IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Grunge

Grunge

HARMONIC PILLOW Harmonic Pillow

HARMONIC PILLOW
Arriva direttamente dagli Anni Novanta l'esordio degli Harmonic Pillow. Sì, ok, è stato realizzato nel 2016, ma l'incipit rende l'idea dell'atmosfera presente in questo compact che parla sfacciatamente la lingua del rock alternativo e del grunge. In cabina di regia, oltre al duo che tiene in piedi la band, anche Nicola Manzan e Tommaso Mantelli, che è un po' come andare a giocare a San Siro avendo alle spalle due difensori solidi, due pesi massimi. In scaletta 10 brani per 30 minuti scarsi di musica. Le linee melodiche del compact sono seducenti e consentono all'ascoltatore di trovare il giusto feeling…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Arriva direttamente dagli Anni Novanta l’esordio degli Harmonic Pillow. Sì, ok, è stato realizzato nel 2016, ma l’incipit rende l’idea dell’atmosfera presente in questo compact che parla sfacciatamente la lingua...

Leggi Articolo »

VERDERAME Roma Tossica

VERDERAME roma tossica
La prima cosa è sulla copertina dell'album: davvero brutta, non rendere merito al contenuto del cd. L'altra cosa riguarda lo stile dei Verderame, che rimanda spesso ai Verdena e alla scena grunge Anni Novanta. Detto questo, al netto dei difetti "Roma Tossica" è un disco di rock alternativo che, sulle linee melodiche, offre degli spunti davvero interessanti. Molto espressivo il cantato di Fabrizio Morigi, mentre dal punto di vista sonoro la band sa come stuzzicare l'attenzione dell'ascoltatore. L'album contiene 10 pezzi per 34 minuti di musica. Ci sono diversi potenziali singoli ("Si cambia" e "Volevo fotterti", ad esempio), anche se la title…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

La prima cosa è sulla copertina dell’album: davvero brutta, non rendere merito al contenuto del cd. L’altra cosa riguarda lo stile dei Verderame, che rimanda spesso ai Verdena e alla scena...

Leggi Articolo »

SDANG! La Malinconia delle Fate

SDANG! la_malinconia_delle_fate
«Raccontiamo storie senza parlare». Ecco riassunta in poche parole la filosofia degli Sdang!, duo bresciano attivo dalla primavera 2015. Intanto partiamo dal titolo dell'album, davvero molto carino: "La Malinconia delle Fate". Ora veniamo alla proposta degli Sdang!, che muovendosi da posizioni rock vanno ad abbracciare fascinazioni sonore varie e diverse: metal, grunge, prog e c'è persino del pop nella musica dell'ensemble, ovviamente non il pop da classifica, ma un pop che si traduce in linee melodiche senza particolari spigoli. C'è alla base del disco anche una buona ricerca sonora, però bisogna ancora definire al meglio un'identità, uno stile. Insomma, luci e ombre, ma si scorge…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

«Raccontiamo storie senza parlare». Ecco riassunta in poche parole la filosofia degli Sdang!, duo bresciano attivo dalla primavera 2015. Intanto partiamo dal titolo dell’album, davvero molto carino: “La Malinconia delle Fate“. Ora...

Leggi Articolo »

SO PITTED Neo

SO PITTED neo
Questo suono qui, il suono dei So Pitted, è quello che nessun europeo, giapponese o australiano potrà mai replicare nella sua essenza, perché è roba che solo gli americani riescono a tradurre. Fa parte del loro patrimonio genetico musicale. Arriva direttamente dagli Anni Novanta e a sua volta è figlio dei Settanta e degli Ottanta. Parliamo di rock. Abrasivo e sporco. Secco e grezzo. I So Pitted arrivano da Kent, a due passi da Seattle, e sono un trio. Il loro "Neo" è suonato ottimamente e ha una bella personalità. E' un lavoro per nostalgici? Forse, perché ripropone un suono che…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Questo suono qui, il suono dei So Pitted, è quello che nessun europeo, giapponese o australiano potrà mai replicare nella sua essenza, perché è roba che solo gli americani riescono a...

Leggi Articolo »

MINÆ Minæ

MINÆ minæ
I Minæ dicono di ispirarsi a Nirvana, Placebo, Sonic Youth, Fratelli Calafuria, One Dimensional Man. Chi li ha ascoltati sostiene siano semplicemente una manata in faccia. Prima cosa: al di là della recensione, investite qualche euro per comprarvi questo EP che è una piccola opera d'arte, una speciale confezione pop-up realizzata a mano dalla scenografa Isadora Bucciarelli. Lasciatevi affascinare dall'artwork - a noi ha stupito immediatamente. Con queste premesse, diteci voi come si fa a non partire con un carico di benevolenza nei confronti di questi milanesi che masticano il rock degli Anni Novanta e lo ripropongono a modo loro? Esatto, è impossibile.…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

I Minæ dicono di ispirarsi a Nirvana, Placebo, Sonic Youth, Fratelli Calafuria, One Dimensional Man. Chi li ha ascoltati sostiene siano semplicemente una manata in faccia. Prima cosa: al di là della...

