IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Psichedelia

Psichedelia

TETA MONA Mad Woman

teta mona mad woman
"Mad Woman" è reggae ipnotico, un modo piuttosto efficace di maneggiare il folk. E' un album estivo? Intanto è uscito a fine dicembre scorso, in pieno inverno, e diciamo che ha un taglio scuro che ben si adatta alle stagioni fredde, ma possiamo tranquillamente definirlo come un compact in grado di funzionare in tutte le stagioni, perché ha qualità e immediatezza, oltre a una discreta fruibilità pop. Il disco di esordio di Teta Mona (nome d'arte di Teta Colamonaco) è stato interamente registrato e prodotto "in casa", e gira attorno a delle belle linee di basso e alla voce dell'artista pugliese, che ha…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Mad Woman” è reggae ipnotico, un modo piuttosto efficace di maneggiare il folk. E’ un album estivo? Intanto è uscito a fine dicembre scorso, in pieno inverno, e diciamo che ha...

Leggi Articolo »

JULIE’S HAIRCUT Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin

JULIES HAIRCUT invocation ritual dance demon twin
"Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin" è il settimo album dei Julie's Haircut, ed è veramente un lavoro completo. Ora dovremmo stare qua a convincervi ad ascoltare tutto il compact, però se siete di corsa e volete il classico tutto-e-subito, limitatevi soltanto all'ascolto dell'iniziale "Zukunft", un pezzone di quasi 12 minuti che ipnotizza fin dalle prime battute. Ma anche "Gathering Light" è un ottimo biglietto da visita. Fatto questo passo, sarà impossibile non proseguire con il resto della scaletta. Scommettiamo? «Se c’è un senso nella musica psichedelica è sempre stato quello dell’avventurarsi senza una rete di protezione». Ecco,…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Invocation And Ritual Dance Of My Demon Twin” è il settimo album dei Julie’s Haircut, ed è veramente un lavoro completo. Ora dovremmo stare qua a convincervi ad ascoltare tutto...

Leggi Articolo »

OMOSUMO Omosumo

OMOSUMO omosumo
Gli Omosumo sanno destare interesse, curiosità, nel loro modo di fare musica c'è la chiara scintilla dell'originalità. . Il suono di volta in volta sterza verso atterraggi scomodi, le liriche dicono-e-non-dicono, svelano-e-nascondono e sotto l'aspetto tecnico il produttore canadese Colin Stewart ha fatto un gran lavoro con il mixaggio. Difetti? La melodia va e viene, e questo penalizza il potenziale del compact, che rischia…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Gli Omosumo sanno destare interesse, curiosità, nel loro modo di fare musica c’è la chiara scintilla dell’originalità. Il loro rock elettronico/psichedelico è perfetto per chiudere gli occhi e liberare la...

Leggi Articolo »

THE SOMNAMBULIST Unbegotten

THE SOMNAMBULIST unbegotten
The Somnambulist è una band berlinese che mescola psichedelia e rock, capitanata da Marco Bianciardi (già Caboto ed Elton Junk). I quattro episodi in scaletta hanno personalità definite e una discreta fruibilità pop. L'ascolto scorre senza grossi scivoloni, il cantato (in inglese) è molto espressivo e tutte le canzoni hanno uno sviluppo interessante. .

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

The Somnambulist è una band berlinese che mescola psichedelia e rock, capitanata da Marco Bianciardi (già Caboto ed Elton Junk). I quattro episodi in scaletta hanno personalità definite e una discreta fruibilità pop....

Leggi Articolo »

CACAO Astral

cacao astral
"Astral" è l'album d'esordio di Cacao, duo composto da Diego Pasini (Ronin) e Matteo Pozzi (Actionmen).  E' un disco particolare, strano, pieno di contraddizioni e chiaroscuri, senza uno stile preciso, eppure il tutto è affascinante. Più che un lavoro tenuto insieme da un filo comune, sembra più un'antologia di brani, idee diverse riversate in un unico contenitore. Chitarra e basso sono gli elementi portanti, ma c'è anche elettronica, una concezione del rock che è più europea che italiana. Insomma, l'album è così vario che non è facile definire le coordinate giuste. E' un lavoro da consigliare "Astral"? Sì, magari…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

“Astral” è l’album d’esordio di Cacao, duo composto da Diego Pasini (Ronin) e Matteo Pozzi (Actionmen).  E’ un disco particolare, strano, pieno di contraddizioni e chiaroscuri, senza uno stile preciso,...

