IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...

BEWIDER Dissolve

"Dissolve" è il secondo EP del producer romano Bewider, un lavoro composto da sei brani: due cantati (da Jester At Work e Francesca Amati) e quattro strumentali. Siamo nel campo dell'elettronica che lambisce i territori del jazz, dell'ambient, della psichedelia. Insomma, ci sono moltissime fascinazioni in questo disco che ha il pregio di essere immediato, di tendere una mano all'ascoltatore con il chiaro intento di farsi ospitale. Non tutte le costruzioni elettroniche del compact ci convincono (qua e là si avverte una certa ripetitività, soprattutto nelle parti strumentali), ma l'asticella della sufficienza è superata in scioltezza e, al netto delle critiche,…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

bewider dissolve

Dissolve” è il secondo EP del producer romano Bewider, un lavoro composto da sei brani: due cantati (da Jester At Work e Francesca Amati) e quattro strumentali. Siamo nel campo dell’elettronica che lambisce i territori del jazz, dell’ambient, della psichedelia. Insomma, ci sono moltissime fascinazioni in questo disco che ha il pregio di essere immediato, di tendere una mano all’ascoltatore con il chiaro intento di farsi ospitale. Non tutte le costruzioni elettroniche del compact ci convincono (qua e là si avverte una certa ripetitività, soprattutto nelle parti strumentali), ma l’asticella della sufficienza è superata in scioltezza e, al netto delle critiche, non c’è un episodio che toglieremmo dalla scaletta. L’insieme funziona più dei singoli dettagli. I brani migliori? Promuoviamo “Beneath The Sky” e “Dust Orbs” (quest’ultimo rimanda a David Bowie), però attenzione anche a “Woods”, pezzo lunghissimo che si porta dietro un groove fantastico.

Tag