IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Classica > HUMAN PROGRESSION MACHINE

HUMAN PROGRESSION MACHINE Kosmos

Human Progression Machine nasce nel 2013 dall’incontro tra il violinista Laurence Cocchiara ed il batterista Alessandro Graziani, con il fine comune di appagare un desiderio di sperimentare e creare nuove sonorità. . Ciò per dire che l'album funziona e questo al netto di qualche sbavatura…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

HUMAN PROGRESSION MACHINE kosmos

Human Progression Machine nasce nel 2013 dall’incontro tra il violinista Laurence Cocchiara ed il batterista Alessandro Graziani, con il fine comune di appagare un desiderio di sperimentare e creare nuove sonorità.

Kosmos” è il disco d’esordio di questo duo che mescola musica classica e pop – loop machine, synth e violino. Un mix affascinante, che stuzzica immediatamente. In scaletta 5 brani per 36 minuti di musica strumentale che ha qualcosa di ipnotico e concreto, un po’ come se aria e terra andassero a braccetto verso la Luna. Ciò per dire che l’album funziona e questo al netto di qualche sbavatura – onestamente sugli arrangiamenti si poteva osare ancora di più, ma si è preferito restare aggrappati ai territori dell’orecchiabilità. Una scelta ragionata e sensata. Egoisticamente ci sarebbe piaciuto vedere il duo tirare la corda al massimo dell’estensione…

Promossi, dunque? Sì, il compact è interessantissimo, si lascia ascoltare tutto d’un fiato e non delude anche i palati più esigenti e raffinati.

Tag