IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Dance

Dance

BRUNO BELISSIMO Ghetto Falsetto

bruno belissimo ghetto falsetto
«Questo disco, proprio come il precedente, è stato scritto di getto. Nel gennaio dell'anno scorso ho subito il furto del computer che conteneva alcuni provini ai quali stavo lavorando. Ho perso tutto, ma quando finalmente ho potuto ritornare in studio con un laptop nuovo, in meno di un mese avevo già scritto dieci pezzi, le stesse tracce che ora compongono il disco! Probabilmente per la frustrazione accumulata... Sono molto soddisfatto di questo lavoro, credo e spero che questi pezzi trasudino tutto il divertimento che ho provato scrivendoli e producendoli». E' verissimo. "Ghetto Falsetto" è un album divertente. Com'era divertente…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

«Questo disco, proprio come il precedente, è stato scritto di getto. Nel gennaio dell’anno scorso ho subito il furto del computer che conteneva alcuni provini ai quali stavo lavorando. Ho...

Leggi Articolo »

JOE VICTOR Night Mistakes

joe victor night mistakes
Un bel bordello sonoro. I Joe Victor con "Night Mistakes" ci riportano negli Anni Settanta, a un'idea di suono che è all'apparenza vintage, ma qui riproposta con un'energia moderna, attuale. Insomma, le fascinazioni arrivano dal passato, da un folk-pop-rock che in Italia si è un po' perso di vista in ambito indipendente (salvo rarissimi casi) e che in quest'occasione è cotto a fuoco alto e pronto per la pista da ballo, magari rispolverando anche qualche pantalone a zampa. . Non tutte le canzoni in scaletta colpiscono…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Un bel bordello sonoro. I Joe Victor con “Night Mistakes” ci riportano negli Anni Settanta, a un’idea di suono che è all’apparenza vintage, ma qui riproposta con un’energia moderna, attuale....

Leggi Articolo »

IVAN GRANATINO Ingranaggi

ivan granatino ingranaggi
Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. "Ingranaggi" è un jukebox, perché dentro c'è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il pop è l'asse portante, poi dance, elettronica, rock, r&b, soul, rap. Non tutte le canzoni hanno personalità, ma la qualità media è discreta e ci sono anche pezzi fortissimi - in quest'ottica vi consigliamo l'iniziale "Io non posso" (un biglietto da visita perfetto), "Napule Allucca" (il ritornello è contaggioso), "Tu" (dal taglio molto internazionale), "My Dream" (che profuma di Anni Ottanta) e soprattutto "N'ammore e basta", che è un…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. “Ingranaggi” è un jukebox, perché dentro c’è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il...

Leggi Articolo »

BAMBOO Props

BAMBOO props
I Bamboo sono in grado di far suonare tutto: bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo. Le canzoni contenute in "Props" sembrano delle ninnananne elettroniche, hanno una fruibilità pop notevole e l'ascolto è così fluido che arrivi alla fine del disco senza neppure accorgertene. .

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

I Bamboo sono in grado di far suonare tutto: bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo. Le canzoni contenute in “Props” sembrano delle ninnananne elettroniche, hanno una fruibilità...

Leggi Articolo »

JUSTICE Woman

JUSTICE woman
Dal punto di vista dell'orecchiabilità, le canzoni di "Woman" sono una bomba, e confermano che i Justice, quando vogliono flirtare con il pop, non hanno grosse difficoltà a colpire il bersaglio grosso. Ma c'è anche da fare un discorso più ampio: i Justice non sono più dei novellini della scena elettronica e in termini di originalità la loro proposta ha perso sostanza rispetto agli inizi. E anche lo stile si è un po' "daftpunkizzato", che non è un male se l'obiettivo è vendere, vendere, vendere, però i Daft Punk sono furbissimi e unici nel loro genere, e i Justice…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Dal punto di vista dell’orecchiabilità, le canzoni di “Woman” sono una bomba, e confermano che i Justice, quando vogliono flirtare con il pop, non hanno grosse difficoltà a colpire il...

