IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Pop

Pop

GIUSEPPE FIORI Spazi di vita scomodi

giuseppe fiori spazi vita scomodi
"Spazi di vita scomodi" è l'esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c'è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C'è anche Andy dei Bluvertigo (con il suo sax) in un brano. Cos'altro c'è? C'è un'elettronica discreta, che sa stare al suo posto e che arriva sempre un passo dopo la ricerca cantautorale. Insomma, un perfetto mix tra modernità e tradizione. L'album ha una prima e un'ultima parte molto convincenti, nel mezzo un filotto di brani che forse potevano essere valorizzati meglio dal punto di vista melodico, magari spingendo a tavoletta sugli arrangiamenti.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Spazi di vita scomodi” è l’esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c’è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C’è anche Andy dei...

Leggi Articolo »

OLDEN Ci hanno fregato tutto

olden fregato tutto
"Ci hanno fregato tutto" è un disco di cantautorato rock con ampie aperture all'orecchiabilità. Olden ha un timbro vocale che - in estensione - assomiglia parecchio a quello di Manuel Agnelli. La prima cosa che colpisce del suo album (il terzo in carriera) è la netta differenza fra i pezzi sostenuti e le ballate, queste ultime suonano molto ordinarie, a volte sembrano persino delle forzature. Ci piace molto di più quando il rock di Olden prende campo mettendo in panchina i ritmi lenti. Il disco nel complesso ha dei contenuti interessanti: l'autore parla delle paure legate al mondo di oggi…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

“Ci hanno fregato tutto” è un disco di cantautorato rock con ampie aperture all’orecchiabilità. Olden ha un timbro vocale che – in estensione – assomiglia parecchio a quello di Manuel...

Leggi Articolo »

SICK TAMBURO Un giorno nuovo

sick tamburo un giorno nuovo
Gian Maria Accusani non molla la presa. A vivisezionare il suo percorso musicale ci sarebbe materiale buono per fare una tesi universitaria, dal momento che ha attraversato la scena indipendente (e non solo) degli ultimi vent'anni come un proiettile. Il suo nome sarà sempre legato all'esperienza dei Prozac+, ma va anche detto che coi Sick Tamburo ha messo in fila un certo numero di dischi di qualità. E attenzione: non è scontato continuare a fare buona musica dopo aver sbancato le classifiche con un singolone ("Acida") e poi tornare in un ambito ristretto come quello indipendente. «"Un giorno nuovo" è…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Gian Maria Accusani non molla la presa. A vivisezionare il suo percorso musicale ci sarebbe materiale buono per fare una tesi universitaria, dal momento che ha attraversato la scena indipendente...

Leggi Articolo »

USUAL Just Feel Alright

usual just feel alright
Quello degli Usual è un progetto musicale nato nel 2015 da un incontro (non tanto casuale) tra 4 musicisti trentini già noti alla scena musicale underground locale per aver militato in diverse altre formazioni affermatesi in zona. "Just Feel Alright" è un EP di rock con influenze diverse e una passione (neppure nascosta) per il pop. In scaletta quattro assaggi che dicono abbastanza del potenziale della band, che maneggia l'orecchiabilità senza sbracare e adattando gli arrangiamenti alle necessità del caso. . Questo ci piace parecchio, nutriamo solo qualche…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Quello degli Usual è un progetto musicale nato nel 2015 da un incontro (non tanto casuale) tra 4 musicisti trentini già noti alla scena musicale underground locale per aver militato in...

Leggi Articolo »

LEVANTE Nel caos di stanze stupefacenti

levante caos stanze stupefacenti
Una foto sexy in copertina e - notizia di pochi giorni fa - la cattedra di "X-Factor" 2017. Levante ha scelto di flirtare con i rischi e non è un caso che la crescita esponenziale del "personaggio" sia coincisa anche con una crescita dei commenti sgradevoli attorno al suo percorso artistico. Per quanto ci riguarda, nutriamo dubbi e curiosità sulla sua partecipazione al Talent in veste di giurata (spudorata scelta di marketing?), mentre la sua musica propone con "Nel caos di stanze stupefacenti" sorprese e conferme. Levante è indiscutibilmente brava a maneggiare il pop, inoltre ha una voce così espressiva…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Una foto sexy in copertina e – notizia di pochi giorni fa – la cattedra di “X-Factor” 2017. Levante ha scelto di flirtare con i rischi e non è un...

