IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > NEUROMANT

NEUROMANT Cyberbirds

“Cyberbirds” è il disco d’esordio del giovanissimo quartetto umbro dei Neuromant. Che prende la lezione dei Radiohead e la riformula con una sufficiente dose di originalità, dando vita a un album cantato tutto in inglese dove il rock di matrice anglosassone rincorre un pop alternativo gradevole, con punte di eccellenza. Per essere un debutto, c'è una buona base di partenza per il futuro: gli arrangiamenti hanno personalità e c'è un'attenzione rara verso la melodia. Ci piace anche il lavoro di produzione sulla voce. In futuro la proposta andrà personalizzata meglio e i poster dei miti (Radiohead e non soltanto)…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

neuromant cyberbirds

Cyberbirds” è il disco d’esordio del giovanissimo quartetto umbro dei Neuromant. Che prende la lezione dei Radiohead e la riformula con una sufficiente dose di originalità, dando vita a un album cantato tutto in inglese dove il rock di matrice anglosassone rincorre un pop alternativo gradevole, con punte di eccellenza. Per essere un debutto, c’è una buona base di partenza per il futuro: gli arrangiamenti hanno personalità e c’è un’attenzione rara verso la melodia. Ci piace anche il lavoro di produzione sulla voce. In futuro la proposta andrà personalizzata meglio e i poster dei miti (Radiohead e non soltanto) andranno tolti dalla cameretta, però al momento il progetto ha un suo “perché” di esistere. I pezzi migliori? L’iniziale “Trees Or Teeth”, poi “All The Crazy Voices” e soprattutto “Dreaming Water”.

Tag