IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione > QUIVER WITH JOY

QUIVER WITH JOY Ghost

QUIVER_WITH_JOY_ghost

Con l’atmosfera ci siamo. I Quiver With Joy riescono con “Ghost” a costruire un’atmosfera dentro la quale l’ascoltatore ci finisce volentieri, con piacevole interesse e curiosità. Mancano purtroppo all’appello personalità e stile. I dieci brani in scaletta, infatti, rincorrono un rock con radici nel blues e visioni cinematografiche – giusto per intenderci, certe produzioni del grande Jim Jarmusch si presterebbero benissimo a essere musicate da questo album che ha il pregio di lasciarsi ascoltare, ma di non invogliare il rapido riascolto. Insomma, manca un’anima. C’è da definire meglio la strada da imboccare per non restare fermi a un bivio con troppe opzioni davanti.

Con l'atmosfera ci siamo. I Quiver With Joy riescono con "Ghost" a costruire un'atmosfera dentro la quale l'ascoltatore ci finisce volentieri, con piacevole interesse e curiosità. Mancano purtroppo all'appello personalità e stile. I dieci brani in scaletta, infatti, rincorrono un rock con radici nel blues e visioni cinematografiche - giusto per intenderci, certe produzioni del grande Jim Jarmusch si presterebbero benissimo a essere musicate da questo album che ha il pregio di lasciarsi ascoltare, ma di non invogliare il rapido riascolto. Insomma, manca un'anima. C'è da definire meglio la strada da imboccare per non restare fermi a un bivio con troppe…

Score

QUALITA' - 53%

53%

53

Tag