IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > GRANDI NAVI OVALI

GRANDI NAVI OVALI All You Can Hit

«Pettiniamo paranoie, andiamo a correre spesso, scriviamo e produciamo musica in un paesino che si chiama Treville in provincia di Alessandria anche se abitiamo in provincia di Milano. Abbiamo un debole per la cassa dritta, ci piace l’elettronica ma anche il pop, quello triste e riflessivo, collezioniamo monete da 2 euro e un giorno saremo ricchi. Per adesso portiamo la nostra roba in giro e mangiamo solo street food. Facciamo musica pignorata. Siamo le Grandi Navi Ovali e ti vogliamo bene. Un ovale è per sempre». “All You Can Hit” è l'esordio delle Grandi Navi Ovali e gran parte di quello che…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

GRANDI NAVI OVALI all you can hit

«Pettiniamo paranoie, andiamo a correre spesso, scriviamo e produciamo musica in un paesino che si chiama Treville in provincia di Alessandria anche se abitiamo in provincia di Milano. Abbiamo un debole per la cassa dritta, ci piace l’elettronica ma anche il pop, quello triste e riflessivo, collezioniamo monete da 2 euro e un giorno saremo ricchi. Per adesso portiamo la nostra roba in giro e mangiamo solo street food. Facciamo musica pignorata. Siamo le Grandi Navi Ovali e ti vogliamo bene. Un ovale è per sempre».

All You Can Hit” è l’esordio delle Grandi Navi Ovali e gran parte di quello che i Nostri hanno scritto per presentare il loro lavoro è vero. L’album resta in equilibrio fra pop ed elettronica, tra il desiderio di raccontare piccole storie di provincia e la voglia di non prendersi troppo sul serio. Quello che ci piace del compact è l’assenza di filtri: la band usa un approccio molto istintivo e non cerca di stupire l’ascoltatore con soluzioni particolarmente ricercate. Dal lato opposto, il disco in più di un passaggio scivola verso il “già sentito”, restando troppo attaccato ai cliché della scena indie. Insomma, c’è una base, ma bisogna migliorare tutti gli aspetti della proposta. Il pezzo migliore? Non abbiamo dubbi: “Per questa notte e per le altre cento”.

Tag