loro disco ha una scaletta che è veramente un piacere ascoltare. Che altro dire? Per la verità "Supereroi" non è un disco che necessita di chissà quale recensione o critica. E' un album bello, fatto da gente che maneggia il pop come pochi nella scena indipendente italiana. Pietro Alessandro Alosi e Gianluca Bartolo per l'occasione hanno radunato un po' di pezzi grossi: Piero Pelù ha co-prodotto una buona parte del compact, i Tre Allegri Ragazzi Morti, Vincenzo Vasi e Umberto Maria Giardini hanno messo il carico su due pezzi, ma sono tutte presenze discrete,…

    Score

    QUALITA' - 81%

    81%

    81
  • ORFEO

    Ne siamo da sempre convinti: se un disco ha sostanza, ha qualità, ha valore, te ne accorgi subito, non hai neppure bisogno di concludere l'ascolto. "Arcadia" rientra in questa casistica. Te ne rendi conto abbastanza velocemente, infatti, che l'album di Orfeo (Federico Reale, nato a Milano nel 1986) ha spessore. Stupisce che il disco sia un'autoproduzione, vogliamo pensare che sia stata una scelta voluta quella di uscire senza un'etichetta alle spalle, perché fosse stata obbligata, ci lascerebbe di stucco... "Arcadia" ha tre punti di forza: esprime un cantautorato moderno che però non rinnega le radici storiche della canzone d'autore italiana, quindi proprietà…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • CIRCO BOIA

    Questi sono bravi davvero. "Circoboia" è il disco d'esordio dei Circo Boia, dieci tracce scritte e composte tra l'Italia e gli Stati Uniti dove la band ha già organizzato due tour abbracciando la cultura musicale americana e fondendola con influenze più europee. La produzione è stata affidata a Gian Maria Accusani (Sick Tamburo, Prozac+) che ha fatto un lavoro strepitoso in cabina di regia. Erika Fassari (chitarra, voce) e Joey Chiarello (basso, backing vocals) vengono da Grosseto e sono i titolari di questo progetto che partendo da posizioni tipicamente rock, entra a gamba tesa nei territori del pop, confezionando delle atmosfere che creano subito intimità con…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • GHEMON

    "Mezzanotte" è un disco di raffinatissimo pop, con il calore del soul e del R'n'B ad avvolgere il tutto e il consueto rispetto nei confronti della parola cantata, che Ghemon maneggia e incastra con l'abilità di un artigiano navigato, pur essendo ancora giovanissimo - è un classe 1982. Il rap è solo un vago ricordo nella carriera dell'artista, che ormai è un cantautore fatto e finito. Per certi versi il suo percorso ricorda un pochino quello di Nesli, anche se il fratello di Fabri Fibra a un certo punto ha calcato la mano con l'orecchiabilità, mentre Ghemon gioca sul filo…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • PAUL DRAPER

    Dischi come "Spooky Action" sono i più facili da recensire, perché pure un bambino, dopo 3 o 4 canzoni, avrebbe già le idee chiare. E' la forza della qualità, bellezza. Se una cosa ha spessore, te ne accorgi subito, non serve neppure dilungarsi troppo in ascolti su ascolti oppure mettersi a cercare una doppia lettura. "Spooky Action" è un disco solido, ben strutturato, generoso di idee e in costante bilico fra pop, rock, epicità e azzardi. Paul Draper è stato il frontman dei Mansun, una delle band più iconiche della fine degli Anni '90. Durante il loro picco di successo…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • LANA DEL REY

    I primi singoli ci avevano lasciato dei dubbi, poi la copertina aveva fatto il resto. Insomma, partivamo prevenuti al massimo verso "Lust For Life". Anche perché Lana Del Rey lo aveva battezzato alla vigilia con parole terrificanti: "...ho fatto i miei primi 4 dischi per me, ma questo è per i miei fan". Dopo averlo ascoltato, siamo felici di poter dire che "Lust For Life", al netto dei dubbi iniziali, è un lavoro eccellente. In scaletta 16 pezzi di pop sofisticato, con i soliti arrangiamenti a cinque stelle e quel gusto per l'epicità che continua a essere il marchio…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • TULIPA RUIZ

    "Dancê" è il terzo album in studio della cantante Tulipa Ruiz. Il disco ha vinto il Grammy latino come miglior album pop contemporaneo brasiliano ed è stato prodotto da Gustavo Ruiz, fratello dell’artista, chitarrista e coautore in 10 delle 11 nuove composizioni. Il disco gravita attorno alle coordinate del pop e della world music, ma dall’inizio alla fine è concepito per ballare. «E' un compact per lasciarsi andare». Così ha parlato Gustavo Ruiz. E in effetti è un disco frizzante, potente, dal suono accattivante, che sa conquistarsi l'attenzione dell'ascoltatore al primo contatto. La voce di Tulipa è perfetta, molto…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • EDDA

