IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > ANDERSON .PAAK

ANDERSON .PAAK Malibu

Brandon Paak Anderson è un cantautore, rapper, produttore e batterista da Oxnard (California). Con un trascorso da senzatetto, Anderson ha sbaragliato tutte le previsioni ed è ora acclamato dalla critica come uno degli artisti più caldi del genere R&B/hip hop contemporanei. Anderson .Paak (si noti il punto) aveva già fatto parlare di sé durante l'estate del 2015 grazie all'album "Compton" di Dr. Dre, dove è comparso in ben 6 tracce su 16 ed è stato l'unico con un brano solista. Ovvio che con tutte queste premesse il suo "Malibu" non può che essere un disco che incuriosisce. La prima cosa che colpisce…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

ANDERSON .PAAK malibu

Brandon Paak Anderson è un cantautore, rapper, produttore e batterista da Oxnard (California). Con un trascorso da senzatetto, Anderson ha sbaragliato tutte le previsioni ed è ora acclamato dalla critica come uno degli artisti più caldi del genere R&B/hip hop contemporanei. Anderson .Paak (si noti il punto) aveva già fatto parlare di sé durante l’estate del 2015 grazie all’album “Compton” di Dr. Dre, dove è comparso in ben 6 tracce su 16 ed è stato l’unico con un brano solista.

Ovvio che con tutte queste premesse il suo “Malibu” non può che essere un disco che incuriosisce. La prima cosa che colpisce del compact è la versatilità del suono e della voce del protagonista: tutto si fa fluido tra le mani di Anderson .Paak, la musica è liquida e prodotta in maniera eccellente, con tanti effettini ad arricchire un sound corposo, maturo, mai “troppo una cosa”, ma sempre bilanciato. Messo come sottofondo, “Malibu” spacca il cuore, nel senso che anche se provi a trattarlo con indifferenza, ti viene a cercare portandoti a far roteare il braccio per aria senza neppure che te ne accorga. Insomma, musica figa, di gran classe, con quel pizzico di elettronica che sembra aggiunta per far spopolare il compact in radio e nelle classifiche ma senza sbracare. L’unico difetto del cd? L’eccessiva durata: si va poco sopra l’ora di ascolto. Il brano migliore? “The Season/Carry Me”.

Tag