IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Must-Have

Must-Have

LUCA FAGGELLA & GIORGIO BALDI Tradizione Elettrica

luca faggella giorgio baldi tradizione elettrica
Abbiamo un debole per Luca Faggella, che ha un modo di cantare e scrivere che nobilita il cantautorato moderno. Alcune sue canzoni andrebbero usate come "libri di testo" per chi aspira a ritagliarsi uno spazio in ambito indipendente e non solo. Vogliamo recuperare questo "Tradizione Elettrica" non per esaltarlo come il miglior album di Faggella (qui in pista con Giorgio Baldi), ma proprio perché la scaletta ha alcuni brani che anche a distanza di anni non hanno perso nulla, ci riferiamo a "Quattro Giorni Quattro", "King Wa", ma soprattutto a "Catarsi Perdita Offerta", un brano enorme, per forza espressiva,…

Score

0

Abbiamo un debole per Luca Faggella, che ha un modo di cantare e scrivere che nobilita il cantautorato moderno. Alcune sue canzoni andrebbero usate come “libri di testo” per chi...

Leggi Articolo »

MINISTRI Fuori

ministri fuori
Premessa: negli ultimi tempi i Ministri si sono un po' persi, è come se sul più bello fosse venuta meno la capacità di capitalizzare il grande interesse (di critica e di pubblico) attorno al loro progetto. Fossero dei calciatori, potremmo dire che è mancata finora la consacrazione. Forse è mancato un Sanremo? O forse va anche bene così. Di sicuro il loro percorso e i loro messaggi sono diventati più difficili da interpretare. Hanno sbagliato ufficio stampa? Facile, anzi, certo. Nel 2010 scrivevamo questo di "Fuori". Sono proprio un gran gruppo, ‘sti Ministri. Senza voler eccedere in commenti sdolcinati o…

Score

0

Premessa: negli ultimi tempi i Ministri si sono un po’ persi, è come se sul più bello fosse venuta meno la capacità di capitalizzare il grande interesse (di critica e...

Leggi Articolo »

MASSIMO VOLUME Club Privè

massimo volume club prive
Il disco più... pop dei Massimo Volume ma anche il disco che in qualche modo ha portato più problemi alla band perché di lì a poco seguì un lunghissimo stop. Insomma, "Club Privè" ha un'aura matrigna, ma questo nulla toglie al suo fascino, che resta intatto anche a distanza di quasi quattro lustri. E i motivi sono molteplici: a partire dalla scrittura matura di Emidio Clementi, per finire alle melodie "piene" di molte canzoni, passando per l'ottimo lavoro in cabina di regia di Manuel Agnelli, produttore dell'album. Aggiungiamo - fra gli elementi positivi - anche le presenze discrete qua e…

Score

0

Il disco più… pop dei Massimo Volume ma anche il disco che in qualche modo ha portato più problemi alla band perché di lì a poco seguì un lunghissimo stop....

Leggi Articolo »

ONE DIMENSIONAL MAN Take Me Away

one dimensional man take away
Che peccato se alla fine Pierpaolo Capovilla fosse rimasto uno dei tanti cantautori inespressi della scena indipendente italiana. Siamo veramente felici che si sia ritagliato nel tempo un ruolo di livello. Siamo grandi ammiratori del suo talento. Forse "Take Me Away" non è il disco più noto degli One Dimensional Man, però è quello più completo, infatti segna la crescita, la maturazione, l’evoluzione della band proveniente da Venezia. Questo è un album (rock) di cui è davvero difficile parlar male: ogni cosa sta al posto giusto, le chitarre pungono senza infastidire, le linee melodiche accarezzano la testa dell’ascoltatore, il…

Score

0

Che peccato se alla fine Pierpaolo Capovilla fosse rimasto uno dei tanti cantautori inespressi della scena indipendente italiana. Siamo veramente felici che si sia ritagliato nel tempo un ruolo di...

Leggi Articolo »

CASINO ROYALE Sempre più vicini

casino royale sempre vicini
Wikipedia ci ricorda che "Sempre più vicini" è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia, alla posizione numero 34. Niente male, ma bisogna ricordare cos'è stato l'album dei Casino Royale a metà Anni Novanta per meglio comprenderne la portata. Perché la band milanese in piena esplosione del trip hop non solo accettò la sfida con un genere dalle mille sfaccettature, ma lo fece con sensibilità italiana, senza snaturare di una virgola il proprio stile e sfornando un album che ancora oggi - nonostante siano passati più di 20 anni(!) - conserva un suono…

Score

0

Wikipedia ci ricorda che “Sempre più vicini” è presente nella classifica dei 100 dischi italiani più belli di sempre secondo Rolling Stone Italia, alla posizione numero 34. Niente male, ma bisogna ricordare...