    Edda è diventato un cantautore a tutti gli effetti. Intendiamoci, anche prima lo era, ma "Graziosa utopia" chiude un po' i conti con il passato: è un disco più classico, più strutturato, l'urgenza di sputare fuori l'anima è compressa nella classica forma-canzone. Per chi conosce la storia (recente) di Edda, possiamo tranquillamente dire che questo lavoro è abbastanza distante dai lamenti laceranti di "Semper biot", ma questo non significa che Edda sia peggiorato, è semplicemente maturato dal punto di vista artistico. Anzi, è persino migliorato dal punto di vista lirico. "Graziosa utopia" è un album di canzoni (d'autore) con…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • KEATON

    Esaltante. Quella dei Keaton è un'elettronica tanto semplice, elementare, quanto efficace, a conferma che le idee sono sempre più forti delle invenzioni o degli effetti speciali. Qui è tutto immediato, costruito per arrivare all'ascoltatore in un attimo e per liberarlo dalle catene del suono "troppo fighetto". Spesso i brani dei bolognesi Keaton si aprono al pop: hanno linee melodiche grasse ma non pacchiane, si adagiano in un territorio fra club e dancefloor da sabato sera. Questo stare in equilibrio ci piace un casino e crediamo sia la vera peculiarità del progetto. Ascoltato a volume alto, il disco è una…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • SIVU

    James Page, in arte Sivu, ha realizzato un disco bellissimo. Compratelo ad occhi chiusi, soprattutto se siete esigenti, se vi piace il rock che scivola lungo i bordi di un pop alternativo alla Radiohead. "Sweet Sweet Silent" è composto da 10 brani, e ognuno è una piccola sorpresa, un'invenzione azzeccata e utile. Sivu maneggia la melodia con una sensibilità rara, la piega alle esigenze della sua voce e della sua idea di suono. Dopo la pubblicazione dell'esordio nel 2014, James ha avuto problemi dovuti alla sindrome di Menière, rara patologia che provoca attacchi ricorrenti di sordità. Il suo udito…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • THE AFGHAN WHIGS

    Greg Dulli ha da poco superato i cinquant'anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell'inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue scorribande soliste aveva dimostrato di saperci fare, ma con gli Afghan Whigs è da sempre un'altra storia, l'incastro è perfetto. «Questo non è un disco tematico, ma segue un filo conduttore. Parla di come la  memoria finisca per confondersi con il presente molto rapidamente».  "In Spades" è il nuovo disco degli Afghan Whigs e dice che possiamo andare a dormire tranquilli stanotte: da qualche parte nel mondo c'è ancora chi…

    Score

    QUALITA' - 75%

    75%

    75
  • VEIVECURA

    Il disco dei VeiveCura, nati dalle mani del polistrumentista Davide Iacono, vede l'elettronica piegarsi alle esigenze del pop. E' curioso come la band lambisca in alcuni episodi i confini del suono pacchiano senza però scivolarci dentro. Per certi versi è esaltante questo loro spingere sull'orecchiabilità (rischiando parecchio) senza però inciampare o rovinare tutto. Davvero bravi. In scaletta 12 pezzi per 44 minuti di musica. Forse avremmo tolto un paio di brani per dare maggiore omogeneità al lavoro, ma nel complesso "ME+1" è un album che ha una sua identità e che ha respiro internazionale. L'elettronica viene usata con tocco gentile…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • CAPTAIN MANTELL

    Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si tratta di fare musica. . In scaletta 12 brani per 47 minuti…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • ERMAL META

    Era scritto che Ermal Meta diventasse un artista da classifica, perché già coi La Fame di Camilla si capiva che aveva dei numeri grossi in ambito pop. L'ultimo Sanremo (si è piazzato al terzo posto) ha dato ulteriore slancio alla sua carriera e, mentre scriviamo, il suo nuovo disco (doppio) è stato certificato d'oro. Siamo sinceramente contenti. "Vietato morire" contiene nove brani inediti, tra cui il singolo omonimo presentato al Festival di Sanremo 2017, e un secondo disco contenente tutti i brani estratti dal precedente album in studio, cioè "Umano". In questa nuova produzione compaiono anche Elisa e Luca "Vicio"…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • VÖK

    "Figure" è una parola il cui significato muta in base ai diversi contesti di utilizzo: può significare “comprendere qualcosa”, ma anche far riferimento ad una figura nel buio, un corpo, una forma. Non c'è da stupirsi che la band islandese Vök, dal sound pop elettronico ma capace di improvvise e continue variazioni melodiche, abbia scelto proprio “Figure” come titolo per il suo album di debutto. Sottoscriviamo senza alcuna esitazione il comunicato stampa. Questi islandesi hanno un modo spregiudicato di maneggiare la melodia, di creare atmosfere che mutano di brano in brano. "Figure" è un album che, per essere un…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • GIOVANNI SUCCI

