IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione (pagina 2)

Autoproduzione

DADAMATTO Canneto

dadamatto canneto
La parte musicale è sufficiente, anche se talvolta i Nostri si fanno prendere la mano e tendono ad allungare il brodo oltre misura, testi e cantato invece sono lacunosi. "Canneto" è figlio di quel rock-pop alternativo che va tanto di moda negli ultimi anni. . Insomma, bocciati.

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

La parte musicale è sufficiente, anche se talvolta i Nostri si fanno prendere la mano e tendono ad allungare il brodo oltre misura, testi e cantato invece sono lacunosi. “Canneto”...

Leggi Articolo »

USING BRIDGE Floatin' Pieces

using bridge floatin pieces
"Floatin' Pieces" è un viaggio a ritroso verso gli Anni Novanta, quando il rock era più chitarra che elettronica e dove una voce sgraziata e tosta era già metà del biglietto da visita. L'operazione nostalgia degli Using Bridge, per chi ha 40 anni, è senza dubbio un colpo al cuore, perché quello che propongono i Nostri è veramente quel suono lì, quel suono che negli ultimi tre lustri è passato di moda, ma che ha segnato più di una generazione. Purtroppo di contro c'è anche da dire che la proposta non è originale e le canzoni seguono tutte lo…

Score

QUALITA' - 53%

53%

53

“Floatin’ Pieces” è un viaggio a ritroso verso gli Anni Novanta, quando il rock era più chitarra che elettronica e dove una voce sgraziata e tosta era già metà del...

Leggi Articolo »

ROBERTO VENTIMIGLIA Bees make love to flowers

roberto ventimiglia bees make love flowers
Nato nel 1982, Roberto Ventimiglia è un musicista di formazione classica che ama scrivere per sé brani dal carattere intimo in lingua inglese. È diplomato in composizione al Conservatorio. "Bees make love to flowers" è un EP di folk che ha poco da dire. . I brani sono arrangiati privilegiando l'essenzialità alla somma di addendi - una scelta vincente - ma come un buon pasto non può essere creato soltanto con le buone intenzioni (ma ci vuole anche la…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Nato nel 1982, Roberto Ventimiglia è un musicista di formazione classica che ama scrivere per sé brani dal carattere intimo in lingua inglese. È diplomato in composizione al Conservatorio. “Bees make love to...

Leggi Articolo »

TELEGRAPH TEHRAN Spettri da scacciare

telegraph tehran spettri scacciare
Un po' di rock Anni Novanta e una buona capacità tecnica. "Spettri da scacciare" è un disco che offre poco altro, perché i Telegraph Tehran sono ancora alla ricerca di un'identità sonora che li allontani dai poster presenti nella sala prove. La scaletta è composta da 9 brani più una live bonus track: sotto l'aspetto sonoro l'album non ha picchi ed è piuttosto ripetitivo negli arrangiamenti, mentre la produzione lirica (in italiano) necessita ancora di un balzo in avanti per lasciare un segno nell'ascoltatore, così come sono, infatti, i testi dei Nostri trasmettono poco o nulla e sono acerbi dal…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

Un po’ di rock Anni Novanta e una buona capacità tecnica. “Spettri da scacciare” è un disco che offre poco altro, perché i Telegraph Tehran sono ancora alla ricerca di un’identità...

Leggi Articolo »

GIORGIO STAMMATI La festa patronale

giorgio stammati festa patronale
Per scelta non diamo mai meno di 5 e più di 7 agli EP. In questo caso, però, ci dispiace un pochino avere dei limiti, perché l'esordio del cantautore laziale (precisamente di Formia) Giorgio Stammati meriterebbe oggettivamente qualcosa di più, magari un mezzo punto. "La festa patronale" è un album di canzone d'autore. Stammati mescola assieme Guccini, Le luci della centrale elettrica, Iosonouncane. Il risultato non ha nulla di derivativo ed è molto interessante. La poetica del Nostro è fresca, ha incisività e si fa forza su una capacità di scrittura non banale. In appena 6 brani, Stammati riesce a definire perfettamente…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Per scelta non diamo mai meno di 5 e più di 7 agli EP. In questo caso, però, ci dispiace un pochino avere dei limiti, perché l’esordio del cantautore laziale (precisamente...

