IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > BONNIE LI

BONNIE LI Plane-Crash

Partiamo dalla cosa più sfiziosa di questo "Plane-Crash", cioè l'atmosfera: cupa, grave, elettronica quel tanto che basta per non parlare esclusivamente di trip hop o dark pop, tutte definizioni che aiutano sì a inquadrare il progetto del duo francese ma che poi lasciano un po' il tempo che trovano. . L'iniziale "Mallory" è un bel biglietto da visita: pop da classifica…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

bonnie li plane crash

Partiamo dalla cosa più sfiziosa di questo “Plane-Crash“, cioè l’atmosfera: cupa, grave, elettronica quel tanto che basta per non parlare esclusivamente di trip hop o dark pop, tutte definizioni che aiutano sì a inquadrare il progetto del duo francese ma che poi lasciano un po’ il tempo che trovano. Perché “Plane-Crash” è prima di tutto un album di belle canzoni, con un’orecchiabilità che ti entra dentro al primo ascolto. C’è anche da dire che, purtroppo, è un album che finisce troppo presto: sei brani sono veramente troppo pochi.

L’iniziale “Mallory” è un bel biglietto da visita: pop da classifica ma senza ansia da prestazione, la struttura è liquida, epica e lo sviluppo premia la fiducia dell’ascoltatore. Il resto del compact ha in “Escape” un altro pezzo da novanta, poi perde qualcosina nel finale, ma c’è abbastanza qualità lungo la scaletta per superare l’asticella della sufficienza in assoluta scioltezza.

Tag