IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d’autore

Canzone d’autore

UMAAN Umaan

umaan
Carina la cover, bello l'artwork, per il resto l'esordio degli Umaan è un disco di cantautorato elettronico piuttosto ripetitivo, che poteva tranquillamente essere accorciato di una quindicina di minuti, portando quindi la durata più vicina ai trenta minuti piuttosto che ai quasi cinquanta effettivi. La ripetitività degli arrangiamenti è il vero Tallone d'Achille ma anche i testi di Valerio Longo sono poca roba - in quest'ottica date un ascolto a "Paranoia", che è il brano meno ispirato dal punto di vista lirico anche se ha le linee melodiche più interessanti del compact. Insomma, inevitabile la bocciatura. C'è bisogno in futuro…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Carina la cover, bello l’artwork, per il resto l’esordio degli Umaan è un disco di cantautorato elettronico piuttosto ripetitivo, che poteva tranquillamente essere accorciato di una quindicina di minuti, portando quindi...

Leggi Articolo »

POVEROALBERT Ma è tutto ok

poveroalbert
“Ma è tutto ok” è il disco d’esordio dei campani Poveroalbert. Un lavoro composto da nove episodi che mescola rock alternativo e cantautorato. . Si fa fatica a capire dove vogliano andare a parare i campani con questi testi. Insomma, bene il suono, da lavorare (e parecchio) in futuro sulle liriche, c'è la necessità di dare una forma più efficace alle parole.

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

“Ma è tutto ok” è il disco d’esordio dei campani Poveroalbert. Un lavoro composto da nove episodi che mescola rock alternativo e cantautorato. La parte musicale intriga parecchio, perché nell’intenzione...

Leggi Articolo »

LE JARDIN DES BRUITS Assoluzione

jardin des bruits assoluzione
Le Jardin des Bruits sono Tony Vivona e Simone Tilli e fanno un rock alternativo (cantato in italiano) tipicamente Anni Novanta, dove la canzone d'autore è l'invitato d'onore. . "Assoluzione" ha in scaletta 10 episodi per 37 minuti di musica: la prima parte è notevole, la seconda mostra qualche flessione nel finale, ma nel complesso il disco funziona e arriva al…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Le Jardin des Bruits sono Tony Vivona e Simone Tilli e fanno un rock alternativo (cantato in italiano) tipicamente Anni Novanta, dove la canzone d’autore è l’invitato d’onore. La parte...

Leggi Articolo »

LA POLVERE Punto

polvere punto
Suoni elettronici e approccio cantautorale. Le intenzioni sono ambiziose, ma il risultato non è convincente. Il problema di "Punto" è che gli manca... una cerniera, c'è troppa distanza fra suono e liriche, sembrano due universi non complementari, ma incastrati con forza, non a caso le canzoni faticano a mostrare una personalità definita, ma tendono ad assomigliare più a dei remix. Francesco De Giorgio e Andrea Carboni sono i titolari di questo progetto che ha ancora bisogno di essere affinato e perfezionato. Al momento in un disco hanno assemblato due mondi troppo distanti, che a tratti neppure si parlano, che…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Suoni elettronici e approccio cantautorale. Le intenzioni sono ambiziose, ma il risultato non è convincente. Il problema di “Punto” è che gli manca… una cerniera, c’è troppa distanza fra suono...

Leggi Articolo »

CLAUDIO LOLLI Il grande freddo

claudio lolli grande freddo
Dal punto di vista lirico, beh, c'è poco da dire: "Il grande freddo" è un disco di qualità. Dal punto di vista musicale, invece, l'album di Claudio Lolli, insignito proprio in questi giorni della Targa Tenco 2017 (categoria "Disco in assoluto") non ci ha fatto una grandissima impressione. I motivi? Ci è sembrato un lavoro molto e troppo "old school", finanche vecchio, di sicuro rappresentativo di una canzone d'autore che oggi è stata superata. Gli altri artisti in lizza con Lolli per la conquista della Targa, nella sua categoria, erano Baustelle, Paolo Benvegnù, Brunori Sas, Edda e Le luci della…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Dal punto di vista lirico, beh, c’è poco da dire: “Il grande freddo” è un disco di qualità. Dal punto di vista musicale, invece, l’album di Claudio Lolli, insignito proprio in...

