IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Hip Hop

Hip Hop

BASSI MAESTRO Mia Maestà

bassi maestro mia maesta
Quanti lavori ha firmato in carriera Bassi Maestro? Forse lui stesso ha perso il conto, ma più che sul numero è sul concetto generale che vogliamo puntare. Perché non è automatico avere qualcosa da dire, anche se ti chiami Bassi Maestro e sei un Dio in ambito hip hop italiano. Anzi, spesso sono proprio i nomi grossi quelli che lavorano di mestiere per sfangarla, per ingrassare l'ego e anche il conto in banca. "Mia Maestà" è una piacevole eccezione alla regola, perché è un album fresco, che ha parecchio da dire e che riesce ad essere "vecchia maniera" ma…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Quanti lavori ha firmato in carriera Bassi Maestro? Forse lui stesso ha perso il conto, ma più che sul numero è sul concetto generale che vogliamo puntare. Perché non è...

Leggi Articolo »

MECNA Lungomare Paranoia

mecna lungomare paranoia
Non è banale, Mecna. Ed è uno dei pochi, in ambito rap italiano, che si avvicina ai territori della canzone leggera senza sbracare. "Lungomare Paranoia" è il giusto seguito di "Laska" ed è forse un disco più accessibile rispetto a quello del 2015, di sicuro è un album che ha voglia di farsi capire, di dialogare con l'ascoltatore. L'eccessivo uso dell'autotune un po' compromette il risultato finale, ma le canzoni di Mecna funzionano abbastanza e c'è proprietà di linguaggio. E' un rap, il suo, che è distante anni luce dai luoghi comuni che il genere propone da diversi anni in…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Non è banale, Mecna. Ed è uno dei pochi, in ambito rap italiano, che si avvicina ai territori della canzone leggera senza sbracare. “Lungomare Paranoia” è il giusto seguito di...

Leggi Articolo »

GHALI Album

ghali album
Ghali non è un virtuoso della parola, però il suo stile ha due qualità: quando canta si capisce cosa dice e ha una voce che è avvolgente, rassicurante, una lunga discesa verso il pop. "Album" è un lavoro che parte da posizioni rap per abbracciare generi (e sottogeneri) diversi, tra i quali il soul, la trap, la musica leggera. Altra cosa che ci piace di Ghali: non è uno sborone. Il suo rap non è sboccato, non è aggressivo, non è banalotto, si rivolge a un pubblico trasversale con messaggi positivi, anche se raramente il Nostro prende posizione sull'attualità,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Ghali non è un virtuoso della parola, però il suo stile ha due qualità: quando canta si capisce cosa dice e ha una voce che è avvolgente, rassicurante, una lunga...

Leggi Articolo »

DARK POLO GANG Twins

dark polo gang twins
Noioso. "Twins" è un album che fa acqua da tutte le parti: insufficienti le basi, modestissime le liriche, ritornelli che spesso promettono molto ma che sul più bello perdono quota e lasciano l'ascoltatore lì, sui piedi sopra quella che dovrebbe essere la nuova frontiera del rap italiano... Noiosi. La proposta della Dark Polo Gang è un lunghissimo sbadiglio; non ci sono contenuti nel disco e le tematiche (droga, troie, tipe, paranoie, pistole e cose simili...) possono far presa solo su un pubblico di under 12. In conclusione: l'originalità non abita qui. Un album che al primo ascolto annoia, e che…

Score

QUALITA' - 30%

30%

30

Noioso. “Twins” è un album che fa acqua da tutte le parti: insufficienti le basi, modestissime le liriche, ritornelli che spesso promettono molto ma che sul più bello perdono quota...

Leggi Articolo »

IVAN GRANATINO Ingranaggi

ivan granatino ingranaggi
Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. "Ingranaggi" è un jukebox, perché dentro c'è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il pop è l'asse portante, poi dance, elettronica, rock, r&b, soul, rap. Non tutte le canzoni hanno personalità, ma la qualità media è discreta e ci sono anche pezzi fortissimi - in quest'ottica vi consigliamo l'iniziale "Io non posso" (un biglietto da visita perfetto), "Napule Allucca" (il ritornello è contaggioso), "Tu" (dal taglio molto internazionale), "My Dream" (che profuma di Anni Ottanta) e soprattutto "N'ammore e basta", che è un…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. “Ingranaggi” è un jukebox, perché dentro c’è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il...

