IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Folk > LA MONCADA

LA MONCADA Nero

LA-MONCADA

Ascolti La Moncada, band piemontese capitanata dal cantautore Mattia Calvo, e ti viene subito in mente Cesare Basile. Perché la coordinata è quella lì: rock e folk assieme a una certa predilezione per storie scure. “Nero” (Goat Man Records, distribuzione fisica a cura di Audioglobe) è un disco che si lascia ascoltare, abbastanza accessibile e che prova a fare perno sui testi che, a onore e merito, non sono banali. Le canzoni di Calvo seguono una strada che genera uno stile, ma gli arrangiamenti convincono a metà (ci sentiamo di salvare la bella “Almeno In Francia”) e le linee melodiche sono quasi tutte zoppe, nel senso che offrono armonia ma si ritirano in fretta quando l’ascoltatore prova a coglierle.

Un album che non arriva alla sufficienza ma che ci va vicino. E’ rock annacquato, quello di Mattia Calvo.

Il master del compact è ad opera di Jim Blackwood, già al lavoro con Calexico e Giant Sand.

Ascolti La Moncada, band piemontese capitanata dal cantautore Mattia Calvo, e ti viene subito in mente Cesare Basile. Perché la coordinata è quella lì: rock e folk assieme a una certa predilezione per storie scure. "Nero" (Goat Man Records, distribuzione fisica a cura di Audioglobe) è un disco che si lascia ascoltare, abbastanza accessibile e che prova a fare perno sui testi che, a onore e merito, non sono banali. Le canzoni di Calvo seguono una strada che genera uno stile, ma gli arrangiamenti convincono a metà (ci sentiamo di salvare la bella "Almeno In Francia") e le linee melodiche sono quasi…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

Tag