IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > CHAT NOIR

CHAT NOIR Nine Thoughts For One Word

Esoterico. Questo viene da dire ai primi ascolti di "Nine Thoughts For One Word" degli italiani (per due terzi) Chat Noir. E' difficile ricostruire il sofisticatissimo percorso creativo sfociato in questo album che ad un primo ascolto offre richiami ripetuti alle sonorità di certi remixes dei Nine Inch Nails (almeno fino a quelli di "Things Falling Apart"). Industrial, quindi? No. Elettronica? Sì. Rock? Sì. Jazz? No. . Non mancano i momenti…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

CHAT NOIR nine_thoughts_for_one_word

Esoterico. Questo viene da dire ai primi ascolti di “Nine Thoughts For One Word” degli italiani (per due terzi) Chat Noir. E’ difficile ricostruire il sofisticatissimo percorso creativo sfociato in questo album che ad un primo ascolto offre richiami ripetuti alle sonorità di certi remixes dei Nine Inch Nails (almeno fino a quelli di “Things Falling Apart”). Industrial, quindi? No. Elettronica? Sì. Rock? Sì. Jazz? No.

“Nine Thoughts For One Word” è un’opera accattivante, dotata di un tiro da fare invidia a nomi consolidati del panorama elettronico – mesmerica, globalizzata nei suoni, terrificante ed inquieta. Non mancano i momenti di finissimo artigianato musicale: ad esempio il solo di piano in “Fundamental Mind”, dove viene da scommettere, a giudicare dal fraseggio, su ascolti attenti dell’opera solista di Chick Corea.

S.P.

Tag