IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Folk

Folk

PICCOLA ORCHESTRA KARASCIÒ Qualcosa mi sfugge

piccola orchestra karascio qualcosa sfugge
"Qualcosa mi sfugge" è il terzo lavoro della Piccola Orchestra Karasciò. E' un disco di folk cantautorale che suona abbastanza simile a tante cose già sentite in Italia negli Anni Duemila (Bandabardò, Casa del Vento, Modena City Ramblers e via così), con la differenza che in questo caso la canzone d'autore reclama più spazio rispetto al folk. Se "Qualcosa mi sfugge" fosse un cocktail potremmo tranquillamente comporlo con due parti di canzone d'autore, una parte di folk e poi un po' di soda spruzzata per rendere il tutto leggermente frizzante. Entrando ancora più nel dettaglio, diciamo che la parte musicale…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

“Qualcosa mi sfugge” è il terzo lavoro della Piccola Orchestra Karasciò. E’ un disco di folk cantautorale che suona abbastanza simile a tante cose già sentite in Italia negli Anni Duemila...

Leggi Articolo »

JOE VICTOR Night Mistakes

joe victor night mistakes
Un bel bordello sonoro. I Joe Victor con "Night Mistakes" ci riportano negli Anni Settanta, a un'idea di suono che è all'apparenza vintage, ma qui riproposta con un'energia moderna, attuale. Insomma, le fascinazioni arrivano dal passato, da un folk-pop-rock che in Italia si è un po' perso di vista in ambito indipendente (salvo rarissimi casi) e che in quest'occasione è cotto a fuoco alto e pronto per la pista da ballo, magari rispolverando anche qualche pantalone a zampa. . Non tutte le canzoni in scaletta colpiscono…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Un bel bordello sonoro. I Joe Victor con “Night Mistakes” ci riportano negli Anni Settanta, a un’idea di suono che è all’apparenza vintage, ma qui riproposta con un’energia moderna, attuale....

Leggi Articolo »

DANIELE COCCIA PAIFELMAN Il cielo di sotto

daniele coccia paifelman cielo sotto
"Il cielo di sotto" è il disco d’esordio di Daniele Coccia Paifelman, già autore, cantante e fondatore de Il Muro del Canto. L’album è stato prodotto da Piotta ed Emiliano Rubbi per La Grande Onda/La Zona, ed è essenzialmente un lavoro dove il cantaurorato vecchio stile (si trovano similitudini, a livello stilistico, con De Andrè, Ciampi, Tenco) incrocia il blues e il folk. La voce particolarissima di Coccia marchia a fuoco tutti i brani in scaletta e spesso dà sangue anche a qualche pezzo piuttosto anemico dal punto di vista sonoro. Ecco, il disco è facilmente giudicabile se parte…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Il cielo di sotto” è il disco d’esordio di Daniele Coccia Paifelman, già autore, cantante e fondatore de Il Muro del Canto. L’album è stato prodotto da Piotta ed Emiliano...

Leggi Articolo »

MALMÖ Manifesto della chimica romantica

malmo manifesto chimica romantica
Non sempre le ciambelle riescono col buco. "Manifesto della chimica romantica" è stato prodotto artisticamente da Massimo De Vita dei Blindur (una band veramente notevole) ed è stato masterizzato nel suo studio islandese da Birgir Jon Birgisson (uno che nell'ultimo decennio ha lavorato con un sacco di nomi grossi). Nonostante però le ottime premesse, l'esordio della band campana non è nulla di ché. Il rock a tinte folk dei Malmö è abbastanza ordinario, non ha grossi guizzi. I testi non sono banali ma neppure memorabili, l'amore per i Sigur Rós è talmente evidente che a tratti sembra di ascoltare delle cover, è come se il disco…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Non sempre le ciambelle riescono col buco. “Manifesto della chimica romantica” è stato prodotto artisticamente da Massimo De Vita dei Blindur (una band veramente notevole) ed è stato masterizzato nel suo studio islandese da Birgir...

Leggi Articolo »

BLACK TAIL One day we drove out of town

black tail one day we drove out of town
"One day we drove out of town" è un disco facilissimo da recensire, perché è come incontrare una ragazza (o un ragazzo, a seconda dei gusti, siamo gente che non si formalizza...) alla spiaggia d'estate, ne intuisci subito le forme, non devi immaginare granché e non c'è di mezzo un cappotto o una sciarpa a fare da schermo. Le coordinate del nuovo disco dei Black Tail sono quelle del folk inglese, con ampi rimandi alla lezione dei Beatles. Forse ci stiamo dilungando troppo? Volete sapere se è un buon disco? Non è un lavoro originalissimo, ma si lascia ascoltare…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

“One day we drove out of town” è un disco facilissimo da recensire, perché è come incontrare una ragazza (o un ragazzo, a seconda dei gusti, siamo gente che non...

