IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Classica > MARTIN KOHLSTEDT

MARTIN KOHLSTEDT Strom

Tedesco di Weimar, Martin Kohlstedt maneggia la musica classica svecchiando il genere e rendendolo intimo e nello stesso tempo pop. "Strom" è un album che parla una lingua sussurrata dove piano ed elettronica danno vita a un suono che incoraggia l'ascoltatore ad andare avanti e ad approfondire, traccia dopo traccia. La tensione emotiva resta stabile - su valori medio-alti - per tutta la durata dell'ascolto. Le nove tracce in scaletta sono tenute assieme da un filo sottilissimo fatto di immagini personali e dunque familiari, perché la musica di Martin Kohlstedt ha il dono di lasciare libera la mente dell'ascoltatore, che privato del suo…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

martin kohlstedt strom

Tedesco di Weimar, Martin Kohlstedt maneggia la musica classica svecchiando il genere e rendendolo intimo e nello stesso tempo pop. “Strom” è un album che parla una lingua sussurrata dove piano ed elettronica danno vita a un suono che incoraggia l’ascoltatore ad andare avanti e ad approfondire, traccia dopo traccia.

La tensione emotiva resta stabile – su valori medio-alti – per tutta la durata dell’ascolto. Le nove tracce in scaletta sono tenute assieme da un filo sottilissimo fatto di immagini personali e dunque familiari, perché la musica di Martin Kohlstedt ha il dono di lasciare libera la mente dell’ascoltatore, che privato del suo presente quotidiano può recuperare ricordi, sapori, momenti della memoria, in un continuo gioco di incastri fra musica (di altri) e anima (propria). Insomma, un album che è un po’ una macchina del tempo, uno stargate verso la propria intimità.

Tag