IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Jazz

Jazz

PATERLINI Fuori tempo massimo

paterlini fuori tempo massimo
"Fuori tempo massimo" vede la supervisione artistica di Daniele “Bengi” Benati dei Ridillo e si muove fra jazz, pop, cantautorato e semplicità. Quelle di Emiliano Paterlini sono canzoni da Festival di Sanremo, non il Festival ingessato di trent'anni fa, ma quello che ogni tanto sa tirare fuori dal cilindro qualcosa di interessante partendo da posizioni dove la forma-canzone è valorizzata al massimo della sua espressione. Figlio d’arte (il padre CarloAlberto Paterlini era nel Clan Celentano), Emiliano propone un mix sonoro che rende omaggio a un cantautorato di cui si sono un po' perse le tracce in ambito indipendente, quindi atmosfere leggere, un tocco di eleganza qua e là e ritornelli killer.…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Fuori tempo massimo” vede la supervisione artistica di Daniele “Bengi” Benati dei Ridillo e si muove fra jazz, pop, cantautorato e semplicità. Quelle di Emiliano Paterlini sono canzoni da Festival di Sanremo, non il Festival ingessato di...

Leggi Articolo »

ELOISA ATTI Edges

eloisa atti edges
Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? "Edges" è stato vittima, in fase produttiva, del classico "eccesso di generosità", cioè della voglia di lavorare per addizione piuttosto che per sottrazione. Il risultato? Un disco carino, ma che poteva essere molto più efficace se si fosse lavorato di lima e martello. "Edges" è un lavoro che mescola country, folk, blues, deviazioni jazz, tutte cose che rimandano al tipico immaginario americano. E' un disco che non ha colpi di genio, ma che è piuttosto solido. La voce di Eloisa Atti è…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? “Edges” è stato vittima, in fase produttiva, del classico “eccesso di generosità”,...

Leggi Articolo »

PRISCILLA BEI Facciamo finta che sia andato tutto bene

priscilla bei facciamo finta sia andato bene
Un po' di sensazioni dopo il primo ascolto: il suono è moderno, la lezione di Meg (e/o di Björk) si allunga su quasi tutti i brani e sui testi bisogna ancora lavorare. Dopo l'impatto iniziale, invece, "Facciamo finta che sia andato tutto bene" dice che l'esordio della cantautrice romana Priscilla Bei è una buona cosa. Il suo è un album di pop, ma dentro ci sono fascinazioni varie e diverse: dall'elettronica al reggae. .…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Un po’ di sensazioni dopo il primo ascolto: il suono è moderno, la lezione di Meg (e/o di Björk) si allunga su quasi tutti i brani e sui testi bisogna...

Leggi Articolo »

NORDGARDEN Changes

nordgarden changes
Conosciamo Terje dai tempi del suo esordio prodotto da Paolo Benvegnù. Era il 2003. E quel disco conteneva un pezzo potentissimo come "2nd Flight". Era un Terje diverso da quello che poi è diventato e da quello che è tutt'oggi. Era più istintivo e molto più vicino al rock, oggi ha pieno possesso delle sue doti, maneggia la sua musica con disinvolta padronanza e da qualche anno ha imboccato la strada del folk e del blues. "Changes" è un album solido che, oltre agli ingredienti forti della casa, non disdegna puntate nei territori del jazz e del soul, perché Nordgarden non…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Conosciamo Terje dai tempi del suo esordio prodotto da Paolo Benvegnù. Era il 2003. E quel disco conteneva un pezzo potentissimo come “2nd Flight”. Era un Terje diverso da quello che poi...

Leggi Articolo »

CHRYSTA BELL We Dissolve

chrysta bell we dissolve
David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l'enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è discreta ma si sente. Altra cosa: nella nuova edizione di "Twin Peaks", la cantautrice americana avrà un suo spazio. Insomma, questi dettagli sono utili per inquadrare l'immaginario dentro il quale si muove "We Dissolve", che è un compact solido, senza grosse sbavature e con diverse canzoni che dimostrano di possedere personalità. La nostra preferita è "Over You", ma occhio anche a "Beautiful". Si tratta di un disco pop con…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l’enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è...

