IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...

CATO Cato

CATO

Molto bene. Non c’è nulla di particolarmente originale nel progetto di Cato ma, per essere un esordio autoprodotto, il lavoro di Roberto Picinali ha valore.

Il compact del musicista bergamasco contiene otto brani in bilico fra pop, rock e una spruzzata di funk, canzoni che non hanno la pretesa di annunciare chissà quale grande verità ma vogliono essere dirette, semplici e mediamente orecchiabili. E lo sono per davvero. I primi due pezzi – “Accendimi” e “Luna” – sono un ottimo biglietto da visita: bene la costruzione melodica, asciutti ma non poveri gli arrangiamenti, molto aperti i ritornelli. Insomma, finissero su Radio Italia incontrerebbero i favori di tanti. 

Il resto del disco è piacevole. A conti fatti una lieta sorpresa.

Molto bene. Non c'è nulla di particolarmente originale nel progetto di Cato ma, per essere un esordio autoprodotto, il lavoro di Roberto Picinali ha valore. . E lo sono per davvero. I primi due pezzi - "Accendimi" e "Luna" - sono un ottimo biglietto da visita: bene la costruzione melodica, asciutti ma non poveri gli arrangiamenti, molto aperti i ritornelli. Insomma, finissero su Radio Italia incontrerebbero i favori…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Tag