Leggi Articolo »

MAX ZANOTTI & FLORIANO BOCCHINO Crossover #1

MAX ZANOTTI FLORIANO BOCCHINO
C'è un modo semplice semplice per capire se una cover funziona: se il temerario riesce a trasmettere almeno in parte il brivido dell'autore, allora il gioco è fatto. Quindi prendete "3 Libras" degli A Perfect Circle, con alla voce non uno qualunque, ma Maynard James Keenan, e confrontatela con la versione di Max Zanotti dei Deasonika e Floriano Bocchino. Il risultato vi sorprenderà - nella speranza non siate arrivati in ritardo di quasi 7 anni nello scoprire questa chicca e tutto il lavoro attorno. Sono infatti passati un bel botto di anni da "Crossover #1". L'album resta ancora oggi una piccola…

Score

0

C’è un modo semplice semplice per capire se una cover funziona: se il temerario riesce a trasmettere almeno in parte il brivido dell’autore, allora il gioco è fatto. Quindi prendete...

Leggi Articolo »

MARLENE KUNTZ Senza peso

MARLENE KUNTZ senza peso
A volte capita di ascoltare un disco e di non capirlo. A volte capita persino di recensirlo malamente, salvo poi scoprire l'errore. Quando nel 2003 uscì "Senza peso" lo bollammo come una "mezza cagata". Un anno dopo, riascoltandolo per caso, boom, fu come se un mondo si aprisse su un panorama inesplorato. E alla fine "Senza peso" è diventato il nostro disco preferito nella discografia dei Marlene Kuntz. In questo quinto capitolo della band piemontese, le liriche di Godano sono sfacciatamente crudeli, talvolta ciniche, di sicuro sfrontate al punto giusto. I testi di "Sacrosanta verità" e "A fior di pelle", ad…

Score

0

A volte capita di ascoltare un disco e di non capirlo. A volte capita persino di recensirlo malamente, salvo poi scoprire l’errore. Quando nel 2003 uscì “Senza peso” lo bollammo...

Leggi Articolo »

VERBENA Into the pink

VERBENA into the pink
Quante volte avete sentito la frase: "Questo album lo devi ascoltare"? Un sacco, vero? In effetti la frase è piuttosto inflazionata. Però nel caso dei Verbena mettiamola così: "Into the pink" è veramente un disco bellissimo, totale, intriso di grunge (quello vero) sino al midollo. Merita una chance. Anno 1999. Per il loro secondo album in studio i Verbena si affidano alla produzione di Dave Grohl e il risultato è sorprendente: riff potenti e diretti, belle melodie, un cantato sfrontato e soprattutto singoli in quantità. Agli estremi (all'inizio e alla fine), due ballatone come "Lovely Isn't Love" e "Big Skies, Black Rainbows",…

Score

0

Quante volte avete sentito la frase: “Questo album lo devi ascoltare”? Un sacco, vero? In effetti la frase è piuttosto inflazionata. Però nel caso dei Verbena mettiamola così: “Into the pink”...

Leggi Articolo »

MADASKI Dance or Die

MADASKI dance die
Dici 2002 e ti sembra un secolo fa. Nel mezzo è successo di tutto in ambito musicale. All'epoca il rap, in Italia, non se lo cagava nessuno, mentre quindici anni dopo è diventato il verbo senza il quale ogni frase (musicale) risulta monca. Anche in ambito elettronico ne sono successe di tutti i colori: le mode si sono alternate a una velocità pazzesca. Mettiamo però dei punti fermi. "Dance or Die", anche a distanza di quasi tre lustri, resta un disco avanti, persino troppo avanti per la stitica scena elettronica italiana, un lavoro capace di prendere la lezione di…

Score

0

Dici 2002 e ti sembra un secolo fa. Nel mezzo è successo di tutto in ambito musicale. All’epoca il rap, in Italia, non se lo cagava nessuno, mentre quindici anni...

Leggi Articolo »

MASSIMO ZAMBONI L’estinzione di un colloquio amoroso

massimo zamboni estinzione colloquio amoroso
Il suo nome è legato all’avventura coi CCCP e i CSI, due gruppi seminali del rock italiano degli ultimi trent’anni. Ma Massimo Zamboni si è anche affermato come musicista solista, autore di colonne sonore, scrittore. “L’estinzione di un colloquio amoroso” è un disco particolare: cinque canzoni, cinque radiografie, canoniche e sonore. Cinque canzoni di urla sussurrate e costrette. Un album breve (dura appena 21 minuti) ma dall’eccellente trasporto emotivo. Con una novità: per la prima volta Zamboni parla d’amore, attraverso la sua riflessione allo stesso tempo intima e universale. In scaletta almeno due pezzi da ascoltare con intensa attenzione: "A ritroso"…

Score

0

Il suo nome è legato all’avventura coi CCCP e i CSI, due gruppi seminali del rock italiano degli ultimi trent’anni. Ma Massimo Zamboni si è anche affermato come musicista solista,...

Leggi Articolo »