IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Hip Hop > DORO GJAT

DORO GJAT Vai fradi

"Vai fradi" è stato mixato e masterizzato da Squarta dei Cor Veleno. Insomma, un bel biglietto da visita per l'esordiente Doro Gjat, che con questo suo debutto decide di imboccare la strada del rap ma evitando di accodarsi a mo' di pecorone alle mode del momento, quindi niente droga, troie o storie di metropoli che esistono soltanto nella fantasia di taluni. "Vai fradi" è un disco di provincia per un pubblico che ha voglia di farsi affascinare dall'altra faccia del rap italiano. E qui c'è davvero tanta roba: una varietà di stili che non trasfigura il prodotto ma lo caratterizza e una…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

DORO GJAT vai_fradi

Vai fradi” è stato mixato e masterizzato da Squarta dei Cor Veleno. Insomma, un bel biglietto da visita per l’esordiente Doro Gjat, che con questo suo debutto decide di imboccare la strada del rap ma evitando di accodarsi a mo’ di pecorone alle mode del momento, quindi niente droga, troie o storie di metropoli che esistono soltanto nella fantasia di taluni. “Vai fradi” è un disco di provincia per un pubblico che ha voglia di farsi affascinare dall’altra faccia del rap italiano. E qui c’è davvero tanta roba: una varietà di stili che non trasfigura il prodotto ma lo caratterizza e una scaletta agile. Intendiamoci, non è un capolavoro e neppure un lavoro a cinque stelle, ma è un lavoro semplice, onesto, sincero, con delle rime interessanti e una propensione a guardare oltre i soliti steccati del genere. Il brano migliore? “Nightcalls (Notturno pt.2)”, con la voce di Ka-Li – curioso che non l’abbiano ancora promosso a singolo.

Tag