IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Ambient

Ambient

ALESSANDRO CORTINI Avanti

alessandro cortini avanti
Alessandro Cortini continua a percorrere la sua strada, senza scorciatoie. Far parte di una band (i Nine Inch Nails) con due premi Oscar come compagni di viaggio (Atticus Ross e Trent Reznor) e un indotto poderoso attorno, farebbe venire la voglia a chiunque di lavorare in proprio sfruttando gli agganci, e invece l'artista italiano ormai trapiantato in America da diversi anni continua per la sua strada con progetti particolari, dove magari l'elettronica incontra il pop e la melodia (Sonoio) o cose più minimali, più di nicchia, come nel caso di "Avanti", un lavoro di 7 tracce all'interno del quale…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Alessandro Cortini continua a percorrere la sua strada, senza scorciatoie. Far parte di una band (i Nine Inch Nails) con due premi Oscar come compagni di viaggio (Atticus Ross e...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – PRAKASH SONTAKKE Invisible Strings

invisible strings
Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni... indiani dopo un po' danno a noia, ci sembrano un po' tutti uguali. "Invisible Strings" è però la prova che tu puoi prendere una cosa, mescolarla con un'altra e creare un suono che non è più somma di addendi, ma prodotto omogeneo. Qui da un lato c'è l'indiano con le sue chitarre, cioè Prakash Sontakke, dal lato opposto c'è Eraldo Bernocchi con il suo armamentario di invenzioni elettroniche (e chitarre, ovviamente). Alla fine il risultato va ben al di là di ogni attesa, perché le 9 tracce in scaletta (strumentali) parlano una "lingua"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni… indiani dopo un po’ danno a noia, ci sembrano un po’ tutti uguali. “Invisible Strings” è però la prova che tu puoi prendere...

Leggi Articolo »

MOODWEL Explore

MOODWEL explore
I Moodwel sono un duo chitarra elettrica e synth, formato da due cugini toscani che condividono la stessa passione per la musica elettronica ma anche per le arti visive. “Explore” è il loro primo EP, ed è composto da quattro brani inediti e un ottimo remix a cura di Dat Vila. L'elettronica è qui usata per definire panorami ampi, non-luoghi fatti di ambient e impercettibili accenti rock. La mente è libera di correre per i fatti suoi e non ci sono grossi ostacoli nell'ascolto. Tutto fila abbastanza liscio, ma il suono non è originalissimo e troppo spesso i pezzi…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

I Moodwel sono un duo chitarra elettrica e synth, formato da due cugini toscani che condividono la stessa passione per la musica elettronica ma anche per le arti visive. “Explore”...

Leggi Articolo »

IN BETWEEN In Between

in between
Partiamo col dire che Luca Maria Baldini, titolare del progetto In Between, ha azzeccato il singolo: "Love And Don't Forget" è un pezzo con un'atmosfera bellissima, sospesa fra malinconia e dolcezza. Un eccellente biglietto da visita, un'ottima scelta, così com'è stata intelligente la collocazione, cioè in apertura del compact. Il resto dell'album convince a fasi alterne: l'elettronica proposta ha sì un'anima, ma a volte perde lungo la strada la carta di identità. I rimandi al rock e all'ambient sono frequenti, e il pezzo iniziale non è l'eccezione che conferma la regola, ma episodi come "Abyss" e "Da Tanino" dicono che Baldini…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Partiamo col dire che Luca Maria Baldini, titolare del progetto In Between, ha azzeccato il singolo: “Love And Don’t Forget” è un pezzo con un’atmosfera bellissima, sospesa fra malinconia e dolcezza. Un...

Leggi Articolo »

MASSIMO RUBERTI Granchite Yumtruso PT.1

MASSIMO RUBERTI granchite_yumtruso_PT.1
E' un'elettronica espressiva, quella di Massimo Ruberti. Un'elettronica che strizza l'occhio all'ambient, ma anche al jazz in alcuni brevi passaggi. Giocando con le parole potremmo parlare di musica di passaggio per paesaggi di passaggio. Un modo per dire che ascoltando "Granchite Yumtruso PT.1" la mente è libera di muoversi lungo panorami aperti che cambiano luce senza infastidire. Insomma, ampia libertà all'ascoltatore di trovare i dettagli che meglio preferisce all'orizzonte, anche usando la musica di Ruberti come piacevole sottofondo. Noi abbiamo provato le due situazioni, cioè mettendo "Granchite Yumtruso PT.1" a basso volume e "sparandolo" forte in cuffia. In entrambi…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

E’ un’elettronica espressiva, quella di Massimo Ruberti. Un’elettronica che strizza l’occhio all’ambient, ma anche al jazz in alcuni brevi passaggi. Giocando con le parole potremmo parlare di musica di passaggio...

