IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Classica > DAVIDE IODICE

DAVIDE IODICE Davide Iodice

Elettronica e frammenti di musica classica. Il disco di Davide Iodice mescola elementi agli estremi e per essere meglio compreso bisogna zoomare dentro e fuori. Iniziamo dai dettagli e pesiamoli: la parte musicale è molto interessante, in alcuni passaggi non originalissima, ma comunque interessante, anche mixaggio e arrangiamenti stuzzicano l'attenzione dell'ascoltatore, vincente l'idea di usare voci che arricchiscono di sfumature diverse il panorama. Restando ai dettagli, non ci convincono i testi (hanno poca personalità), e anche le linee melodiche non sono state sfruttate al massimo del potenziale. Andiamo ora a zoomare fuori, guardiamo cioè l'insieme. In scaletta 8 pezzi, due bonus e…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

davide iodice

Elettronica e frammenti di musica classica. Il disco di Davide Iodice mescola elementi agli estremi e per essere meglio compreso bisogna zoomare dentro e fuori. Iniziamo dai dettagli e pesiamoli: la parte musicale è molto interessante, in alcuni passaggi non originalissima, ma comunque interessante, anche mixaggio e arrangiamenti stuzzicano l’attenzione dell’ascoltatore, vincente l’idea di usare voci che arricchiscono di sfumature diverse il panorama. Restando ai dettagli, non ci convincono i testi (hanno poca personalità), e anche le linee melodiche non sono state sfruttate al massimo del potenziale.

Andiamo ora a zoomare fuori, guardiamo cioè l’insieme. In scaletta 8 pezzi, due bonus e dopo un inizio convincente, l’album perde tono, e la differenza di qualità fra parte musicale e liriche si fa evidentissima. Insomma, un disco che zoppica. Il pezzo migliore? “Ti cercherò”.

Tag