Leggi Articolo »

MOON IN JUNE In Other Words We Are Three

moon in june in_other_words_we_are_three
Partiamo da "Again", il primo singolo estratto da “In Other Words We Are Three”, il disco d'esordio dei Moon In June. E' un ottimo pezzo, perché ha un incedere che coinvolge e la fruibilità pop del brano è apprezzabile. Intendiamoci, la formazione bresciana non fa pop, ma nel rock-psichedelico proposto ci sono ampie aperture all'orecchiabilità, soprattutto nei ritornelli. Il debutto dei Moon In June mette in evidenza un gruppo che ha tecnica e capacità di comporre belle canzoni. L'ascolto è piacevole, la scaletta azzeccata e quasi tutti i brani riescono a comunicare una sensazione positiva già al primo contatto. Il cantato…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Partiamo da “Again”, il primo singolo estratto da “In Other Words We Are Three”, il disco d’esordio dei Moon In June. E’ un ottimo pezzo, perché ha un incedere che coinvolge...

Leggi Articolo »

PALMER GENERATOR Discipline

palmer generator discipline
I Palmers (aka famiglia Palmieri) sono Michele, Mattia e Tommaso Palmieri (rispettivamente padre, figlio e zio) e si sono formati a Jesi nella primavera del 2010. Un trio chitarra, basso e batteria, per costruire muri di suono dove vibrazioni rock, rumore e psichedelia sono i mattoncini alla base del tutto. "Discipline" si compone di 5 pezzi per 35 minuti di musica. L'abbiamo ascoltato a volume basso e ci è sembrato un lavoro sufficiente nonostante il suono molto derivativo. A volume alto, invece, l'album ci ha lasciato qualche dubbio. La band ha la capacità di portare l'ascoltatore su su fino…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

I Palmers (aka famiglia Palmieri) sono Michele, Mattia e Tommaso Palmieri (rispettivamente padre, figlio e zio) e si sono formati a Jesi nella primavera del 2010. Un trio chitarra, basso...

Leggi Articolo »

BOL&SNAH So? Now?

bolsnah sonow
“So? Now?” è il primo album di Bol&Snah, side project di “Snah” Hans Magnus Ryan, fondatore e chitarrista dei Motorpsycho, insieme al trio Bol, per l’etichetta Gigafon Records. Il disco prende come pretesto il rock per allargare rapidamente gli orizzonti e toccare lidi diversi: all'interno è facile infatti trovare prog, un filino di pop, psichedelia, sperimentazione, elettronica. Insomma, non è un lavoro facile da classificare, più facile sondarlo usando le emozioni che provoca, e sotto questo punto di vista "So? Now?" è un disco generoso di atmosfere epiche in grado di coinvolgere l'ascoltatore. L'iniziale "The Sidewalks" è un ottimo…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“So? Now?” è il primo album di Bol&Snah, side project di “Snah” Hans Magnus Ryan, fondatore e chitarrista dei Motorpsycho, insieme al trio Bol, per l’etichetta Gigafon Records. Il disco...

Leggi Articolo »

ENTROFOBESSE Sounds of a Past Generation

ENTROFOBESSE sounds_of_a_past_generation
Suoni di una generazione passata è il concetto primario attorno al quale ruota tutto quello che c'è di nuovo negli Entrofobesse. Un ritorno al passato verso modelli di convivenza più genuini, il dissenso intransigente verso i sistemi che mettono in commercio strutture mentali preconfezionate, il malessere di vivere in un mondo dove è crescente la decadenza eco-umana. "Sounds of a Past Generation" è un buon disco. Sarebbe potuto, però, essere un disco ancora migliore se invece di appesantirlo (si sfiora l'ora di ascolto) si fosse scelta una strada diversa, sposando l'agilità invece della pesantezza. Gli Entrofobesse partendo dal rock, infarciscono…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Suoni di una generazione passata è il concetto primario attorno al quale ruota tutto quello che c’è di nuovo negli Entrofobesse. Un ritorno al passato verso modelli di convivenza più...

Leggi Articolo »

THE CHANFRUGHEN Shah Mat

THE CHANFRUGHEN shah mat
Rock e psichedelia. E poco altro. "Shah Mat" è un album che si perde facilmente per strada, ed è un peccato. Perché . Dal punto di vista musicale, però, la proposta dei The Chanfrughen non ci pare particolarmente originale e le melodie non riescono mai a premiare la pazienza dell'ascoltatore. Insomma, un lavoro a metà: ok le liriche, ma musicalmente nulla lascia il segno, e anzi, a volte si ha la netta sensazione che con le…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Rock e psichedelia. E poco altro. “Shah Mat” è un album che si perde facilmente per strada, ed è un peccato. Perché il cantato e i testi ci piacciono parecchio...

Leggi Articolo »