Leggi Articolo »

DANCE WITH THE BEAR Disco di platino

dance with the bear disco platino
Prendiamo la prima cosa che colpisce dei Dance With The Bear, cioè l'elettronica sparata a mille, un'elettronica che flirta apertamente con la dance, fino a toccare i territori del pop pacchiano. Ragioniamo di sottrazione e togliamola. E a questo punto chiediamoci: senza la patina danzereccia, le canzoni di "Disco di platino" desterebbero un minimo di attenzione? La nostra risposta è no. . Che intendiamoci, non è…

Score

QUALITA' - 49%

49%

49

Prendiamo la prima cosa che colpisce dei Dance With The Bear, cioè l’elettronica sparata a mille, un’elettronica che flirta apertamente con la dance, fino a toccare i territori del pop pacchiano. Ragioniamo...

Leggi Articolo »

THE ACADEMY Drunk Yoga Velvet Club

THE ACADEMY drunk_yoga_velvet_club
La prima cosa che vogliamo farvi notare è una cosa che potrete però notare/apprezzare soltanto una volta che avrete il disco dei The Academy, ci riferiamo all'artwork, davvero figo, molto originale, con una custodia a sorpresa. La cosa curiosa è che - mediamente - gli artwork più belli ormai arrivano da progetti o autoprodotti o senza grossi mezzi alle spalle, mentre etichette indipendenti e major hanno perso da tempo il piacere di offrire arte anche dal punto di vista visivo. "Drunk Yoga Velvet Club" è un album di elettronica elegante. Il cantato in inglese va alla ricerca del pop ma l'incontro-scontro non…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

La prima cosa che vogliamo farvi notare è una cosa che potrete però notare/apprezzare soltanto una volta che avrete il disco dei The Academy, ci riferiamo all’artwork, davvero figo, molto originale, con...

Leggi Articolo »

SICA The party starts here

SICA the_party_starts_here
Prodotti da Luca Vicini dei Subsonica (il bassista pelato, tanto per intenderci), i Sica con "The party starts here" propongono un mix di funk, pop ed elettronica, una addizione sonora che loro chiamano "dance entertainment". Al di là delle etichette quello che conta è la sostanza, e la sostanza c'è. . Nel gioco del "somigliano a...", potremmo dire che il…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Prodotti da Luca Vicini dei Subsonica (il bassista pelato, tanto per intenderci), i Sica con “The party starts here” propongono un mix di funk, pop ed elettronica, una addizione sonora...

Leggi Articolo »

BRUNO BELISSIMO Bruno Belissimo

BRUNO BELISSIMO
Disco+Italo Disco+Nu Disco=Infradisco. Questa è la definizione che il Nostro dà della sua musica, ed è abbastanza onesto. L'omonimo lavoro di Bruno Belissimo (dj/producer italo-canadese) è un concentrato di suoni dove il groove domina e non chiede il permesso per entrare in casa. Non fatevi fregare dal nome (a quanto pare è il suo per davvero) e dalla copertina pacchiana, è musica fatta seriamente - per intrattenere, com'è giusto che sia - ma non c'è pressapochismo o desiderio di sbracare per attirare un pubblico caciarone. Qui c'è ricerca, la produzione è discreta e anche i pezzi hanno valore. Il disco si lascia…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Disco+Italo Disco+Nu Disco=Infradisco. Questa è la definizione che il Nostro dà della sua musica, ed è abbastanza onesto. L’omonimo lavoro di Bruno Belissimo (dj/producer italo-canadese) è un concentrato di suoni dove il groove...

Leggi Articolo »

MÆNIFESTO Veni Vidi Vici

maenifesto
Non fatevi fregare dalla copertina e dall'artwork bruttino, l'esordio di Mænifesto è molto interessante. La prima cosa che ci convince di "Veni Vidi Vici" è il curioso incastro fra elettronica, new wave, techno, digital hardcore e una vaga idea di canzone d'autore. . Ottimo il lavoro di produzione, con la firma pregiata di Ale Bavo. In scaletta 9 pezzi per 41 minuti di musica. Dietro Mænifesto c'è Augustus Gregorio Rossi, artista classe 1988, che qui è bravo ad accelerare quando è necessario…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Non fatevi fregare dalla copertina e dall’artwork bruttino, l’esordio di Mænifesto è molto interessante. La prima cosa che ci convince di “Veni Vidi Vici” è il curioso incastro fra elettronica,...

Leggi Articolo »