IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > MASSIVE ATTACK

MASSIVE ATTACK Ritual Spirit

Dopo 5 anni di silenzio i Massive Attack tornano con un EP. “Ritual Spirit” è composto da 4 tracce inedite, è stato scritto e prodotto da Robert Del Naja insieme al collaboratore di lunga data Euan Dickinson e vede il ritorno di Tricky (in “Take It There”), oltre alle collaborazioni con Young Fathers (in “Voodoo In My Blood”), Roots Manuva (in “Dead Editors”) e Azekel (in “Ritual Spirit”). Un secondo EP, questa volta scritto e co-prodotto da Daddy G, verrà pubblicato in primavera a cui farà seguito un album entro il 2016. Inutile girarci attorno, l'EP conquista al primo ascolto e fonde assieme…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

MASSIVE ATTACK ritual_spirit

Dopo 5 anni di silenzio i Massive Attack tornano con un EP. “Ritual Spirit” è composto da 4 tracce inedite, è stato scritto e prodotto da Robert Del Naja insieme al collaboratore di lunga data Euan Dickinson e vede il ritorno di Tricky (in “Take It There”), oltre alle collaborazioni con Young Fathers (in “Voodoo In My Blood”), Roots Manuva (in “Dead Editors”) e Azekel (in “Ritual Spirit”). Un secondo EP, questa volta scritto e co-prodotto da Daddy G, verrà pubblicato in primavera a cui farà seguito un album entro il 2016.

Inutile girarci attorno, l’EP conquista al primo ascolto e fonde assieme il tipico suono “Massive Attack” con fascinazioni diverse: rap, ritmi tribali, pop, dark, world music. La pulizia del suono è sorprendente, ma ciò che colpisce è l’intera produzione oltre alla qualità dei quattro brani in scaletta, che sfiorano i territori del pop senza però metterci neppure un piede. Restando sempre ai margini di qualcosa che non è facile definire ma che sai essere qualcosa di seducente. Un bel ritorno.

Tag