IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > FEMINA RIDENS

FEMINA RIDENS Schiaffi

FEMINA_RIDENS_schiaffi

Non c’è dubbio: Femina Ridens ci sa fare. “Schiaffi” (A Buzz Supreme/Audioglobe) è il suo secondo album in studio e arriva dopo l’omonimo debutto del 2013. “Schiaffi” ha seguito una genesi molto diversa rispetto al primo album. Tanto il debutto è stato realizzato d’istinto in studio dall’autrice che ha praticamente suonato tutti gli strumenti, quanto “Schiaffi” invece ha visto prendere forma sera dopo sera, sul palco, dal vivo, quando Femina Ridens ha inserito i nuovi brani nella scaletta dei propri concerti, limandoli e plasmandoli durante i suoi live.

I brani sono veloci, simili a schegge, sembrano bozze, anche se Francesca Messina (questo il vero nome di Femina Ridens) ha respinto al mittente quest’ultima definizione. Tutte le canzoni in scaletta si reggono su tre elementi portanti: la voce espressiva dell’ex Lady Violet, un’orecchiabilità obliqua che sconfina nella canzone d’autore e la forza delle immagini descritte nei testi. Insomma, il mix di queste virtù determina poi il giudizio finale sull’album, valutazione che non può che essere estremamente positiva. Perché “Schiaffi” è un disco immediato, raffinato e con una tensione emotiva che non esplode mai in un unico boato, ma si alimenta di tante piccole cariche che detonano a intervalli regolari. I pezzi migliori? “La banalità” e “Rivendica l’erogeno”.

Non c'è dubbio: Femina Ridens ci sa fare. “Schiaffi” (A Buzz Supreme/Audioglobe) è il suo secondo album in studio e arriva dopo l’omonimo debutto del 2013. “Schiaffi” ha seguito una genesi molto diversa rispetto al primo album. . I brani sono veloci, simili a schegge, sembrano bozze, anche se Francesca Messina (questo il…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Tag