Leggi Articolo »

KUF Pigna

kuf pigna
I Kuf sono di Ravenna e sono nati nel 2014. Il loro "Pigna" fa venire in mente subito i Ministri, ma tranquilli, non c'è alcun copia-e-incolla, diciamo che è più una questione di attitudine, di modo di cantare. . C'è anche proprietà di linguaggio e freschezza nelle loro liriche, forse manca ancora una personalizzazione maggiore del suono, ma nel complesso…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

I Kuf sono di Ravenna e sono nati nel 2014. Il loro “Pigna” fa venire in mente subito i Ministri, ma tranquilli, non c’è alcun copia-e-incolla, diciamo che è più una questione...

Leggi Articolo »

GLI OCCHI DEGLI ALTRI Non ci annoieremo mai

occhi altri annoieremo mai
"Non ci annoieremo mai" è un album che ha qualche soluzione interessante sul fronte degli arrangiamenti, e questo è sempre apprezzabile, al di là del risultato finale. Mettiamo le mani avanti perché gli aspetti positivi del disco dei Gli Occhi Degli Altri, purtroppo, finiscono qui o quasi. Perché l'album è lacunoso dal punto di vista lirico, melodico e armonico. . Insomma, le buone intenzioni hanno partorito il classico topolino.

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

“Non ci annoieremo mai” è un album che ha qualche soluzione interessante sul fronte degli arrangiamenti, e questo è sempre apprezzabile, al di là del risultato finale. Mettiamo le mani...

Leggi Articolo »

IL REPARTO PSICHIATRICO Qualcosa più di niente

reparto psichiatrico qualcosa piu niente
"Qualcosa più di niente" è l'esordio dei lucchesi Il Reparto Psichiatrico. E' un disco di rock con ampie concessioni al pop e testi che cercano di strizzare l'occhio all'ascoltatore con tanta leggerezza. Il risultato è all'insegna delle luci e delle ombre: qualcosa funziona ("Laputa" e "Oz"), tanto altro sembra un buco nell'acqua. Dal punto di vista sonoro, . La prima parte convince più della seconda, ma la sufficienza resta lontanissima. Insomma, c'è da lavorare sodo in…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

“Qualcosa più di niente” è l’esordio dei lucchesi Il Reparto Psichiatrico. E’ un disco di rock con ampie concessioni al pop e testi che cercano di strizzare l’occhio all’ascoltatore con tanta...

Leggi Articolo »

ELLIS CLOUD Born in the 20's

ellis cloud born the 20s
“Born in the 20’s” è il titolo dell’album d’esordio di Ellis Cloud, nome d’arte di Riccardo Lo Faso, cantautore e polistrumentista palermitano. , magari non saranno melodie memorabili, robe da classifiche commerciali, però sono semplici e dirette e il Nostro non si perde in inutili virtuosismi privilegiando la sostanza agli esercizi di stile. Insomma,…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Born in the 20’s” è il titolo dell’album d’esordio di Ellis Cloud, nome d’arte di Riccardo Lo Faso, cantautore e polistrumentista palermitano. Il suo non è un disco particolarmente originale,...

Leggi Articolo »

MARGO SANDA Delay

margo sanda delay
Una bella voce espressiva è un po' come quella cosa "dell'altezza mezza bellezza". Prendete "Delay" di Margo Sanda, un disco di elettronica con delle buone idee e delle linee melodiche che in alcuni passaggi (vedi il singolo "More") lasciano la mente dell'ascoltatore libera di viaggiare. Ebbene, il valore aggiunto di "Delay" è senza dubbio la voce di Margo Sanda, che sa caricare i suoi pezzi della giusta tensione emotiva. Il risultato è questo EP di 6 canzoni dove il pop è l'invitato dell'ultimo minuto ma anche il più gradito. Questo per dire che l'album, partendo da posizioni dichiaratamente elettroniche, non…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Una bella voce espressiva è un po’ come quella cosa “dell’altezza mezza bellezza”. Prendete “Delay” di Margo Sanda, un disco di elettronica con delle buone idee e delle linee melodiche che...

Leggi Articolo »