Leggi Articolo »

ANT LION A Common Day Was Born

ant lion
"A Common Day Was Born" è essenzialmente sperimentazione in salsa punk-rock. E' un buon disco? E' un lavoro che ha diverse idee carine ("Nap" è il pezzo migliore), ma stringi stringi cos'ha di particolare, unico, interessantissimo per trovare luce oltre la nicchia italiana? Nulla. Il lavoro degli Ant Lion non ha futuro (commerciale) in Italia, mentre all'estero - in tutta onestà - non c'è trippa per gatti, ragazzi. E' apprezzabile la voglia dei Nostri di andare fuori dagli schemi, di mescolare le carte lambendo persino i territori del jazz, ma di progetti simili negli ultimi tre anni ne abbiamo ascoltati…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

“A Common Day Was Born” è essenzialmente sperimentazione in salsa punk-rock. E’ un buon disco? E’ un lavoro che ha diverse idee carine (“Nap” è il pezzo migliore), ma stringi...

Leggi Articolo »

CAPTAIN MANTELL Dirty White King

captain mantell dirty white king
Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si tratta di fare musica. . In scaletta 12 brani per 47 minuti…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si...

Leggi Articolo »

KHOMPA The Shape of Drums to Come

KHOMPA shape drums come
Partiamo sempre un po' prevenuti davanti a questi progetti strumentali perché spesso hanno poco da dire, specialmente quando sono fatti in Italia. Insomma, sono tanti quelli che si improvvisano artisti del suono. Se però vi parliamo di "The Shape of Drums to Come" è perché è un lavoro veramente completo, pieno di sorprese. Khompa è Davide Compagnoni, e le coordinate del suo progetto ruotano attorno a batteria e inserti elettronici. In scaletta 8 episodi e due ospiti. Nel dettaglio: Taigen Kawabe dei Bo Ningen su "Upside-Down World", mentre per "Wrong Time Wrong Place" (un pezzo meraviglioso, molto Nine Inch Nails) ha collaborato alla…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Partiamo sempre un po’ prevenuti davanti a questi progetti strumentali perché spesso hanno poco da dire, specialmente quando sono fatti in Italia. Insomma, sono tanti quelli che si improvvisano artisti...

Leggi Articolo »

TIZIANO BIANCHI Now And Then

tiziano bianchi now and then
"Now And Then" è il primo disco solista del trombettista Tiziano Bianchi. La produzione artistica è stata curata da Tiger Okoshi, leggendario trombettista americano e docente al Berklee College of Music di Boston; l'album gode della partecipazione di Giovanni Lindo Ferretti, artista in genere restio a collaborazioni. Nove i brani presenti: sette originali e due arrangiamenti di "Knives Out" dei Radiohead e della celeberrima "Gymnopedie #1" di Erik Satie. C'è tecnica e melodia nel lavoro di Bianchi, che riesce a esprimere in note una bellezza che non sempre è di proprietà esclusiva delle parole. L'ascolto dell'album è estremamente fluido…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Now And Then” è il primo disco solista del trombettista Tiziano Bianchi. La produzione artistica è stata curata da Tiger Okoshi, leggendario trombettista americano e docente al Berklee College of...

Leggi Articolo »

MASSIMO RUBERTI Granchite Yumtruso PT.1

MASSIMO RUBERTI granchite_yumtruso_PT.1
E' un'elettronica espressiva, quella di Massimo Ruberti. Un'elettronica che strizza l'occhio all'ambient, ma anche al jazz in alcuni brevi passaggi. Giocando con le parole potremmo parlare di musica di passaggio per paesaggi di passaggio. Un modo per dire che ascoltando "Granchite Yumtruso PT.1" la mente è libera di muoversi lungo panorami aperti che cambiano luce senza infastidire. Insomma, ampia libertà all'ascoltatore di trovare i dettagli che meglio preferisce all'orizzonte, anche usando la musica di Ruberti come piacevole sottofondo. Noi abbiamo provato le due situazioni, cioè mettendo "Granchite Yumtruso PT.1" a basso volume e "sparandolo" forte in cuffia. In entrambi…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

E’ un’elettronica espressiva, quella di Massimo Ruberti. Un’elettronica che strizza l’occhio all’ambient, ma anche al jazz in alcuni brevi passaggi. Giocando con le parole potremmo parlare di musica di passaggio...

Leggi Articolo »