IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Pop

Pop

PARADISIA Sound Of Freedom

paradisia sound freedom
Il disco del terzetto londinese delle Paradisia parte lento, ma ci vuole poco per intuire che c'è qualità in "Sound Of Freedom". In scaletta 12 canzoni che hanno delle linee melodiche accattivanti, . Dopo aver suonato aprendo i concerti di Paolo Nutini e Bruce Springsteen, la band si è dedicata alla registrazione di questo primo disco, lavorato durante un periodo di permanenza a Berlino. Il nome della…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Il disco del terzetto londinese delle Paradisia parte lento, ma ci vuole poco per intuire che c’è qualità in “Sound Of Freedom“. In scaletta 12 canzoni che hanno delle linee melodiche accattivanti,...

Leggi Articolo »

AQUARAMA Riva

aquarama riva
Premessa. Nell'estate 2015 il polistrumentista Dario Bracaloni e il batterista e visual artist Guglielmo Torelli formano Aquarama, un ambizioso progetto consapevolmente pop: un viaggio musicale e visivo che parte da Firenze e conduce ad un panorama di suggestioni tropicali, combinando groove moderni ed essenziali con ritmi downtempo ispirati dalla musica black e sudamericana, arricchiti da melodie e arrangiamenti dal sapore vintage e internazionale. Tutto vero, la cartella stampa non mente. Aquarama è un progetto spudoratamente pop e palesemente... tropicale. Nel senso che ci sono dei rimandi a ritmi che sono distanti dai soliti immaginari europei. "Riva" è un buon disco? E'…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Premessa. Nell’estate 2015 il polistrumentista Dario Bracaloni e il batterista e visual artist Guglielmo Torelli formano Aquarama, un ambizioso progetto consapevolmente pop: un viaggio musicale e visivo che parte da Firenze...

Leggi Articolo »

L’ORDINE NATURALE DELLE COSE Saturno

ordine naturale cose saturno
"Saturno" è il debutto de L'Ordine Naturale delle Cose, band indie rock di Parma. E' un disco povero di idee, dove tutti gli aspetti della proposta necessitano di un "tagliando" in futuro, a partire dal suono, che è un mix di pop-rock alternativo senza mordente, con spruzzate di elettronica Anni Ottanta, e nel mezzo dei testi (in italiano) piuttosto mosci. In scaletta dieci episodi per quasi 40 minuti di musica. . La canzone migliore?…

Score

QUALITA' - 40%

40%

40

“Saturno” è il debutto de L’Ordine Naturale delle Cose, band indie rock di Parma. E’ un disco povero di idee, dove tutti gli aspetti della proposta necessitano di un “tagliando” in...

Leggi Articolo »

NEUROMANT Cyberbirds

neuromant cyberbirds
“Cyberbirds” è il disco d’esordio del giovanissimo quartetto umbro dei Neuromant. Che prende la lezione dei Radiohead e la riformula con una sufficiente dose di originalità, dando vita a un album cantato tutto in inglese dove il rock di matrice anglosassone rincorre un pop alternativo gradevole, con punte di eccellenza. Per essere un debutto, c'è una buona base di partenza per il futuro: gli arrangiamenti hanno personalità e c'è un'attenzione rara verso la melodia. Ci piace anche il lavoro di produzione sulla voce. In futuro la proposta andrà personalizzata meglio e i poster dei miti (Radiohead e non soltanto)…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Cyberbirds” è il disco d’esordio del giovanissimo quartetto umbro dei Neuromant. Che prende la lezione dei Radiohead e la riformula con una sufficiente dose di originalità, dando vita a un...

Leggi Articolo »

MECNA Lungomare Paranoia

mecna lungomare paranoia
Non è banale, Mecna. Ed è uno dei pochi, in ambito rap italiano, che si avvicina ai territori della canzone leggera senza sbracare. "Lungomare Paranoia" è il giusto seguito di "Laska" ed è forse un disco più accessibile rispetto a quello del 2015, di sicuro è un album che ha voglia di farsi capire, di dialogare con l'ascoltatore. L'eccessivo uso dell'autotune un po' compromette il risultato finale, ma le canzoni di Mecna funzionano abbastanza e c'è proprietà di linguaggio. E' un rap, il suo, che è distante anni luce dai luoghi comuni che il genere propone da diversi anni in…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Non è banale, Mecna. Ed è uno dei pochi, in ambito rap italiano, che si avvicina ai territori della canzone leggera senza sbracare. “Lungomare Paranoia” è il giusto seguito di...

