IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Blues > ESPADA

ESPADA Love Storm

Come attitudine ci siamo. Gli Espada hanno infatti un bel modo di fare musica: la voce di Giacomo Gigli è meravigliosa e sa creare atmosfere cariche di energie diverse. E poi c'è il rock che si fa blues, quella passione per il cantautorato. Purtroppo però a "Love Storm" manca uno stile, un marchio riconoscibile, perché gli Espada fanno tutto benino, ma il loro è un suono derivativo, che piace ma non lascia un segno tangibile, nel senso che senti le loro canzoni con estremo piacere, ma messo via il compact ti resta la sensazione di aver ascoltato qualcosa di già sentito…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

ESPADA love storm

Come attitudine ci siamo. Gli Espada hanno infatti un bel modo di fare musica: la voce di Giacomo Gigli è meravigliosa e sa creare atmosfere cariche di energie diverse. E poi c’è il rock che si fa blues, quella passione per il cantautorato. Purtroppo però a “Love Storm” manca uno stile, un marchio riconoscibile, perché gli Espada fanno tutto benino, ma il loro è un suono derivativo, che piace ma non lascia un segno tangibile, nel senso che senti le loro canzoni con estremo piacere, ma messo via il compact ti resta la sensazione di aver ascoltato qualcosa di già sentito decine e decine di volte, fuori e dentro i confini nazionali. Insomma, la proposta va personalizzata meglio se gli Espada hanno l’ambizione di affermarsi oltre i soliti circuiti.

Tag