    Abbiamo eletto Giovanni Succi a nostro personalissimo totem. Ci piace da matti il suo percorso, che sembra incoerente e talvolta sbilenco, fra metal e Paolo Conte, fra cantautorato e cinismo di provincia, eppure è tutto così lineare se guardato nel suo insieme. Succi ha sempre idee buone, accelerazioni e sterzate interessanti e anche questo "Con ghiaccio" è un disco da ascoltare e tenere poi lì a portata di mano, perché è una piccola antologia di quello che è l'universo musicale di Succi. E' il "Greatest Hits" di Succi, ma senza i successi di una vita, solo le canzoni del…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • ALESSANDRO CORTINI

    Alessandro Cortini continua a percorrere la sua strada, senza scorciatoie. Far parte di una band (i Nine Inch Nails) con due premi Oscar come compagni di viaggio (Atticus Ross e Trent Reznor) e un indotto poderoso attorno, farebbe venire la voglia a chiunque di lavorare in proprio sfruttando gli agganci, e invece l'artista italiano ormai trapiantato in America da diversi anni continua per la sua strada con progetti particolari, dove magari l'elettronica incontra il pop e la melodia (Sonoio) o cose più minimali, più di nicchia, come nel caso di "Avanti", un lavoro di 7 tracce all'interno del quale…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • UMBERTO MARIA GIARDINI

    In tempi di incertezze, con Bruxelles che ci chiede manovre correttive ogni 3x2 e leggi elettorali così raffazzonate che anche votando cento volte non darebbero mai un vincitore certo, affidarsi a dei punti fermi è cosa buona (e giusta). Umberto Maria Giardini è un appiglio solido. Perché in ogni disco mischia un pochino le carte, ma poi, alla fine, la sostanza non muta mai, e la sostanza è quel modo personalissimo di raccontare il mondo, la realtà (propria) e le realtà (degli altri). "Futuro Proximo" è un album elettrico ma non nervoso, è un lavoro che conferma Giardini come…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • BLINDUR

    Blindur è il nome del duo composto da Massimo De Vita e Michelangelo Bencivenga ed è anche il titolo del loro primo disco, registrato dal vivo in presa diretta. I due ragazzi napoletani ci sanno fare: mescolano folk, rock e pop in maniera disinvolta, dimostrando di avere persino uno stile malgrado siano all'esordio. L'album ha delle melodie avvolgenti, arrangiamenti efficaci e la scelta di registrare tutto dal vivo si è rivelata, a conti fatti, azzeccatissima, visto che l'energia del duo arriva forte e chiara all'ascoltatore. A livello lirico, i testi (in italiano) parlano di problemi generazionali e c'è proprietà…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71
  • LEVANTE

    Una foto sexy in copertina e - notizia di pochi giorni fa - la cattedra di "X-Factor" 2017. Levante ha scelto di flirtare con i rischi e non è un caso che la crescita esponenziale del "personaggio" sia coincisa anche con una crescita dei commenti sgradevoli attorno al suo percorso artistico. Per quanto ci riguarda, nutriamo dubbi e curiosità sulla sua partecipazione al Talent in veste di giurata (spudorata scelta di marketing?), mentre la sua musica propone con "Nel caos di stanze stupefacenti" sorprese e conferme. Levante è indiscutibilmente brava a maneggiare il pop, inoltre ha una voce così espressiva…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71

Top Reviews 2016

  • FILIPPO LANDI

    «Tutte le composizioni sono nate come semplici improvvisazioni, momenti intimi di sfogo con il mio strumento. Con l’aiuto del compositore Roberto Cacciapaglia ho successivamente limato e raffinato la forma. "Upside Down" racchiude piccole storie della mia vita, sensazioni profonde che, complice la mia timidezza, ho saputo tirare fuori solo grazie alla musica». Veramente tanta roba. "Upside Down" è un disco bellissimo ed è curioso che su internet non ci siano grosse recensioni su questo lavoro che ti fa subito venire in mente Ludovico Einaudi. E attenzione: fare il verso a Ludovico Einaudi è un attimo, finanche un gioco da ragazzi,…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • CALM’N’CHAOS

    Calm'n'Chaos è il progetto elettronico di Christian Cutuli, produttore, compositore, arrangiatore e polistrumentista italiano. "Unextraterrestrial" è un album che sta in equilibrio tra rock ed elettronica, tra pop sintetico e sperimentazione, insomma, gli estremi potrebbero essere i Depeche Mode (con annessa scena Anni Ottanta) e la modernità elettronica dei giorni nostri, elementi ai quali va poi aggiunta una voce particolarissima. Sì, perché Christian Cutuli ha un modo di cantare veramente efficace: le sue canzoni le senti addosso, ti arrivano alle spalle come un velo caldo, nel suo modo di cantare c'è una teatralità che ti fa subito correre la mente…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • EX-OTAGO

