IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione

Sperimentazione

NINE INCH NAILS Bad Witch

nine inch nails bad witch
Ormai Trent Reznor ha smesso di essere un autore. E' come se avesse sviluppato una sorta di stitichezza verso la classica forma canzone. L'unione di intenti con Atticus Ross ha senza dubbio dato profondità alla vena creativa (sonora) del leader dei Nine Inch Nails (assieme hanno vinto anche un Oscar), ma il Reznor di oggi è irriconoscibile come autore in senso stretto. E "Bad Witch" sta lì a testimoniare la bontà del concetto appena espresso, visto che è il solito disco rapido (6 brani) con una produzione eccellente ma con pochissime idee. Un album di giochini elettronici, di sperimentazione…

Score

QUALITA' - 40%

40%

40

Ormai Trent Reznor ha smesso di essere un autore. E’ come se avesse sviluppato una sorta di stitichezza verso la classica forma canzone. L’unione di intenti con Atticus Ross ha...

Leggi Articolo »

GDG MODERN TRIO Spazio 1918

gdg modern trio
Bruno Dorella non è mai banale e il suo percorso è stato finora così vario che quando lo vedi fra i partecipanti di un progetto sai già in partenza che lungo la scaletta ci sarà qualcosa di sorprendente. GDG Modern Trio vede Francesco Giampaoli, Bruno Dorella e Stefano Ghittoni confrontarsi attorno a un'idea di suono che proietta l'ascoltatore indietro nel tempo, . L'ascolto dell'album è fluido e non ci…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Bruno Dorella non è mai banale e il suo percorso è stato finora così vario che quando lo vedi fra i partecipanti di un progetto sai già in partenza che...

Leggi Articolo »

SPREAD Vivi per miracolo

spread vivi miracolo
Quanti stati d'animo porta con sé "Vivi per miracolo"? Il terzo album in studio per gli Spread è un viaggio isterico attorno al rock, un continuo accelerare e decelerare per fuggire da quello che si sente, oggi, in ambito indipendente. Perché . Il rock qui è maneggiato con coraggio da leone ed è stato registrato e mixato da Alberto Ferrari dei Verdena, che senza dubbio ha indirizzato il percorso. Il risultato finale convince a tratti, nel senso che in più di un…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Quanti stati d’animo porta con sé “Vivi per miracolo“? Il terzo album in studio per gli Spread è un viaggio isterico attorno al rock, un continuo accelerare e decelerare per fuggire da...

Leggi Articolo »

ERIO Inesse

erio inesse
Ancor prima di parlare del nuovo disco, ci viene una riflessione: chi può criticare Erio? Chi può permettersi il lusso di criticare un artista (italiano) con un potenziale così grande? Insomma, davanti al talento, quello cristallino, si alzano le mani in segno di resa e si parte comunque bendisposti. Sempre. Ecco perché - e qui chiudiamo la riflessione - secondo noi è impossibile criticare Erio, si può al massimo ragionare sul presente e su quello che può ancora sviluppare per arrivare al largo pubblico, perché l'ambito indipendente alla lunga risulterà stretto. "Inesse" è un disco molto bello dal punto…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Ancor prima di parlare del nuovo disco, ci viene una riflessione: chi può criticare Erio? Chi può permettersi il lusso di criticare un artista (italiano) con un potenziale così grande?...

Leggi Articolo »

INDIANIZER Zenith

indianizer zenith
Tutto mescolato. "Zenith" è come un sogno senza filo logico e con le regole azzerate in funzione dell'umore, del suono, del suo sviluppo. . «I brani sono nati da jam sessions libere e selvagge - spiegano i Nostri - a cui sono state aggiunte le linee vocali solo successivamente, delineando strutture imprevedibili». L'album è all'insegna della sperimentazione, e poi sotto con suoni acidi, sintetici e spaziali che avvolgono una pulsazione ritmica costante e ossessiva, alla ricerca di una catarsi irraggiungibile. Il coinvolgimento dell'ascoltatore è totale, e non c'è…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Tutto mescolato. “Zenith” è come un sogno senza filo logico e con le regole azzerate in funzione dell’umore, del suono, del suo sviluppo. E’ un disco che non propone uno...

