IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano > I PIXEL

I PIXEL Perfettamente Inutile

"Perfettamente Inutile" è un disco a cui manca il famoso "centro di gravità permanente", perché alcune canzoni funzionano molto bene, altre sembrano incomplete, quasi dei provini. E davanti a questo continuo alternarsi di cose buone e meno buone, l'ascoltatore non può che rimanere un tantino spiazzato. Il rock-pop de I Pixel pesca a piene mani dall'immaginario (sonoro) degli Anni Novanta e Duemila. . Gli arrangiamenti non incidono granché e la sensazione generale è quella di un disco incompiuto,…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Perfettamente Inutile” è un disco a cui manca il famoso “centro di gravità permanente”, perché alcune canzoni funzionano molto bene, altre sembrano incomplete, quasi dei provini. E davanti a questo continuo alternarsi di cose buone e meno buone, l’ascoltatore non può che rimanere un tantino spiazzato.

Il rock-pop de I Pixel pesca a piene mani dall’immaginario (sonoro) degli Anni Novanta e Duemila. Il cantato è espressivo, ma quasi sempre penalizzato da testi che non riescono a restituire immagini capaci di fissarsi nella testa dell’ascoltatore. Gli arrangiamenti non incidono granché e la sensazione generale è quella di un disco incompiuto, con pezzi di puzzle incastrati a forza. Manca uno stile.

I brani migliori? “Nuovo amore via Wi-Fi” e “I sogni degli altri”.

Tag