    Un passetto alla volta gli Ex-Otago sono diventati una bella realtà. All'inizio non avremmo scommesso granché sulla loro maturazione. E invece ci pigliamo le nostre responsabilità e non ci nascondiamo: ci hanno smentito. "Marassi" è un album pieno di singoli potentissimi, ma la cosa che esalta del disco è il perfetto mix fra pop, canzone d'autore ed elettronica. In scaletta 10 brani per 37 minuti di musica: l'elogio dell'essenzialità. Pezzi come "Cinghiali incazzati", "I giovani d'oggi", "La nostra pelle", "Gli occhi della Luna" danno la perfetta cifra stilistica del compact, ma soprattutto dicono che gli Ex-Otago sono oggi (ma…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • SCHWARZ DONT CRACK

    Schwarz Dont Crack è il nome scelto da Ahmad Larnes e Sebastian Kreis, il primo di New York mentre il secondo di Berlino. . Insomma, "vecchio" e "nuovo" convivono all'interno di questo album che ha un'orecchiabilità spiccata ma anche una eccellente raffinatezza/ricercatezza sonora. La scaletta contiene 12 episodi per 43 minuti di musica.…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • BIRTHH

    A volte a certi artisti ci arrivi perché il passaparola si fa così forte che la voglia di approfondire diventa logica conseguenza. E' il caso di Birthh. E' da mesi che si fa un gran parlare del suo "Born in the woods". Buon marketing oppure vera sostanza? C'è vera sostanza. Alice Bisi ha dato alle stampe un album che ha basi solide: arrangiamenti raffinati e intelligenti, un gusto tutto europeo nel maneggiare l'elettronica, una discreta voce e belle melodie. Se fossimo in un negozio di dischi, metteremmo il suo debutto fra Camille, Björk e Florence and the Machine, ma nel compact non…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • MATMATA

    Usando pop, folk e rock, i Matmata sfornano un disco veramente, veramente, veramente interessante, con diversi episodi che colpiscono il bersaglio grosso al primo colpo. "Limen" vede il geniale Gnut alla supervisione artistica, un bellissimo rifacimento di "Strange World" di Ké e una manciata di potenziali singoli che hanno in "Uno" l'espressione migliore, ma potremmo citare anche "Tutto in una stanza", "Se chiudo gli occhi", "Lacrime e sangue" oppure "Lei è noi". Niente male per un disco di 12 canzoni, con delle linee melodiche a cinque stelle e un cantato ispiratissimo. In 41 minuti i Matmata riescono a mostrare uno stile,…

    Score

    QUALITA' - 80%

    80%

    80
  • PLAN DE FUGA

    Questi sono bravi per davvero. E non è un caso che la Carosello Records (hanno fiuto per il talento) abbia investito su di loro in questi anni. I Plan de Fuga hanno un bel modo di maneggiare la melodia, che non significa solo saper azzeccare il ritornello giusto, ma significa saper costruire canzoni che hanno uno sviluppo efficace, un crescendo, uno sparo e un'esplosione. "Fase Due" è un disco di 6 brani. Il conto della serva è presto fatto: "Mi ucciderai", "Come vuoi che sia", "Alzare la marea" e "Causa-Effetto" sono pezzi buoni per tutte le stagioni e per tutte le radio:…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • KATIE GATELY

    Un album veramente bello. "Color" si prende così tanti azzardi, affronta così tante curve spingendo sull'acceleratore che alla fine ti stupisci che l'ascolto sia comunque così omogeneo, solido, persino coerente, e attenzione: le 7 tracce in scaletta sono diverse le une dalle altre. Katie Gately ha tirato fuori dal cilindro un disco meraviglioso, dove elettronica e sperimentazione non sono al servizio della nicchia di turno (noi odiamo le nicchie...), ma hanno potenza e capacità di parlare a un pubblico trasversale. In 41 minuti, questa ragazza nata nel Bronx, cresciuta a Brooklyn, e attualmente di casa a Los Angeles, è riuscita a dar vita a un…

    Score

    QUALITA' - 79%

    79%

    79
  • MOTTA

    Per il Premio Tenco è stata la miglior opera prima del 2016. E in effetti "La fine dei vent'anni" è un disco ispirato. Prodotto da Riccardo Sinigallia, Motta (fondatore del gruppo Criminal Jokers) ha messo assieme 10 canzoni che hanno un punto di forza evidente, cioè arrangiamenti meravigliosi. Lungo la scaletta non c'è un brano simile a un altro, tutto è vario ma nel contempo (magia) omogeneo. Lo stesso autore modella la sua voce a seconda delle circostanze: il tono è sfrontato quando il ritmo sale, mentre si fa accogliente quando l'atmosfera è lenta. "La fine dei vent'anni" è un…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • SORGE

