IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Cinema2018 > CHIUDI GLI OCCHI

CHIUDI GLI OCCHI Marc Forster

"Chiudi gli occhi" è un film brutto. O meglio: il soggetto è interessante, il cast azzeccato (protagonisti e comprimari compresi) e anche la regia sfodera una manciata di inquadrature di pregio, ma a bastonare le buone intenzioni iniziali ci pensano un montaggio fra i peggiori della stagione e una sceneggiatura che esaspera le attese sino al naufragio finale. La trama. Gina (Blake Lively) e James (Jason Clarke) sono felicemente sposati e vivono a Bangkok. Gina è cieca dall'infanzia, a causa di un incidente automobilistico in cui hanno perso la vita i suoi genitori. Nonostante la sua condizione, Gina vive una vita piena ed…

Score

SCORE - 4.5

4.5

5

chiudi occhi

Chiudi gli occhi” è un film brutto. O meglio: il soggetto è interessante, il cast azzeccato (protagonisti e comprimari compresi) e anche la regia sfodera una manciata di inquadrature di pregio, ma a bastonare le buone intenzioni iniziali ci pensano un montaggio fra i peggiori della stagione e una sceneggiatura che esaspera le attese sino al naufragio finale.

La trama. Gina (Blake Lively) e James (Jason Clarke) sono felicemente sposati e vivono a Bangkok. Gina è cieca dall’infanzia, a causa di un incidente automobilistico in cui hanno perso la vita i suoi genitori. Nonostante la sua condizione, Gina vive una vita piena ed appagante, aiutata in tutto da James, che è la sua guida e suoi occhi. Quando a Gina si presenta la possibilità di un intervento chirurgico per il trapianto di cornea, per ripristinare il suo occhio destro, la sua vita cambia inesorabilmente. Dopo l’intervento può vedere tutto il mondo attorno a lei, osservando ogni cosa sotto una nuova luce e la sua vita matrimoniale ne risente.

Jason Clarke è perfetto nel ruolo del marito insicuro, però andava sfruttato meglio; molto bene anche Blake Lively, che prova a districarsi fra una serie di dialoghi improbabili e sotto trame mediocri.

Alla fine dei conti non si capisce cosa sia “Chiudi gli occhi”: forse un thriller, forse un film drammatico, forse un film con pretese da pellicola indipendente. Insomma, tutto è fumoso nell’opera di Marc Forster e il finale è terribilmente sbrigativo, quasi a volersi contrapporre alla lentezza della narrazione. Non fatevi fregare dal trailer…

Tag