IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano > JULIE’S HAIRCUT

JULIE’S HAIRCUT Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin

"Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin" è il settimo album dei Julie's Haircut, ed è veramente un lavoro completo. Ora dovremmo stare qua a convincervi ad ascoltare tutto il compact, però se siete di corsa e volete il classico tutto-e-subito, limitatevi soltanto all'ascolto dell'iniziale "Zukunft", un pezzone di quasi 12 minuti che ipnotizza fin dalle prime battute. Ma anche "Gathering Light" è un ottimo biglietto da visita. Fatto questo passo, sarà impossibile non proseguire con il resto della scaletta. Scommettiamo? «Se c’è un senso nella musica psichedelica è sempre stato quello dell’avventurarsi senza una rete di protezione». Ecco,…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

JULIES HAIRCUT invocation ritual dance demon twin

Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin” è il settimo album dei Julie’s Haircut, ed è veramente un lavoro completo. Ora dovremmo stare qua a convincervi ad ascoltare tutto il compact, però se siete di corsa e volete il classico tutto-e-subito, limitatevi soltanto all’ascolto dell’iniziale “Zukunft”, un pezzone di quasi 12 minuti che ipnotizza fin dalle prime battute. Ma anche “Gathering Light” è un ottimo biglietto da visita. Fatto questo passo, sarà impossibile non proseguire con il resto della scaletta. Scommettiamo?

«Se c’è un senso nella musica psichedelica è sempre stato quello dell’avventurarsi senza una rete di protezione».

Ecco, il disco dei Julie’s Haircut non dà certezze e sicurezze, soprattutto al primo ascolto: tutto è una sorpresa, un colpo di scena, un girare l’angolo e sbattere contro qualcosa. Svelata la magia, gli ascolti successivi consentono di scoprire meglio i pregi di produzione, arrangiamenti e mixaggio. “Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin” ha fascino e spaventa, l’atmosfera è scurissima, l’orizzonte è metropolitano, l’abbiamo messo nello stereo sia di giorno sia di notte, e sinceramente col buio l’impatto è superiore, il coinvolgimento emotivo è maggiore. Insomma, un lavoro che ha personalità.

Tag