    Sorge è Emidio Clementi (con Marco Caldera). Emidio Clementi è anche un bel pezzo dei Massimo Volume e - fatto curioso - le sue cose migliori negli ultimi anni sono venute fuori quando si è messo in proprio, come se il peso della band, oggi, fosse fardello troppo grande da gestire. Così dopo il bellissimo "Notturno Americano", riecco Emidio alle prese con una roba nuova. «Qualche tempo fa ho ricevuto in regalo il vecchio piano verticale che ingombrava il soggiorno della nonna di mia moglie. L’ho fatto restaurare, l’ho piazzato in studio e per più di un anno sono rimasto a guardarlo, senza…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • BELLADONNA

    Quando prendi alcuni dei tuoi brani e li rimaneggi con un'orchestra hai (mediamente) tutto da perdere. Perché da un lato rischi di fare la figura dello "sborone", di quello che vuole darsi un tono e magari fare un passo più lungo della gamba, oppure rischi che il risultato sia penalizzante. Niente di tutto questo è toccato a "The Orchestral Album" dei Belladonna, che è un lavoro che piace prima di tutto per la sua... epicità. Sì, - l'album…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • KENTO & THE VOODOO BROTHERS

    "Da Sud" ha testi bellissimi, le parti musicali sono distanti dal classico hip hop (nuovo?) italiano, e vanno ad abbracciare il blues, il rock, quello delle radici, ma attenzione, non è crossover, è sempre rap ma con tinte varie e diverse. Insomma, veramente un album ben piantato. Se dovessimo giocare con i parallelismi, potremmo dire che con questo lavoro Kento e i The Voodoo Brothers hanno preso il meglio degli Assalti Frontali e hanno spinto il tutto in territori inesplorati. Qualcuno potrebbe obiettare che in America, 20 anni fa, già i Rage Against The Machine facevano robe del genere, che…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • THE ZEN CIRCUS

    «Il filo conduttore dei testi è un’ipotetica (ma non troppo) terza guerra mondiale, da noi invocata provocatoriamente come unico modo per ritornare ad essere davvero complici, per capire chi è amico e chi nemico, per liberarsi da sovrastrutture inutili che ci imbrigliano fino a renderci impotenti. Ma, fino a quando non sarà fisicamente a casa nostra, come ricorda la copertina, la guerra non ci riguarderà, non ci tangerà e continueremo a fare finta di nulla, smarriti nelle nostre idiosincrasie moderne». Appino è diventato un cantautore coi controcazzi. Già ce n'eravamo accorti nelle sue esperienze soliste, il nuovo lavoro con…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • EZIO BOSSO

    Questo album pochi giorni fa è stato certificato "disco d'oro" in Italia. I più cattivi potrebbero pensare che è tutto merito della vetrina (ben sfruttata) di Sanremo e di un percorso furbetto che va a ricalcare quello già ben battuto da Giovanni Allevi, ovvero musica strumentale per la massa e il largo consumo. Il primo concetto è innegabile, il Festival ha fatto da traino a Ezio Bosso. Il secondo concetto è una forzatura, perché in "The 12th Room" non ci sono passaggi ruffiani o spudorate aperture a melodie buone per i caroselli pubblicitari. “The 12th Room” è un concept…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • JENNY HVAL

    Ci sono dischi che fai una fatica boia a definire, a collocare, persino a descrivere a parole, perché hanno una personalità così forte che l'unica cosa sensata da dire sarebbe "andate di corsa ad ascoltarlo". E' il caso di "Blood Bitch", un compact fuori dagli schemi, pieno di idee interessanti e con un mix di folk e suoni elettronici e sperimentazione da spiazzare anche l'ascoltatore più scafato. I dieci capitoli di "Blood Bitch" parlano di storie sanguinarie, tra realtà, fantasia e fiction cinematografica. Il nuovo album di Jenny Hval è un concept legato al ruolo del sangue nella società moderna e passata. Il…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • THE RAINBAND

    Pop britannico di gran classe, con dei ritornelli maturi che conquistano al primo ascolto. Sono bravi i Rainband, gruppo che vanta collaborazioni ed apprezzamenti da parte di Paolo Nutini e dei fratelli Gallagher. In scaletta 13 brani per 45 minuti di musica. Il risultato? Sono pochissimi i passaggi a vuoto, mentre per contare i potenziali singoli sono necessarie le due mani, questo per dire che "Satellite Sunrise" è un album pieno di qualità. Questi ragazzi di Manchester maneggiano la melodia con una padronanza che stupisce e hanno un bel suono, impreziosito da tanti dettagli sfiziosi. La prima parte del compact è da applausi, andrebbe proposta come…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • GIORGIENESS

