IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d'autore > ANDREA FARDELLA

ANDREA FARDELLA Le derive della Rai

Sessantotto minuti di musica per un esordio. Che roba... Il debutto di Andrea Fardella può essere archiviato alla voce "zappa sui piedi". Perché l'album è davvero interessante, cantato benissimo, ma si smarrisce per strada, allunga eccessivamente il brodo perdendo omogeneità e incisività in più di un'occasione. Incomprensibile la scelta di appesantire (nel minutaggio) una scaletta in grado di offrire diversi brani degni di nota e figli di un cantautorato moderno che rende omaggio a vecchi e nuovi Maestri del genere. . "Le derive della Rai" è un compact…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

ANDREA FARDELLA le_derive_della_rai

Sessantotto minuti di musica per un esordio. Che roba…

Il debutto di Andrea Fardella può essere archiviato alla voce “zappa sui piedi”. Perché l’album è davvero interessante, cantato benissimo, ma si smarrisce per strada, allunga eccessivamente il brodo perdendo omogeneità e incisività in più di un’occasione. Incomprensibile la scelta di appesantire (nel minutaggio) una scaletta in grado di offrire diversi brani degni di nota e figli di un cantautorato moderno che rende omaggio a vecchi e nuovi Maestri del genere. Fardella ha talento, non è un bluff. In più di un passaggio ricorda Edda nello stile.

Le derive della Rai” è un compact che contiene tutto e il suo contrario: dolore e sacro, furia e disperazione, belle melodie, decadenza, approdi e partenze. Buonissimi quasi tutti gli arrangiamenti (almeno dal punto di vista concettuale, perché poi all’atto pratico si è tirata la corda…), mentre produzione e mixaggio non hanno reso merito alla qualità del disco. Insomma, eccellente il materiale a disposizione ma lavorato maluccio. I pezzi migliori? “La deriva della Rai” e “Sposa”.

PS L’abbiamo voluto mettere fra i lavori top del 2016 perché, nonostante i limiti, merita davvero l’ascolto.

Tag