IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Sperimentazione

Sperimentazione

ANT LION A Common Day Was Born

ant lion
"A Common Day Was Born" è essenzialmente sperimentazione in salsa punk-rock. E' un buon disco? E' un lavoro che ha diverse idee carine ("Nap" è il pezzo migliore), ma stringi stringi cos'ha di particolare, unico, interessantissimo per trovare luce oltre la nicchia italiana? Nulla. Il lavoro degli Ant Lion non ha futuro (commerciale) in Italia, mentre all'estero - in tutta onestà - non c'è trippa per gatti, ragazzi. E' apprezzabile la voglia dei Nostri di andare fuori dagli schemi, di mescolare le carte lambendo persino i territori del jazz, ma di progetti simili negli ultimi tre anni ne abbiamo ascoltati…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

“A Common Day Was Born” è essenzialmente sperimentazione in salsa punk-rock. E’ un buon disco? E’ un lavoro che ha diverse idee carine (“Nap” è il pezzo migliore), ma stringi...

Leggi Articolo »

LE CAPRE A SONAGLI Cannibale

capre sonagli cannibale
"Cannibale" dice che Le Capre a Sonagli hanno qualcosa da dire. Il disco è ispirato ed è stato prodotto magistralmente da Tommaso Colliva, che si è anche occupato del mixaggio. La radice del suono è rock, ma le declinazioni sono numerose: ci puoi trovare dentro il folk, un pizzico di world music, blues, sperimentazione e fra le pieghe della scaletta c'è persino del pop. Insomma, un delirio organizzato, con le canzoni che cercano registri stilistici mai banali, una voce animale e il cantato in italiano che forse è una limitazione, perché l'album con l'inglese avrebbe anche potuto costruirsi una vita fuori…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Cannibale” dice che Le Capre a Sonagli hanno qualcosa da dire. Il disco è ispirato ed è stato prodotto magistralmente da Tommaso Colliva, che si è anche occupato del mixaggio. La radice...

Leggi Articolo »

CAPTAIN MANTELL Dirty White King

captain mantell dirty white king
Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si tratta di fare musica. . In scaletta 12 brani per 47 minuti…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Un rock americano (tipicamente Anni Settanta e Novanta) ma fatto con quella sensibilità per la melodia (tipicamente italiana) che soltanto noi siamo in grado di mettere sul tavolo quando si...

Leggi Articolo »

POP X Lesbianitj

pop x lesbianitj
Elettronica che sembra uscita dal cabinato di una qualche sala giochi Anni Ottanta, testi al limite dell’assurdo, attitudine punk, una capacità melodica che farebbe invidia a molti, creatività esplosiva, ma c’è molto altro ancora che non è possibile spiegare utilizzando le parole. Non sempre i comunicati stampa sono affidabili, in questo caso ci potremmo fermare alla descrizione sopra e non aggiungere altro. Perché in effetti il progetto di Davide Panizza è nelle coordinate dell'incipit. "Lesbianitj" è un album eccessivo, con dei testi che sono incastri perfetti, ti girano persino le palle che non siano nel booklet che accompagna il compact.…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

Elettronica che sembra uscita dal cabinato di una qualche sala giochi Anni Ottanta, testi al limite dell’assurdo, attitudine punk, una capacità melodica che farebbe invidia a molti, creatività esplosiva, ma...

Leggi Articolo »

BAMBOO Props

BAMBOO props
I Bamboo sono in grado di far suonare tutto: bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo. Le canzoni contenute in "Props" sembrano delle ninnananne elettroniche, hanno una fruibilità pop notevole e l'ascolto è così fluido che arrivi alla fine del disco senza neppure accorgertene. .

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

I Bamboo sono in grado di far suonare tutto: bidoni, pentole, plastica, folletti, spazzolini elettrici e pistole giocattolo. Le canzoni contenute in “Props” sembrano delle ninnananne elettroniche, hanno una fruibilità...

