IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > ANTONIO CASTRIGNANÒ

ANTONIO CASTRIGNANÒ Fomenta

ANTONIO_CASTRIGNANÒ_fomenta

Se c’è una cosa davvero noiosa è perdere tempo dietro le produzioni in dialetto: ne escono di continuo e mediamente hanno un livello qualitativo molto basso, e questo al netto del volenteroso lavoro degli uffici stampa.

Talvolta però capitano delle gradevoli eccezioni. “Fomenta” di Antonio Castrignanò (cd prodotto da Ponderosa e distribuito da IRD) ne è l’esempio. Ciò che piace dell’album è il lavoro sulle ritmiche, che sono state lavorate con modernità anche grazie all’uso di synths ed elettronica varia, permettendo al disco di arrivare fresco, sincero e accessibile anche a un pubblico solitamente abituato ad altri generi oppure poco avvezzo al settore. Insomma, un bel modo di riscoprire la musica popolare salentina.

Nell’occasione Castrignanò si è senza dubbio giovato dell’incontro con il dj e polistrumentista turco Mercan Dede, che ha portato nel compact incursioni elettroniche e respiri provenienti da oriente. Ma sarebbe un errore ascrivere i meriti di un disco che funziona prima di tutto per atmosfera e fruibilità pop a un singolo soltanto. Sono le idee a funzionare. Un difetto? Il cd dura un po’ troppo (quasi 60 minuti): qualche canzone di meno avrebbe dato maggior slancio al progetto.

Se c'è una cosa davvero noiosa è perdere tempo dietro le produzioni in dialetto: ne escono di continuo e mediamente hanno un livello qualitativo molto basso, e questo al netto del volenteroso lavoro degli uffici stampa. Talvolta però capitano delle gradevoli eccezioni. "Fomenta" di Antonio Castrignanò (cd prodotto da Ponderosa e distribuito da IRD) ne è l'esempio. .…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Tag