Leggi Articolo »

GIULIA’S MOTHER Here

giulias mother here
“Here” è il secondo album del duo Giulia's Mother. Partiamo dall'errore più grande: con il materiale a disposizione bisognava girare attorno alla mezz'ora di musica ed evitare di superare i 50 minuti. La parola d'ordine doveva essere: asciugare. E invece si è scelta la strada dell'atmosfera a tutti i costi, del dilatare invece che comprimere. Morale: i 12 brani in scaletta per buona parte si assomigliano un po' tutti, gli arrangiamenti sono piatti e le divagazioni attorno al tema centrale (cioè il rock-folk) si contano sulle dita di una mano e sono - non a caso - i momenti…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

“Here” è il secondo album del duo Giulia’s Mother. Partiamo dall’errore più grande: con il materiale a disposizione bisognava girare attorno alla mezz’ora di musica ed evitare di superare i...

Leggi Articolo »

NORDGARDEN Changes

nordgarden changes
Conosciamo Terje dai tempi del suo esordio prodotto da Paolo Benvegnù. Era il 2003. E quel disco conteneva un pezzo potentissimo come "2nd Flight". Era un Terje diverso da quello che poi è diventato e da quello che è tutt'oggi. Era più istintivo e molto più vicino al rock, oggi ha pieno possesso delle sue doti, maneggia la sua musica con disinvolta padronanza e da qualche anno ha imboccato la strada del folk e del blues. "Changes" è un album solido che, oltre agli ingredienti forti della casa, non disdegna puntate nei territori del jazz e del soul, perché Nordgarden non…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Conosciamo Terje dai tempi del suo esordio prodotto da Paolo Benvegnù. Era il 2003. E quel disco conteneva un pezzo potentissimo come “2nd Flight”. Era un Terje diverso da quello che poi...

Leggi Articolo »

TWEE Mango

twee mango
Trenta minuti di pop intelligente. Roba che alle major (di solito) fa leccare i baffi. E invece “Mango”, il disco d'esordio dei piemontesi Twee, uscirà l'8 settembre come autoproduzione. Le dieci canzoni in scaletta sono cantante (in inglese) con il piglio di chi sa di avere per le mani dell'ottimo materiale e non tradiscono anche dopo diversi ascolti. Intendiamoci, i Twee non hanno inventato nulla, il loro è un pop a tinte americane che all'estero ha già trovato diverse declinazioni negli ultimi due lustri, però il risultato finale è sfizioso, frizzante, in poche parole, bello. La prima parte è…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Trenta minuti di pop intelligente. Roba che alle major (di solito) fa leccare i baffi. E invece “Mango”, il disco d’esordio dei piemontesi Twee, uscirà l’8 settembre come autoproduzione. Le...

Leggi Articolo »

CURRENT SWELL When To Talk And When To Listen

current swell
"When To Talk And When To Listen" non ha bisogno di grossi ascolti per farsi scoprire ed apprezzare. Ne basta anche uno soltanto, perché le 11 canzoni in scaletta propongono un folk-rock-pop immediato, con ritornelli che si prestano al coro e che sanno come farsi voler bene dall'ascoltatore. Insomma, quello della band canadese è un lavoro che può arrivare a un pubblico trasversale e che riesce a parlare di amore e quotidianità senza scivolare nella banalità. I pezzi migliori? Azzeccatissima l'idea di promuovere come primo singolo "It Ain't Right", ma il compact è generoso di canzoni in grado di…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“When To Talk And When To Listen” non ha bisogno di grossi ascolti per farsi scoprire ed apprezzare. Ne basta anche uno soltanto, perché le 11 canzoni in scaletta propongono...

Leggi Articolo »

PARADISIA Sound Of Freedom

paradisia sound freedom
Il disco del terzetto londinese delle Paradisia parte lento, ma ci vuole poco per intuire che c'è qualità in "Sound Of Freedom". In scaletta 12 canzoni che hanno delle linee melodiche accattivanti, . Dopo aver suonato aprendo i concerti di Paolo Nutini e Bruce Springsteen, la band si è dedicata alla registrazione di questo primo disco, lavorato durante un periodo di permanenza a Berlino. Il nome della…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Il disco del terzetto londinese delle Paradisia parte lento, ma ci vuole poco per intuire che c’è qualità in “Sound Of Freedom“. In scaletta 12 canzoni che hanno delle linee melodiche accattivanti,...

Leggi Articolo »