Leggi Articolo »

DROPP Patterns

DROPP patterns
Elettronica da Torino. Che poi è come dire, elettronica dalla Capitale, visto che negli ultimi decenni il capoluogo piemontese ha spesso indicato la strada giusta a proposito di suoni digitali e robe simili. I Dropp con "Patterns" dimostrano di essere sì cresciuti nel posto giusto, ma dimostrano anche di avere le idee chiare in fatto di elettronica, costruendo un album che ha una personalità precisa, un bell'incedere e diverse linee melodiche degne di menzione. In scaletta 8 brani per 30 minuti di musica. Molte tracce hanno un taglio scuro e flirtano con la scena mitteleuropea e con fascinazioni così varie…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Elettronica da Torino. Che poi è come dire, elettronica dalla Capitale, visto che negli ultimi decenni il capoluogo piemontese ha spesso indicato la strada giusta a proposito di suoni digitali...

Leggi Articolo »

SIRUAN Gocce

SIRUAN gocce
Che progetto strano, quello che ruota attorno a "Gocce". Il nuovo lavoro di Siruan non si potrà scaricare per intero, non si potrà ascoltare in concerto e non è dato conoscerne la tracklist. Le sette tracce di cui è composto saranno sparse in giro per il web, ospitate su varie piattaforme, siti, blog e portali rilasciando una traccia al mese da aprile fino a ottobre 2016. Un progetto anti-radiofonico, anti-discografico e volutamente incommerciabile. Musica fine a se stessa, che non ha alcuna ambizione se non quella di soddisfare le istanze dell'artista, che la definisce: «Un'interpretazione poetica su strumentali di musica…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Che progetto strano, quello che ruota attorno a “Gocce“. Il nuovo lavoro di Siruan non si potrà scaricare per intero, non si potrà ascoltare in concerto e non è dato...

Leggi Articolo »

P.O.M.A. Paranoid Room

P.O.M.A. paranoid room
P.O.M.A., acronimo di Performance Orale Mistica Astrale, è un duo di matrice sperimentale formatosi nel maggio del 2013 dall’unione di Paolo Oliva e Massimiliano Alfi. Il loro "Paranoid Room" è un disco di elettronica con accenti ambient e ritmiche austere che rubano l'attenzione e finiscono per esaltare. . Pochissimi i momenti di flessione. Un lavoro…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

P.O.M.A., acronimo di Performance Orale Mistica Astrale, è un duo di matrice sperimentale formatosi nel maggio del 2013 dall’unione di Paolo Oliva e Massimiliano Alfi. Il loro “Paranoid Room” è un disco...

Leggi Articolo »

PRESIDENT BONGO Serengeti

PRESIDENT BONGO serengeti
Stephan Stephensen è President Bongo, che è parte anche degli islandesi GusGus. Il suo "Serengeti" è un disco di elettronica con sfumature ambient, accenti tribali, un po' di jazz, world music e sperimentazione. E' un album vario che proietta l'ascoltatore in un territorio ignoto e nel contempo rassicurante. Impossibile sezionare il compact in tracce, più facile vederlo come un lungo percorso di 46 minuti dove le ritmiche sono spesso avvolgenti e lo scenario non muta mai troppo rapidamente. E' un buon disco? E' un lavoro originale, compatto, però non facilissimo da digerire in un colpo solo, funziona benissimo come sottofondo…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Stephan Stephensen è President Bongo, che è parte anche degli islandesi GusGus. Il suo “Serengeti” è un disco di elettronica con sfumature ambient, accenti tribali, un po’ di jazz, world...

Leggi Articolo »

KAY ALIS Hidden

KAY ALIS hidden
Prima cosa: mettetelo a volume altissimo. Noi l'abbiamo ascoltato la prima volta a basso volume e "Hidden" ha reso la metà della metà. Quindi non abbiate paura, tenete la manopola tutta girata verso destra. I Kay Alis sono qui al primo lavoro. La loro proposta ha come pietra angolare l'elettronica, declinata in varie forme: ambient, trip hop, noise. La fruibilità pop del disco è apprezzabile, anche se molti sviluppi melodici sono stati troncati sul più bello - un limite o una pecca? Chissà. Quello che è certo è che il quartetto umbro ha un bel modo di maneggiare il…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Prima cosa: mettetelo a volume altissimo. Noi l’abbiamo ascoltato la prima volta a basso volume e “Hidden” ha reso la metà della metà. Quindi non abbiate paura, tenete la manopola...

Leggi Articolo »