Leggi Articolo »

CHRYSTA BELL We Dissolve

chrysta bell we dissolve
David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l'enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è discreta ma si sente. Altra cosa: nella nuova edizione di "Twin Peaks", la cantautrice americana avrà un suo spazio. Insomma, questi dettagli sono utili per inquadrare l'immaginario dentro il quale si muove "We Dissolve", che è un compact solido, senza grosse sbavature e con diverse canzoni che dimostrano di possedere personalità. La nostra preferita è "Over You", ma occhio anche a "Beautiful". Si tratta di un disco pop con…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l’enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è...

Leggi Articolo »

CECILIA Mari e Venti

cecilia mari venti
Siamo contenti che il disco di Cecilia (alias Mari Regazzoni) non sia una merda, perché ci sarebbe dispiaciuto scriverne male: Mari da più di un decennio porta avanti un percorso controcorrente con la sua etichetta, la Jestrai, e fa parte di quei personaggi che hanno "dato" e non solo "preso" alla/dalla scena indie italiana. E' anche la madre di Alberto e Luca Ferrari dei Verdena, ma questo è un altro discorso - non leggete malizia in questa affermazione perché non ce n'è... "Mari e Venti" è un album che ha una bellissima atmosfera, un'elettronica che puntella la vena cantautorale dell'artista e che riesce…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Siamo contenti che il disco di Cecilia (alias Mari Regazzoni) non sia una merda, perché ci sarebbe dispiaciuto scriverne male: Mari da più di un decennio porta avanti un percorso controcorrente con...

Leggi Articolo »

KRANG Comfort Zone

krang comfort zone
Bravi, intelligenti e furbi. I Krang per lanciare il loro EP si sono affidati senza esitazione a "I Wanna Love But My Ego Is So Hard", un brano killer, con un ritornello potentissimo e un arrangiamento finalizzato a buttare la palla in rete al primo affondo. Provenienti da Como, i Krang sono un duo elettro pop formato da Fabio Zago e Marco Rip. Il loro "Comfort Zone" contiene 5 brani per 18 minuti di musica ed è un buon biglietto da visita, anche se lascia aperte diverse strade, perché i Nostri un po' pescano dai Daft Punk e dalla scena francese, un…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Bravi, intelligenti e furbi. I Krang per lanciare il loro EP si sono affidati senza esitazione a “I Wanna Love But My Ego Is So Hard”, un brano killer, con un...

Leggi Articolo »

EKAT BORK Yasdyes

ekat bork yasdyes
C'è qualcosa di Florence And The Machine, ma l'accostamento più pertinente - a nostro avviso - è con Zola Jesus. Ekat Bork ha un modo di maneggiare l'elettronica (un'elettronica all'apparenza fredda, glaciale) con uno stile che suggerisce all'ascoltatore facili collegamenti con cose già sentite in giro nell'ultimo lustro. Intendiamoci, ci guardiamo bene dal dire che l'artista siberiana è una sfacciatissima copiona, diciamo che le sue influenze si notano abbastanza bene, e si nota abbastanza bene (anche) che ha talento nel modellare le linee melodiche per meglio esaltare il suo materiale. "Yasdyes" è un disco che può esercitare fascino su un…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

C’è qualcosa di Florence And The Machine, ma l’accostamento più pertinente – a nostro avviso – è con Zola Jesus. Ekat Bork ha un modo di maneggiare l’elettronica (un’elettronica all’apparenza fredda,...

Leggi Articolo »

CARLO BARBAGALLO 9

carlo barbagallo 9
Quasi sessanta minuti di musica sono sempre troppi. Carlo Barbagallo cade nell'errore di appesantire oltre misura un disco che, accorciato di una ventina di minuti e privo di alcune code strumentali, avrebbe dato ancora più soddisfazione all'ascoltatore. Attenzione, l'incipit non ci spiana la strada verso la stroncatura, semmai il contrario, perché "9", anche con i suoi difetti, è un lavoro che ha valore, . "9" è indiscutibilmente un disco…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Quasi sessanta minuti di musica sono sempre troppi. Carlo Barbagallo cade nell’errore di appesantire oltre misura un disco che, accorciato di una ventina di minuti e privo di alcune code strumentali, avrebbe...

Leggi Articolo »