IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > LEADTOGOLD

LEADTOGOLD I

Non sappiamo dirvi di preciso che musica facciano i LeadtoGold, perché il loro suono è isterico, e anche le loro canzoni risentono di questi continui saliscendi, però il mix di rock, elettronica, tempi lenti, un vago sapore trip hop, voce maschile e femminile che si intrecciano, ci piace, magari non aspettatevi che ci venga facile spiegarvi i motivi di questo colpo di fulmine, però fidatevi, "I" non è un disco banale o ruffiano, è generoso di spunti interessanti ed è come quelle storie che si concludono ma lasciano intravedere la possibilità di un seguito. "Come" è la traccia più commerciale,…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Non sappiamo dirvi di preciso che musica facciano i LeadtoGold, perché il loro suono è isterico, e anche le loro canzoni risentono di questi continui saliscendi, però il mix di rock, elettronica, tempi lenti, un vago sapore trip hop, voce maschile e femminile che si intrecciano, ci piace, magari non aspettatevi che ci venga facile spiegarvi i motivi di questo colpo di fulmine, però fidatevi, “I” non è un disco banale o ruffiano, è generoso di spunti interessanti ed è come quelle storie che si concludono ma lasciano intravedere la possibilità di un seguito.

“Come” è la traccia più commerciale, ma occhio anche all’ipnotica “Ebony” e a “Less Is More”, con un giro di chitarra acidissimo (che ricorda vagamente “The Big Come Down” dei Nine Inch Nails) e un lavoro sulla melodia favoloso – a nostro avviso è il pezzo migliore, quello che meglio fotografa il potenziale dei ragazzi siciliani.

In conclusione: un esordio che dal primo all’ultimo minuto non annoia e che si prende un discreto numero di rischi. Apprezzabile, inoltre, la voglia di non rifarsi ad alcuna moda sonora attuale. Un disco fuori dal tempo, ma nel… contempo attualissimo. Insomma, questi sono bravi per davvero.

Tag