IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Pop > FELIDAE

FELIDAE Baby Someday

Omer Lichtenstein continua a portare avanti il suo progetto, che nel frattempo ha accorciato l'insegna, eliminando la parola “Trick” dal nome originario, Felidae Trick, presentandosi ora semplicemente come Felidae. "Baby Someday" è un album di rock con ampie concessioni alla melodia e la voglia di mescolare Oasis, Anni Ottanta, Robert Smith e persino Greg Dulli e The Smashing Pumpkins. Questo per dire che le coordinate sono diverse e non sempre facili da rintracciare. Ciò che invece risulta facile è l'ascolto: il compact va alla ricerca dell'attenzione dell'utente e fa perno sull'immediatezza. Le costruzioni sonore sono semplici ma con effettini…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

felidae baby someday

Omer Lichtenstein continua a portare avanti il suo progetto, che nel frattempo ha accorciato l’insegna, eliminando la parola “Trick” dal nome originario, Felidae Trick, presentandosi ora semplicemente come Felidae.

Baby Someday” è un album di rock con ampie concessioni alla melodia e la voglia di mescolare Oasis, Anni Ottanta, Robert Smith e persino Greg Dulli e The Smashing Pumpkins. Questo per dire che le coordinate sono diverse e non sempre facili da rintracciare. Ciò che invece risulta facile è l’ascolto: il compact va alla ricerca dell’attenzione dell’utente e fa perno sull’immediatezza. Le costruzioni sonore sono semplici ma con effettini deliziosi che impreziosiscono i brani. La sensazione è che il progetto sia ancora alla ricerca di un proprio stile, tuttavia crediamo che la strada imboccata sia quella giusta. Fra i pezzi che ci teniamo a segnalare, “No Right to Remain Silent”, così vagamente “corganiano”. Occhio anche a “Like a Movie Star”.

Tag