IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Folk

Folk

KAT FRANKIE Bad Behaviour

kat frankie bad behaviour
La voce di Kat Frankie è (tecnicamente) un piacere per le orecchie perché è liquida e concreta al tempo stesso, . Le regole di "Bad Behaviour" sono poche, tutto è teso a creare un micro cosmo dove ciò che conta davvero è l'atmosfera, e il risultato finale è un disco fresco, che sa sorprendere e intrattenere. In scaletta 10 pezzi per 37 minuti di musica. La struttura dei brani è essenziale e nel contempo efficace,…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

La voce di Kat Frankie è (tecnicamente) un piacere per le orecchie perché è liquida e concreta al tempo stesso, capace di personalizzare al meglio canzoni che partono da posizioni pop...

Leggi Articolo »

ELOISA ATTI Edges

eloisa atti edges
Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? "Edges" è stato vittima, in fase produttiva, del classico "eccesso di generosità", cioè della voglia di lavorare per addizione piuttosto che per sottrazione. Il risultato? Un disco carino, ma che poteva essere molto più efficace se si fosse lavorato di lima e martello. "Edges" è un lavoro che mescola country, folk, blues, deviazioni jazz, tutte cose che rimandano al tipico immaginario americano. E' un disco che non ha colpi di genio, ma che è piuttosto solido. La voce di Eloisa Atti è…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? “Edges” è stato vittima, in fase produttiva, del classico “eccesso di generosità”,...

Leggi Articolo »

RIGOLÒ Tornado

rigolo tornado
"Tornado" è un disco di folk e pop sperimentale con arrangiamenti ambiziosi, code strumentali che indugiano oltremisura e un'impressione di "già sentito" che inevitabilmente condiziona il giudizio finale. Nel suo complesso - e al netto dei difetti appena evidenziati - non sarebbe neppure un album da stroncare, ma se cercate l'originalità, non abita qui. Il disco dei Rigolò cerca prima di tutto di caratterizzare attorno ai brani in scaletta un'atmosfera, un mood autunnale che fa da filo conduttore. "Tornado" è suonato bene e cantato molto bene (le sovrapposizioni di Jenny Burnazzi sono perfette), purtroppo è stato appesantito nel suono,…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

“Tornado” è un disco di folk e pop sperimentale con arrangiamenti ambiziosi, code strumentali che indugiano oltremisura e un’impressione di “già sentito” che inevitabilmente condiziona il giudizio finale. Nel suo...

Leggi Articolo »

LUCY ANNE COMB Letting you go

lucy anne comb letting you go
Guido Brualdi, cioè Lucy Anne Comb, è giovane, quindi avrà tempo di affinare i contorni del suo progetto, che al momento viaggia su binari non proprio sicuri e tende a comunicare poco all'ascoltatore. "Letting you go" è un album di sette brani, cantati in inglese, che si fanno forza sulla chitarra acustica del Nostro e strizzano l'occhio al folk e al rock. , a tratti noioso, anzi, la parola giusta è…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Guido Brualdi, cioè Lucy Anne Comb, è giovane, quindi avrà tempo di affinare i contorni del suo progetto, che al momento viaggia su binari non proprio sicuri e tende a comunicare...

Leggi Articolo »

ROBERTO VENTIMIGLIA Bees make love to flowers

roberto ventimiglia bees make love flowers
Nato nel 1982, Roberto Ventimiglia è un musicista di formazione classica che ama scrivere per sé brani dal carattere intimo in lingua inglese. È diplomato in composizione al Conservatorio. "Bees make love to flowers" è un EP di folk che ha poco da dire. . I brani sono arrangiati privilegiando l'essenzialità alla somma di addendi - una scelta vincente - ma come un buon pasto non può essere creato soltanto con le buone intenzioni (ma ci vuole anche la…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Nato nel 1982, Roberto Ventimiglia è un musicista di formazione classica che ama scrivere per sé brani dal carattere intimo in lingua inglese. È diplomato in composizione al Conservatorio. “Bees make love to...