    Giorgie D'Eraclea con il suo progetto fa venire in mente il percorso di Maria Antonietta e di tante altre cantantesse del rock italiano: da Carmen Consoli a Cristina Donà passando per Levante e persino per Gianna Nannini. Un'altra cosa: . Il suo debutto è un ottimo biglietto da visita: non tutte le linee melodiche sono efficaci, ma su produzione, arrangiamenti e suono il lavoro fatto merita un voto ben superiore alla sufficienza. "La Giusta Distanza" tratta temi…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI

    Quello dei Tre Allegri Ragazzi Morti è un gruppo che in Italia ha fatto cose grosse in carriera - fuori e dentro il palco. A noi non sempre i loro dischi hanno convinto, però bisogna essere sinceri: questo è un album davvero bello. Per vari motivi: . E' rock, quello dei Tre Allegri Ragazzi Morti? Certo, ma questo album è anche una lezione per chi ha…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD

    Il primo esperimento, cioè l'album precedente, era carino, ma questo è più di un esperimento. "Nerissimo" è proprio il disco di un progetto con radici forti, ha una identità che va oltre la somma del talento dei due artisti coinvolti. Volete sapere la cosa sfiziosa? Né Blixa Bargeld né Teho Teardo hanno qui dovuto snaturarsi per compiacere l'idea dell'essere duo, dell'essere addizione invece che addendi. Fuori di metafora: in "Nerissimo" Bargeld fa Bargeld, e Teardo fa Teardo, entrambi si propongono come li abbiamo sempre conosciuti. Il primo con quel tono magnifico (soprattutto quando usa il tedesco), il secondo "cinematografizzando" il…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • CAPPADONIA

    Siamo arrivati in colpevole ritardo a scoprire "Orecchie da elefante", perché il disco di Cappadonia ha oggi quasi un anno di vita. E alla colpa aggiungiamo la recriminazione: pur avendo il promo in archivio, ci è sfuggito e non lo abbiamo votato alle Targhe Tenco del 2016. Facciamo pubblica ammenda e ci teniamo comunque a parlarvi di questo album bellissimo, che parla la lingua del rock con ampie aperture alla canzone d'autore e al pop. Difficile non innamorarsi dello stile di Ugo Cappadonia al primo ascolto, perché tutto sta al posto giusto: il cantato è sfrontato, i testi sono lucidissimi, le linee melodiche…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76

Top Reviews 2015

  • LANA DEL REY

    . Perché c'è tutto: c'è pop, ci sono idee sofisticate, c'è un lavoro di produzione notevole, c'è un'atmosfera epica, decadente, seducente. E poi ci sono le canzoni: per "Honeymoon", Lana Del Rey ha messo in fila 13 pezzi più una cover di Nina Simone. A conti fatti, soltanto tre o quattro brani si mantengono su livelli leggermente superiori alla sufficienza, tutti gli altri hanno personalità e valore artistico. Ad impressionare è soprattutto la prima parte: dalla title track iniziale sino ad "Art Deco", cioè il settimo episodio, sotto tutte canzoni che non ti stancheresti mai di riascoltare.…

    Score

    QUALITA' - 89%

    89%

    89
  • DELLA VITA DELLA MORTE

    A volte sono proprie le unioni più improbabili a generare le situazioni più sfiziose. Come nel caso di Max Zanotti (ex Deasonika) e Dj Myke, qui impegnati nel progetto Della Vita Della Morte (Eclectic Circus Records), un'idea musicale che a conti fatti altro non è che . Detto che Zanotti è una delle voci più belle della sua generazione, ed è anche uno personaggi più sottovalutati della scena indipendente italiana, qui la sua performance raggiunge un livello di maturità davvero apprezzabile. Sarebbe ingeneroso sezionare la sua carriera alla ricerca…

    Score

    QUALITA' - 81%

    81%

    81
  • TERZO PIANO

    Per essere un esordio, c'è da dire che i Terzo Piano hanno le idee abbastanza definite e soprattutto esprimono un bel potenziale. "Super Super" è . L'album ha uno sviluppo lineare, nel senso che la scaletta (10 brani per 38 minuti di musica) lascia una scia che l'ascoltatore non fa alcuna fatica a seguire. Gli arrangiamenti sono funzionali e mai un banale esercizio di stile. Insomma, un debutto molto maturo, pensato bene e costruito senza andare alla ricerca di effetti speciali. Buona la scelta di…

    Score

    QUALITA' - 78%

    78%

    78
  • HEYMOONSHAKER

    Il blues vi annoia? Un certo rock delle radici vi fa sbadigliare? Perfetto. Gli Heymoonshaker - fidatevi - fanno al caso vostro. Perché riescono ad essere fedeli alla tradizione e nel contempo infedeli da cacciare dai templi sacri del blues e del rock, rinnegati alla ricerca di una terra. . In scaletta 12 brani per 42 minuti di musica: ogni pezzo è diverso dagli altri e la fruibilità pop del compact è eccellente, così eccellente…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • VINCENZO DI SILVESTRO

