IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione

Sperimentazione

FORM FOLLOWS Morfosi

form follows morfosi
Form Follows è un giovane duo nato a Livorno nell'inverno 2016, creato dalle menti di Filippo Conti e Fabio Saggese. "Morfosi" è un disco di elettronica varia e variegata, ci sono così tante influenze da rendere l'ascolto non fluido, macchinoso, ostico. Prese singolarmente le 9 tracce in scaletta riescono a intrattenere, ma quando si tratta di dare un valore all'opera nel suo insieme l'azione si fa più difficile perché fra accenti trip hop e jazz è un attimo smarrirsi. E forse anche i Nostri si sono un po' persi per strada in fase di lavorazione... "Morfosi" è un buon disco,…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Form Follows è un giovane duo nato a Livorno nell’inverno 2016, creato dalle menti di Filippo Conti e Fabio Saggese. “Morfosi” è un disco di elettronica varia e variegata, ci sono...

Leggi Articolo »

SCOGLI DI ZINCO Dai Meriggi ai Fondali

scogli zinco meriggi fondali
Il precedente EP non ci aveva impressionato granché, "Dai Meriggi ai Fondali" ci sembra un lavoro più quadrato, con intelligenti aperture al pop e costruzioni che sanno muoversi fra rock e sperimentazione. Insomma, i 4 brani in scaletta dimostrano un miglioramento da parte degli Scogli di Zinco: . L'EP ha un taglio notturno, la città è vista da lontano, da un panorama dove a dominare è la natura, il cantato è ispirato e del poker in scaletta non ci…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Il precedente EP non ci aveva impressionato granché, “Dai Meriggi ai Fondali” ci sembra un lavoro più quadrato, con intelligenti aperture al pop e costruzioni che sanno muoversi fra rock e...

Leggi Articolo »

GUI AMABIS Ruivo em Sangue

GUI AMABIS
"Ruivo em Sangue" (letteralmente “Rosso in Sangue”) è il terzo album del cantautore, polistrumentista e produttore brasiliano Gui Amabis. Registrato tra São Paulo e Lisbona e prodotto da Amabis stesso, il disco mette assieme buio e luce, chitarra e programmazione elettronica, classico e moderno. La mente corre a certe cose di Jay-Jay Johanson. Gui riesce a coniugare alla perfezione l’approccio cantautorale, con un personalissimo utilizzo dei campioni, dimostrando una maturità notevole in fase di produzione. C'è originalità lungo la scaletta e l'ascolto - complice una durata ridotta, appena 29 minuti - risulta estremamente fluido. Insomma, un album per chi oltre…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Ruivo em Sangue” (letteralmente “Rosso in Sangue”) è il terzo album del cantautore, polistrumentista e produttore brasiliano Gui Amabis. Registrato tra São Paulo e Lisbona e prodotto da Amabis stesso, il...

Leggi Articolo »

CARLO BARBAGALLO 9

carlo barbagallo 9
Quasi sessanta minuti di musica sono sempre troppi. Carlo Barbagallo cade nell'errore di appesantire oltre misura un disco che, accorciato di una ventina di minuti e privo di alcune code strumentali, avrebbe dato ancora più soddisfazione all'ascoltatore. Attenzione, l'incipit non ci spiana la strada verso la stroncatura, semmai il contrario, perché "9", anche con i suoi difetti, è un lavoro che ha valore, . "9" è indiscutibilmente un disco…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Quasi sessanta minuti di musica sono sempre troppi. Carlo Barbagallo cade nell’errore di appesantire oltre misura un disco che, accorciato di una ventina di minuti e privo di alcune code strumentali, avrebbe...

Leggi Articolo »

CLARK Death Peak

clark death peak
A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue "five songs", ci mise dentro "Black Stone" (tratto da "Iradelphic"), un brano particolare con un video che non puoi dimenticare dopo averlo visto. "Death Peak" è il nuovo disco di Clark ed è fatto di un'elettronica fuori dagli schemi. Le capacità del producer britannico sono qui tese verso due obiettivi: creare un suono corposo, solido, di chiara matrice mitteleruropea, e nel contempo fornire un'anima, qualcosa di vivo, alle sue tracce. Il risultato è un album che soddisfa entrambe le intenzioni di partenza. Il suono…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue “five songs“, ci mise dentro “Black Stone” (tratto da “Iradelphic”), un brano particolare...