Leggi Articolo »

KILLACAT Quando Toccherò Terra

killacat tocchero terra
Un album internazionale. "Quando Toccherò Terra" è l'esordio ufficiale di Killacat, che per l'occasione ha messo assieme Mecna (ha confezionato l'artwork), Gheesa (ha prodotto il compact) e Mattia Barro, già autore e frontman della band L'Orso, che ha scritto una parte delle dieci canzoni in scaletta. E' un album internazionale perché il mix fra soul, black ed elettronica già da diversi anni funziona alla grande all'estero, e in particolar modo in America, mentre da noi non è mai stato cavalcato granché. Qui, a livello puramente sonoro, gli elementi sono incastrati con buongusto, tuttavia le linee melodiche potevano essere sfruttate meglio…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Un album internazionale. “Quando Toccherò Terra” è l’esordio ufficiale di Killacat, che per l’occasione ha messo assieme Mecna (ha confezionato l’artwork), Gheesa (ha prodotto il compact) e Mattia Barro, già autore...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Lust For Life

lana del rey lust for life
I primi singoli ci avevano lasciato dei dubbi, poi la copertina aveva fatto il resto. Insomma, partivamo prevenuti al massimo verso "Lust For Life". Anche perché Lana Del Rey lo aveva battezzato alla vigilia con parole terrificanti: "...ho fatto i miei primi 4 dischi per me, ma questo è per i miei fan". Dopo averlo ascoltato, siamo felici di poter dire che "Lust For Life", al netto dei dubbi iniziali, è un lavoro eccellente. In scaletta 16 pezzi di pop sofisticato, con i soliti arrangiamenti a cinque stelle e quel gusto per l'epicità che continua a essere il marchio…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

I primi singoli ci avevano lasciato dei dubbi, poi la copertina aveva fatto il resto. Insomma, partivamo prevenuti al massimo verso “Lust For Life“. Anche perché Lana Del Rey lo...

Leggi Articolo »

GHALI Album

ghali album
Ghali non è un virtuoso della parola, però il suo stile ha due qualità: quando canta si capisce cosa dice e ha una voce che è avvolgente, rassicurante, una lunga discesa verso il pop. "Album" è un lavoro che parte da posizioni rap per abbracciare generi (e sottogeneri) diversi, tra i quali il soul, la trap, la musica leggera. Altra cosa che ci piace di Ghali: non è uno sborone. Il suo rap non è sboccato, non è aggressivo, non è banalotto, si rivolge a un pubblico trasversale con messaggi positivi, anche se raramente il Nostro prende posizione sull'attualità,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Ghali non è un virtuoso della parola, però il suo stile ha due qualità: quando canta si capisce cosa dice e ha una voce che è avvolgente, rassicurante, una lunga...

Leggi Articolo »

IVAN GRANATINO Ingranaggi

ivan granatino ingranaggi
Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. "Ingranaggi" è un jukebox, perché dentro c'è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il pop è l'asse portante, poi dance, elettronica, rock, r&b, soul, rap. Non tutte le canzoni hanno personalità, ma la qualità media è discreta e ci sono anche pezzi fortissimi - in quest'ottica vi consigliamo l'iniziale "Io non posso" (un biglietto da visita perfetto), "Napule Allucca" (il ritornello è contaggioso), "Tu" (dal taglio molto internazionale), "My Dream" (che profuma di Anni Ottanta) e soprattutto "N'ammore e basta", che è un…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Malgrado la scaletta extra large (17 brani!) il disco di Ivan Granatino funziona. “Ingranaggi” è un jukebox, perché dentro c’è un ventaglio di suoni, fascinazioni, generi da perderci la testa: il...

Leggi Articolo »

GIUSEPPE FIORI Spazi di vita scomodi

giuseppe fiori spazi vita scomodi
"Spazi di vita scomodi" è l'esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c'è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C'è anche Andy dei Bluvertigo (con il suo sax) in un brano. Cos'altro c'è? C'è un'elettronica discreta, che sa stare al suo posto e che arriva sempre un passo dopo la ricerca cantautorale. Insomma, un perfetto mix tra modernità e tradizione. L'album ha una prima e un'ultima parte molto convincenti, nel mezzo un filotto di brani che forse potevano essere valorizzati meglio dal punto di vista melodico, magari spingendo a tavoletta sugli arrangiamenti.…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Spazi di vita scomodi” è l’esordio di Giuseppe Fiori. In cabina di regia c’è LeLe Battista, uno che in Italia sa maneggiare il pop come pochi. C’è anche Andy dei...

Leggi Articolo »