Leggi Articolo »

GIUSEPPE FIORI Spazi di vita scomodi

giuseppe fiori spazi vita scomodi
"Spazi di vita scomodi" è l'esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c'è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C'è anche Andy dei Bluvertigo (con il suo sax) in un brano. Cos'altro c'è? C'è un'elettronica discreta, che sa stare al suo posto e che arriva sempre un passo dopo la ricerca cantautorale. Insomma, un perfetto mix tra modernità e tradizione. L'album ha una prima e un'ultima parte molto convincenti, nel mezzo un filotto di brani che forse potevano essere valorizzati meglio dal punto di vista melodico, magari spingendo a tavoletta sugli arrangiamenti.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Spazi di vita scomodi” è l’esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c’è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C’è anche Andy dei...

Leggi Articolo »

OLDEN Ci hanno fregato tutto

olden fregato tutto
"Ci hanno fregato tutto" è un disco di cantautorato rock con ampie aperture all'orecchiabilità. Olden ha un timbro vocale che - in estensione - assomiglia parecchio a quello di Manuel Agnelli. La prima cosa che colpisce del suo album (il terzo in carriera) è la netta differenza fra i pezzi sostenuti e le ballate, queste ultime suonano molto ordinarie, a volte sembrano persino delle forzature. Ci piace molto di più quando il rock di Olden prende campo mettendo in panchina i ritmi lenti. Il disco nel complesso ha dei contenuti interessanti: l'autore parla delle paure legate al mondo di oggi…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

“Ci hanno fregato tutto” è un disco di cantautorato rock con ampie aperture all’orecchiabilità. Olden ha un timbro vocale che – in estensione – assomiglia parecchio a quello di Manuel...

Leggi Articolo »

SAWARA L'eccitante attesa

sawara eccitante attesa
Non fatevi fregare dalla copertina (veramente brutta), perché "L'eccitante attesa" in realtà ha contenuti interessanti. Classico caso di "abito che non fa il monaco", o robe simili. Il disco di Sawara, nome d'arte del brianzolo Fabio Agnesina, si compone di otto tracce più un remix della canzone d'apertura a cura di Marco Menaballi, anche autore - ahilui - della copertina. Partiamo con il dire che l'album è un'autoproduzione, e ci teniamo a rimarcarlo perché il livello qualitativo è discreto, c'è professionalità, non c'è improvvisazione e ci sono diversi aspetti della proposta che ci piacciono, a partire dalla voce particolarissima di Agnesina.…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Non fatevi fregare dalla copertina (veramente brutta), perché “L’eccitante attesa” in realtà ha contenuti interessanti. Classico caso di “abito che non fa il monaco”, o robe simili. Il disco di...

Leggi Articolo »

DRONING MAUD Beautiful Mistakes

droning maud beautiful mistakes
L'atmosfera generale del disco è carina, però la sensazione è che "Beautiful Mistakes" sia un album fatto con il freno a mano tirato. Diciamo questo perché quasi tutte le linee melodiche faticano a trovare una bella via, un'espressione che dia alle varie canzoni un senso compiuto. Così alla fine l'impressione che resta (all'ascoltatore) è quella di un disco che non riesce a detonare tutta la sua forza. Quello dei Droning Maud è un album di rock-folk cantautorale con delle chitarre veramente belle (sono indiscutibilmente il pezzo forte del compact) - a noi non piacciono granché le code strumentali, però…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

L’atmosfera generale del disco è carina, però la sensazione è che “Beautiful Mistakes” sia un album fatto con il freno a mano tirato. Diciamo questo perché quasi tutte le linee...

Leggi Articolo »

DIODATO Cosa siamo diventati

diodato cosa diventati
Premessa: "E forse sono pazzo" resta ancora oggi un bellissimo esempio di moderno rock d'autore con influenze pop. "Cosa siamo diventati" arriva a quattro anni da quel lavoro notevole, ed è un disco con pochi contenuti, un album di tanto fumo e arrosto scarso. Gli arrangiamenti sono il pezzo forte: ricchi di sfumature, corposi, decisamente interessanti. Un bel vestito, ma a mancare è il corpo. Nel senso che le 12 canzoni in scaletta non sono granché, cercano di continuo l'atmosfera, perdendo di vista l'essenza stessa del fare musica, cioè intrattenere ed emozionare. Ebbene, i brani di "Cosa siamo diventati" intrattengono poco ed…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Premessa: “E forse sono pazzo” resta ancora oggi un bellissimo esempio di moderno rock d’autore con influenze pop. “Cosa siamo diventati” arriva a quattro anni da quel lavoro notevole, ed è un...

Leggi Articolo »