    Quando un violinista decide di usare la voce può ritrovarsi cantautore. Dai, giochiamo coi preconcetti e i luoghi comuni. Da un violinista che si mette a fare un disco in età adulta che cosa ti puoi aspettare? Esatto, una roba pallosa, molto intellettuale, arrangiamenti pomposi che virano magari di nascosto verso il jazz. E invece dobbiamo ricrederci, quello di Vincenzo Di Silvestro è un album moderno, attuale, che prende spunto dalla tradizione cantautorale italiana ma che è ben felice di stare nel 2015. La fruibilità pop delle canzoni di Di Silvestro è eccellente e alcune melodie valgono da sole il prezzo del…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • BACHI DA PIETRA

    La nuova scommessa di Giovanni Succi e Bruno Dorella è cambiare, smuovere le acque, restando tuttavia fedeli al proprio immaginario. Come dire: cambio casa e indirizzo ma sto sempre qui. Un evidente paradosso. Che però incuriosisce, perché . Impresa difficilissima, ovvio, ma coraggiosa. «Per…

    Score

    QUALITA' - 77%

    77%

    77
  • IMMANUEL CASTO

    Nell'eccesso, Immanuel Casto ci sguazza. Gli piace proprio un sacco provocare, scuotere, mischiare alto e basso, quindi frullare la meravigliosa Tying Tiffany, con "Sabrina" degli Einstürzende Neubauten e poi metterci dentro allusioni più o meno velate e tematiche attuali legate all’omosessualità, doppisensi, elettronica, pop. Da qualsiasi lato la prendi, l'arte di Casto si presta a ogni genere di critica e forse l'artista ne è persino contento. Vi diciamo la nostra: a noi "The Pink Album" piace un casino. Il primo ascolto è esaltante: l'elettronica proposta è sfiziosa, la fruibilità pop delle canzoni è spinta al massimo del suo potenziale e i testi meritano…

    Score

    QUALITA' - 76%

    76%

    76
  • AWOLNATION

    Non lasciatevi sfuggire la possibilità di ascoltare "Run" (Red Bull Records). Perché quello degli Awolnation è un album delizioso che si posiziona con personalità in una dimensione di mezzo, laddove melodie dal fortissimo potenziale commerciale si incrociano con strutture sonore dichiaratamente "indie". . C'è tanta elettronica in scaletta e i sintetizzatori sono belli "grassi" ma non aggrediscono le…

    Score

    QUALITA' - 74%

    74%

    74
  • NOTTURNO AMERICANO

    Negli anni Emidio Clementi si è costruito una solida credibilità grazie al suo percorso assieme ai Massimo Volume, ma libri e reading hanno contribuito parecchio a consolidare il suo nome nel circuito indipendente e non soltanto. In "Notturno Americano" (Santeria) Emidio ripropone non solo testi suoi ma anche di Emanuel Carnevali. Il rapporto che ha con Carnevali risale a parecchi anni fa: una sera un cliente di un ristorante greco al Pratello, Bologna, gli lascia una copia de "Il primo Dio" di Carnevali dicendogli di leggerlo perché le vicende di cui parlava gli ricordano le sue. Dopo quella lettura Emanuel diventa una…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • VACCA

    «Sono arrivato ad una svolta, sento davvero il bisogno di cambiare e di arrivare ad un pubblico più vasto. Sto lavorando ad un nuovo progetto internazionale e il cantare in un’altra lingua, il patois, mi ha fatto venire la voglia di ripartire». Pare che Vacca si sia stufato di cantare in italiano. E ascoltando il suo ultimo disco, il rammarico è notevole, perché . Intendiamoci, i ritornelli di "L'ultimo tango" sono quasi tutti molto orecchiabili, ma sono sempre la ciliegina sulla torta, e non la... torta.…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • TELESTAR

    Già al primo ascolto "Così vicini così lontani" (Labella Records) lascia una buona impressione. . La passione dei Telestar per Francesco De Gregori si avverte soprattutto nella conclusiva "Un padre". Ma sarebbe sbagliato soffermarsi troppo sulle tante fascinazioni che il disco restituisce all'ascoltatore. Perché quello che davvero conta è la qualità della proposta artistica e la qualità c'è. E c'è anche una buona dose di originalità che nel caso…

    Score

    QUALITA' - 73%

    73%

    73
  • CHEMICAL BROTHERS

    All'ottavo disco o ti rinnovi o sei morto. Oppure fai come i Chemical Brothers: prendi ciò che ti piace in giro per il mondo, lo mischi col tuo "sentire" e vedi cosa ne viene fuori, che poi è quello che da diverso tempo hanno preso a fare i Nostri. Perché . Da questo punto di vista, i Chemical Brothers in "Born In The Echoes" sono stati estremamente onesti col proprio pubblico. L'album si apre…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • CAROLINA DA SIENA