Leggi Articolo »

LISA KANT Trinus

lisa kant trinus
"Trinus" è il disco di esordio di Lisa Kant, autrice, vocal coach, cantante, studiosa di musica antica, di riti magici e alchemici. L'idea alla base dell'album non è originalissima, cioè fondere antico ed elettronica, echi di un passato millenario e suoni digitali, però il risultato è veramente convincente perché pur battendo strade già esplorate (in special modo all'estero), . "Trinus" sperimenta e non plana…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Trinus” è il disco di esordio di Lisa Kant, autrice, vocal coach, cantante, studiosa di musica antica, di riti magici e alchemici. L’idea alla base dell’album non è originalissima, cioè fondere antico...

Leggi Articolo »

MAMUTHONES Fear On The Corner

mamuthones fear corner
. Gli accostamenti con gli LCD Soundsystem ci sembrano generosi e distanti dalla realtà. Siamo convinti che dal vivo l'album dei Mamuthones possa stimolare sensazioni migliori, perché si sente che è un lavoro fatto per essere suonato live, con tutto il suo carico di imprevedibilità. La nostra valutazione però si deve basare su quello che c'è su compact, e sinceramente crediamo che in giro ci siano cose più interessanti, capaci di andare oltre il tentativo di stupire l'ascoltatore con effetti speciali e…

Score

QUALITA' - 51%

51%

51

Tanto fumo e poco arrosto. “Fear On The Corner” è un po’ di confusione e delirio in salsa rock-elettronica. Gli accostamenti con gli LCD Soundsystem ci sembrano generosi e distanti...

Leggi Articolo »

IBERLINO Hai mai mangiato un uomo?

iberlino mai mangiato uomo
Bello il titolo, interessante il nome del duo, bella la foto in copertina (di Gianluca Scerni), bello l'artwork (di Kain Malcovich), bello il lavoro di Mirko Difrancescantonio (alla voce) e Fabio Pulcini (alle chitarre), bella l'elettronica proposta, belli anche i featuring della cantante Susanna Regazzi, presente in molte tracce del disco. Insomma, "Hai mai mangiato un uomo?" è un album che conquista al primo ascolto, complice una vincente unione di intenti che spinge l'ascoltatore a trovare il suo naturale posto nell'universo del duo. Le coordinate del disco portano il progetto in un territorio fuori moda, popolato dalle meglio cose degli Anni Ottanta/Novanta:…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Bello il titolo, interessante il nome del duo, bella la foto in copertina (di Gianluca Scerni), bello l’artwork (di Kain Malcovich), bello il lavoro di Mirko Difrancescantonio (alla voce) e Fabio Pulcini...

Leggi Articolo »

LEBOWSKI Cura Violenta

lebowski cura violenta
"Cura Violenta" è un disco originale, perché partendo da posizioni rock va a prendersi dei rischi lungo le strade del pop contemporaneo, della sperimentazione, del punk, del noise, . Detto che le liriche sono un evidente valore aggiunto, la parte musicale tiene il passo e alle percussioni del…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Cura Violenta” è un disco originale, perché partendo da posizioni rock va a prendersi dei rischi lungo le strade del pop contemporaneo, della sperimentazione, del punk, del noise, mescolando il...

Leggi Articolo »

BJÖRK Utopia

bjork utopia
Bella la produzione, bella la voce di Björk, belle le atmosfere, bello il gioco di specchi fra le voci (un marchio di fabbrica). Insomma, tutto bello, per carità, ma le canzoni dove sono? Perché senza le canzoni "Utopia" è semplicemente un meraviglioso esercizio di stile. Altra cosa: c'era proprio bisogno di sfornare un album lungo quasi 72-minuti-72, annacquando qua e là i contenuti e allungando il brodo all'inverosimile? "Utopia" è un disco dove la sperimentazione diventa l'alibi per esasperare l'ascoltatore e proiettarlo in un territorio senza appigli, dove tre o quattro concetti/canzoni vengono ripetuti più e più volte. A nostro…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Bella la produzione, bella la voce di Björk, belle le atmosfere, bello il gioco di specchi fra le voci (un marchio di fabbrica). Insomma, tutto bello, per carità, ma le canzoni...

Leggi Articolo »