Leggi Articolo »

MARRANO Ep 2015

MARRANO ep_2015
Arrivano da Rimini, suonano in tre e il loro EP ha un profilo sonoro ben preciso: rock, grunge, punk, chitarre e la ricerca di un'orecchiabilità capace di stuzzicare l'ascoltatore, anche quello più esigente ma non incline ai compromessi del pop. . Il biglietto da visita funziona e mette in mostra una band con qualcosa da dire. I testi (in italiano) sono diretti e gli arrangiamenti intelligenti. Detto che il lavoro…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Arrivano da Rimini, suonano in tre e il loro EP ha un profilo sonoro ben preciso: rock, grunge, punk, chitarre e la ricerca di un’orecchiabilità capace di stuzzicare l’ascoltatore, anche...

Leggi Articolo »

PLUVIAN Notes from the reptile's mouth

PLUVIAN notes_from_the_reptile's_mouth
Una piccola divagazione iniziale. Ogni settimana riceviamo un bordello di dischi e una modesta parte riguarda le autoproduzioni. Ebbene, 7 volte su 10 hanno delle confezioni bellissime, sembra quasi che il miglior modo per stampare un album sia quello di non affidarsi a una casa discografica. Un paradosso, ovvio, però compact alla mano è così. "Notes from the reptile's mouth" dei Pluvian conferma la regola: artwork davvero carino, originale, molto sfizioso. . Parentesi chiusa, andiamo con la recensione. L'esordio dei padovani Pluvian è un disco che guarda al passato…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Una piccola divagazione iniziale. Ogni settimana riceviamo un bordello di dischi e una modesta parte riguarda le autoproduzioni. Ebbene, 7 volte su 10 hanno delle confezioni bellissime, sembra quasi che il miglior...

Leggi Articolo »

DAIMON Misplaced

DAIMON_misplaced
Tra i miti dei Daimon ci sono i Nirvana. Il loro "Misplaced" è la conferma che da certi punti di riferimento si fa sempre una fatica assurda quando si tratta di staccarsi. L'esordio della band non convince. Il suono è molto derivativo, il cantato eccessivamente sgraziato e la scaletta difficile da digerire in un solo ascolto. , ma in tutta onestà diverse canzoni sembrano cover di un'epoca che è sempre un piacere ricordare, ma ascoltando le versioni originali. A proposito di cover,…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Tra i miti dei Daimon ci sono i Nirvana. Il loro “Misplaced” è la conferma che da certi punti di riferimento si fa sempre una fatica assurda quando si tratta di staccarsi....

Leggi Articolo »

LE URLA TRA GLI ALBERI Le urla tra gli alberi

LE_URLA_TRA_GLI_ALBERI_le_urla_tra_gli_alberi
Tre canzoni in questo ep dei Le urla tra gli alberi, band bergamasca attiva da un annetto e votata a un rock che non disdegna robuste incursioni nei territori del grunge e qualche puntatina in quelli del noise, rimanendo aggrappata a un cantato in italiano che dal punto di vista lirico convince solo a tratti - diciamo che di tre canzoni, due raggiungono facilmente la sufficienza, mentre l'ultima, "Coma", è un brano molto acerbo. Per ciò che concerne l'aspetto musicale, la band deve ancora trovare un proprio stile ma in quest'ottica le basi per realizzare qualcosa di personale ci sono. Nell'interpretazione, cioè…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Tre canzoni in questo ep dei Le urla tra gli alberi, band bergamasca attiva da un annetto e votata a un rock che non disdegna robuste incursioni nei territori del grunge...

Leggi Articolo »

EARTHSET In a State of Altered Unconsciousness

EARTHSET_in_a_state_of_altered_unconsciousness
"In a State of Altered Unconsciousness" è il disco d'esordio degli Earthset, giovane gruppo indipendente bolognese. Il loro è un rock suonato con freschezza ma che ha il grosso limite di non possedere ancora un'identità precisa e, non a caso, la scaletta risente della mancanza di un filo capace di legare - sotto l'aspetto musicale - l'intero album. Le undici canzoni proposte sono l'insieme di fascinazioni varie, diverse, tra rock e accenti punk, tra grunge e un filino di psichedelia. . E anche dal punto di vista melodico,…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

“In a State of Altered Unconsciousness” è il disco d’esordio degli Earthset, giovane gruppo indipendente bolognese. Il loro è un rock suonato con freschezza ma che ha il grosso limite...

Leggi Articolo »