    Carolina Da Siena è una cantautrice di Bisceglie che, dopo aver militato in varie band locali, ha deciso a un certo punto di imbracciare la sua chitarra acustica e muoversi altrove. "Klotho" (Piccola Bottega Popolare/Audioglobe/The Orchard) è il suo disco d'esordio, un album ricco di rimandi: . Ma la lista potrebbe proseguire, perché lo stile di Carolina Da Siena è figlio di fascinazioni diverse. Attenzione però: nonostante la sua musica abbia tanto in comune con tante altre artiste, la sua proposta è originale. La cantautrice di Bisceglie interpreta le sue canzoni maledettamente bene, gli…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • INCOMPRENSIBILE FC

    Sono in tre, arrivano da Torino e fanno bordello manco fossero in dodici. Gli Incomprensibile FC buttano nel calderone elementi diversi: rock, una certa elettronica francese, un cantato in italiano talvolta incazzoso, pop, blues, hip hop. Ma la lista potrebbe andare avanti, perché il panorama sonoro è ampio, e va ad abbracciare Prince, Justice e i Rage Against the Machine, stringendo nel mezzo mille altre cose. Insomma, un gran casino. Ma è un casino che funziona. Non vi sappiamo spiegare bene come sia possibile - anche perché siamo sempre contrari ai progetti che mischiano troppi ingredienti - ma "Superfast Nonstop"…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • CARMEN CONSOLI

    La Carmen Consoli che litigava con il proprio mondo e che metteva in musica le difficoltà di comunicare con l'esterno di una generazione (la sua, quella dei suoi coetanei), ormai si è fatta grande. E da grandi si finisce per guardare con ancora più curiosità (e disincanto) e tenerezza le vite degli altri. . Il risultato? Molto convincente. Perché se è vero che il…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • FELPA

    Felpa è il progetto solista di Daniele Carretti degli Offlaga Disco Pax. Ovviamente non c'è Max Collini alla voce, ma in "Paura" (Sussidiaria/Audioglobe) è Daniele a fare tutto: voce, strumenti, paranoie. E' tutta roba sua. . Insomma, un disco intimo, che Daniele canta con una voce timida, annegata in un suono ben calibrato. Inutile dire che la paura è il tema cardine di quasi tutte le canzoni in scaletta. L'album è interessante e sa intrattenere. Le chitarre sono molto espressive, così espressive che alcuni…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • NREC

    E' un disco strano "Signals". Al primo ascolto sai che c'è del buono ma non lo identifichi con precisione, non sai comprendere se a funzionare è una cosa o l'altra, il suono o l'atmosfera generale? Questo per dire che, per quanto accessibile, l'album di Nrec (Enrico Tiberi) necessita di qualche ascolto in più se vuoi entrarci dentro e muoverti al suo interno con familiarità. In generale, sui suoni è stato fatto un ottimo lavoro, di ricerca, con soluzioni sfiziose. Il mix di elettronica, rock, trip hop stuzzica l'ascoltatore e lo invoglia ad andare avanti nell'esplorare la scaletta. Ogni pezzo è…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • FEMINA RIDENS

    Non c'è dubbio: Femina Ridens ci sa fare. “Schiaffi” (A Buzz Supreme/Audioglobe) è il suo secondo album in studio e arriva dopo l’omonimo debutto del 2013. “Schiaffi” ha seguito una genesi molto diversa rispetto al primo album. . I brani sono veloci, simili a schegge, sembrano bozze, anche se Francesca Messina (questo il…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • ERIO

    Modernissimo ma anche così semplice, caldo, familiare. Un po' come le cose di Björk, ma senza esercitare opera di plagio. E' un disco ispirato "Für El" di Erio, artista che, a dispetto del taglio internazionale della sua proposta, è italianissimo. Sorpresa, verrebbe da dire. Perché in Italia è raro ascoltare un esordio così maturo e soprattutto un cantato così ben calibrato e capace di vestire da solo (e con toni diversi) ogni brano. La storia di Erio è curiosa. Dopo aver studiato canto lirico e composizione, scrive una manciata di brani che solo su consiglio della madre decide di inviare ad alcune…

    Score

    QUALITA' - 72%

    72%

    72
  • GODBLESSCOMPUTERS

    Sognavate vacanze esotiche e siete invece rimasti a casa mestamente e (forse) pure meschinamente? E magari aspettate la notte per uscire? "Plush and Safe" è ciò che fa per voi. E' la vostra colonna sonora. Perché ha una personalità che ben si sposa con chi è alla ricerca di una via di fuga e la cerca nel proprio mondo. Godblesscomputers è bravo anche in questo nuovo episodio a disegnare panorami elettronici in grado di stimolare la mente. Non basta? Ok, hai voglia di ballare? Stai tranquillo, c'è pure la dance. Nulla di pacchiano, intendiamoci, ma costruzioni stilose - in questo senso…

    Score

    QUALITA' - 71%

    71%

    71