Leggi Articolo »

MÈSICO Pure and Shining

mesico pure shining
Mèsico è il progetto solista di Paolo Mazzacani. "Pure and Shining" è un album che ci convince in parte: . Le 12 tracce in scaletta stanno in equilibrio fra elettronica e folk. Quello di Mazzacani è un cantautorato intimo, che si rivolge (non solo per via della lingua inglese) a un pubblico internazionale.…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Mèsico è il progetto solista di Paolo Mazzacani. “Pure and Shining” è un album che ci convince in parte: la voce di Mazzacani è molto bella, l’atmosfera del disco è...

Leggi Articolo »

CHIARA WHITE Biancoinascoltato

chiara white biancoinascoltato
“Biancoinascoltato” è il disco d’esordio della cantautrice fiorentina Chiara White, che è musicista e scienziata: “di giorno” Chiara Cavallina, geologa e ricercatrice; “di notte” Chiara White (dal cognome della madre, di origine inglese), cantautrice e artista. Partiamo con il dire che Chiara fa un cantautorato che vira verso i territori del pop, del folk e del rock e che ricalca il solco tracciato ormai da decenni da tante artiste di casa nostra, a partire da Cristina Donà e Carmen Consoli. Le coordinate sono pressapoco quelle. Testi, stile, musica e arrangiamenti sono finalizzati più che altro a creare un'atmosfera, un tratto…

Score

QUALITA' - 53%

53%

53

“Biancoinascoltato” è il disco d’esordio della cantautrice fiorentina Chiara White, che è musicista e scienziata: “di giorno” Chiara Cavallina, geologa e ricercatrice; “di notte” Chiara White (dal cognome della madre, di...

Leggi Articolo »

LOU MORNERO Lou Mornero

lou mornero
Facciamo un giochino spietato. L'EP di Lou Mornero ha 5 brani in scaletta: 2 punti per ogni brano e vediamo cosa ne esce fuori. Il primo si chiama "OK" e ne becca zero, i successivi "Vite Strane" e "L'attesa" fanno il pieno e siamo a 4. Restano due chance per evitare la bocciatura, arrivare alla sufficienza e magari prendere qualcosina in più. "Elucubration Blues" è il pass verso la promozione, mentre la conclusiva "Strade" non porta la lode. Giochetti stupidi a parte, l'EP di Lou Mornero è gradevole. Di solito non siamo grandi estimatori delle code strumentali, però in questo caso…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

Facciamo un giochino spietato. L’EP di Lou Mornero ha 5 brani in scaletta: 2 punti per ogni brano e vediamo cosa ne esce fuori. Il primo si chiama “OK” e ne...

Leggi Articolo »

GIANCANE Ansia e Disagio

giancane ansia disagio
Come nella vita "normale", anche in musica è pericolosissimo fare ironia, perché il confine tra "quello che è capace e si può permettere di trattare ogni argomento con il sorriso" e "quello che vuole fare il simpatico" è sottilissimo, e la figura di merda è sempre dietro l'angolo. Forse proprio per questo, da noi, si è sempre imposto il cantautorato impegnato, lasciando dei piccoli territori, dei parchi a tema, alla canzone demenziale. Chiusa la parentesi, veniamo alla recensione. "Ansia e Disagio" è un disco di cantautorato ironico che non vuole trasmettere chissà quali valori, al massimo si permette di…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Come nella vita “normale”, anche in musica è pericolosissimo fare ironia, perché il confine tra “quello che è capace e si può permettere di trattare ogni argomento con il sorriso”...

Leggi Articolo »

DA BLACK JEZUS They can't cage the light

black jezus
"They can't cage the light" non è il classico disco folk. C'è in più l'elettronica, è vero, ma non è neppure questo il valore aggiunto. L'album funziona, piace, perché ha una personalità propria, definita, non suggerisce all'ascoltatore rimandi evidenti ad altri artisti, ma tiene tutti incollati all'attualità, cioè alle nove canzoni proposte. L'atmosfera è scura, la voce di Luca Impellizzeri è una piccola meraviglia di luce e buio, mentre i "giocattoli" elettronici di Ivano Amata sono così discreti da restare costantemente due passi indietro rispetto alle parole e all'incedere dei brani. Il panorama sonoro - oltre al folk - si arricchisce…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“They can’t cage the light” non è il classico disco folk. C’è in più l’elettronica, è vero, ma non è neppure questo il valore aggiunto. L’album funziona, piace, perché ha...

Leggi Articolo »