Leggi Articolo »

TECHNOIR NeMui

technoir nemui
Classico disco che può raccogliere opinioni diverse ma anche pareri che possono completarsi a vicenda. Questo perché "NeMui" (acronimo di New Ecosystem Musically Improved) è un album che ha senza dubbio punti di forza: l'abbinamento soul ed elettronica funziona, la voce di Jennifer Villa è un bel valore aggiunto e Alexandros Phoenix produce con mano ferma. Tutto suona, insomma, abbastanza bene, ma l'originalità non abita qui, perché il progetto saccheggia spudoratamente fascinazioni elettroniche provenienti da Oltralpe e Paesi vicini, aggiungendo un po' di melodia, un filino di sperimentazione fighettina e qualche vago richiamo esotico. "NeMui" è ottimo come sottofondo musicale, perché è poco…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Classico disco che può raccogliere opinioni diverse ma anche pareri che possono completarsi a vicenda. Questo perché “NeMui” (acronimo di New Ecosystem Musically Improved) è un album che ha senza dubbio punti...

Leggi Articolo »

ANT LION A Common Day Was Born

ant lion
"A Common Day Was Born" è essenzialmente sperimentazione in salsa punk-rock. E' un buon disco? E' un lavoro che ha diverse idee carine ("Nap" è il pezzo migliore), ma stringi stringi cos'ha di particolare, unico, interessantissimo per trovare luce oltre la nicchia italiana? Nulla. Il lavoro degli Ant Lion non ha futuro (commerciale) in Italia, mentre all'estero - in tutta onestà - non c'è trippa per gatti, ragazzi. E' apprezzabile la voglia dei Nostri di andare fuori dagli schemi, di mescolare le carte lambendo persino i territori del jazz, ma di progetti simili negli ultimi tre anni ne abbiamo ascoltati…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

“A Common Day Was Born” è essenzialmente sperimentazione in salsa punk-rock. E’ un buon disco? E’ un lavoro che ha diverse idee carine (“Nap” è il pezzo migliore), ma stringi...

Leggi Articolo »

LE CAPRE A SONAGLI Cannibale

capre sonagli cannibale
"Cannibale" dice che Le Capre a Sonagli hanno qualcosa da dire. Il disco è ispirato ed è stato prodotto magistralmente da Tommaso Colliva, che si è anche occupato del mixaggio. La radice del suono è rock, ma le declinazioni sono numerose: ci puoi trovare dentro il folk, un pizzico di world music, blues, sperimentazione e fra le pieghe della scaletta c'è persino del pop. Insomma, un delirio organizzato, con le canzoni che cercano registri stilistici mai banali, una voce animale e il cantato in italiano che forse è una limitazione, perché l'album con l'inglese avrebbe anche potuto costruirsi una vita fuori…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Cannibale” dice che Le Capre a Sonagli hanno qualcosa da dire. Il disco è ispirato ed è stato prodotto magistralmente da Tommaso Colliva, che si è anche occupato del mixaggio. La radice...

Leggi Articolo »

CAPTAIN MANTELL Dirty White King

captain mantell dirty white king
Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si tratta di fare musica. . In scaletta 12 brani per 47 minuti…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si...

Leggi Articolo »

POP X Lesbianitj

pop x lesbianitj
Elettronica che sembra uscita dal cabinato di una qualche sala giochi Anni Ottanta, testi al limite dell’assurdo, attitudine punk, una capacità melodica che farebbe invidia a molti, creatività esplosiva, ma c’è molto altro ancora che non è possibile spiegare utilizzando le parole. Non sempre i comunicati stampa sono affidabili, in questo caso ci potremmo fermare alla descrizione sopra e non aggiungere altro. Perché in effetti il progetto di Davide Panizza è nelle coordinate dell'incipit. "Lesbianitj" è un album eccessivo, con dei testi che sono incastri perfetti, ti girano persino le palle che non siano nel booklet che accompagna il compact.…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Elettronica che sembra uscita dal cabinato di una qualche sala giochi Anni Ottanta, testi al limite dell’assurdo, attitudine punk, una capacità melodica che farebbe invidia a molti, creatività esplosiva, ma...

Leggi Articolo »