Leggi Articolo »

LOOP THERAPY Rust & Dust

loop therapy rust dust
Quattordici tracce che possono anche essere intese come un episodio unico, un viaggio fra hip hop, jazz, funk, sample, scratch e panorami immaginari così grandi da perdercisi dentro in un secondo. . Insomma, un disco strumentale che non solo si lascia ascoltare facilmente, ma che sa persino ispirare, che…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Quattordici tracce che possono anche essere intese come un episodio unico, un viaggio fra hip hop, jazz, funk, sample, scratch e panorami immaginari così grandi da perdercisi dentro in un secondo. “Rust...

Leggi Articolo »

FABRI FIBRA Fenomeno

fabri fibra fenomeno
"Fenomeno" è un disco ricco di basi interessanti e povero di contenuti. Non c'è sostanza nelle narrazioni di Fabri Fibra e anche gli incastri (vero piatto forte della casa da sempre) in questo nuovo capitolo sono dosati col contagocce. Parliamo di un album annacquato, che prova vanamente a dire qualcosa, ma tolte le strumentali (firmate fra gli altri da Bassi Maestro, Shablo, Big Fish, Mace e Don Joe) resta veramente poco sul tavolo. "Fenomeno" è un disco che non parla né ai coetanei di Fabri Fibra (cioè i quarantenni di oggi) né alle generazioni successive. E' come se stesse in un…

Score

QUALITA' - 48%

48%

48

“Fenomeno” è un disco ricco di basi interessanti e povero di contenuti. Non c’è sostanza nelle narrazioni di Fabri Fibra e anche gli incastri (vero piatto forte della casa da sempre)...

Leggi Articolo »

PROOFTOP The Proof

PROOFTOP proof
Dal punto di vista lirico la proposta è ancora un po' acerba, ma suono, produzione e mixaggio sono basi solide, sopra le quali poter costruire in futuro. "The Proof" è un disco di rap con la classica atmosfera romana Anni Novanta, qui usata per caratterizzare e dare una cornice al lavoro dei Prooftop, non certo per scimmiottare il passato. L'elettronica arricchisce il menù e rende fresche le 12 tracce in scaletta. .…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

Dal punto di vista lirico la proposta è ancora un po’ acerba, ma suono, produzione e mixaggio sono basi solide, sopra le quali poter costruire in futuro. “The Proof” è...

Leggi Articolo »

MUSIC FROM IL VOLO La ballata dei picchettini

music from volo ballata picchettini
Cominciamo con il dire che il disco contiene le musiche e i versi rap composti, rispettivamente, da Francesco Giampaoli e da Lanfranco “Moder” Vicari per lo spettacolo "Il volo - La ballata dei picchettini". Le sonorità sono distanti dal solito immaginario hip hop e si stringono attorno al folk, al rock, al blues, con il basso sempre in evidenza e un'atmosfera piuttosto liquida, ipnotica, da bar alla fine dell'ultimo lampione della notte. Prodotto, registrato e mixato da Francesco Giampaoli, l'album è composto da nove tracce e vede Moder alla voce, Giampaoli a basso e percussioni, Diego Pasini al basso e Luigi Dadina e Tahar Lamri…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Cominciamo con il dire che il disco contiene le musiche e i versi rap composti, rispettivamente, da Francesco Giampaoli e da Lanfranco “Moder” Vicari per lo spettacolo “Il volo – La ballata...

Leggi Articolo »

GIONNYSCANDAL Reset

GIONNYSCANDAL reset
Togliete l'auto-tune a GionnyScandal. Perché non solo lo usa male, ma soprattutto quando non servirebbe. Forse non è neppure colpa sua. , ma se hai un buon flow e una discreta capacità di maneggiare l'orecchiabilità perché sputtanarsi? Quello di GionnyScandal è hip... pop da classifica, con dei testi adolescenziali e delle basi piuttosto bruttine - anche lui se lo mena con la storiella che ha fatto i soldi e i suoi coetanei lavorano in ufficio o da McDonald's, che palle. Peccato, perché il ragazzo è…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Togliete l’auto-tune a GionnyScandal. Perché non solo lo usa male, ma soprattutto quando non servirebbe. Forse non è neppure colpa sua. “Reset” è un album rovinato da questo effetto che fa...

Leggi Articolo »