Leggi Articolo »

MUTO Independent

MUTO independent
Un paio di cose prima della recensione: "Independent" funziona soprattutto se sparato bello alto nello stereo o nelle cuffie, a volume normale perde qualcosa, inoltre è un disco di elettronica che vi farà tornare indietro nel tempo, perché le concessioni alla scena Anni Novanta sono numerose, frequenti e mai nascoste fra le pieghe. «Ogni brano è un porto, una transizione, un nuovo pensiero, uno stato d’animo, un racconto. Un mezzo per descrivere senza parole le diverse emozioni che attraversano l’animo umano e che ci rendono vivi ed indipendenti, in quanto unici». Fra techno, drum'n'bass e atmosfere che si dilatano…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Un paio di cose prima della recensione: “Independent” funziona soprattutto se sparato bello alto nello stereo o nelle cuffie, a volume normale perde qualcosa, inoltre è un disco di elettronica...

Leggi Articolo »

OMOSUMO Omosumo

OMOSUMO omosumo
Gli Omosumo sanno destare interesse, curiosità, nel loro modo di fare musica c'è la chiara scintilla dell'originalità. . Il suono di volta in volta sterza verso atterraggi scomodi, le liriche dicono-e-non-dicono, svelano-e-nascondono e sotto l'aspetto tecnico il produttore canadese Colin Stewart ha fatto un gran lavoro con il mixaggio. Difetti? La melodia va e viene, e questo penalizza il potenziale del compact, che rischia…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Gli Omosumo sanno destare interesse, curiosità, nel loro modo di fare musica c’è la chiara scintilla dell’originalità. Il loro rock elettronico/psichedelico è perfetto per chiudere gli occhi e liberare la...

Leggi Articolo »

KHOMPA The Shape of Drums to Come

KHOMPA shape drums come
Partiamo sempre un po' prevenuti davanti a questi progetti strumentali perché spesso hanno poco da dire, specialmente quando sono fatti in Italia. Insomma, sono tanti quelli che si improvvisano artisti del suono. Se però vi parliamo di "The Shape of Drums to Come" è perché è un lavoro veramente completo, pieno di sorprese. Khompa è Davide Compagnoni, e le coordinate del suo progetto ruotano attorno a batteria e inserti elettronici. In scaletta 8 episodi e due ospiti. Nel dettaglio: Taigen Kawabe dei Bo Ningen su "Upside-Down World", mentre per "Wrong Time Wrong Place" (un pezzo meraviglioso, molto Nine Inch Nails) ha collaborato alla…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Partiamo sempre un po’ prevenuti davanti a questi progetti strumentali perché spesso hanno poco da dire, specialmente quando sono fatti in Italia. Insomma, sono tanti quelli che si improvvisano artisti...

Leggi Articolo »

TWOAS4 Marea Gluma

twoas4 marea gluma
Lavoro ambizioso, quello dei toscani Twoas4, che hanno il pregio di presentarsi con un bellissimo artwork. "Marea Gluma" è un album di rock (newyorchese) con svariate sfumature e una scaletta composta da undici brani che alternano italiano, inglese, rumeno. . Questo per dire che "Marea Gluma" si guarda tanto e troppo allo specchio, dando poche chiavi di lettura all'utente. La…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

Lavoro ambizioso, quello dei toscani Twoas4, che hanno il pregio di presentarsi con un bellissimo artwork. “Marea Gluma” è un album di rock (newyorchese) con svariate sfumature e una scaletta composta...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – PRAKASH SONTAKKE Invisible Strings

invisible strings
Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni... indiani dopo un po' danno a noia, ci sembrano un po' tutti uguali. "Invisible Strings" è però la prova che tu puoi prendere una cosa, mescolarla con un'altra e creare un suono che non è più somma di addendi, ma prodotto omogeneo. Qui da un lato c'è l'indiano con le sue chitarre, cioè Prakash Sontakke, dal lato opposto c'è Eraldo Bernocchi con il suo armamentario di invenzioni elettroniche (e chitarre, ovviamente). Alla fine il risultato va ben al di là di ogni attesa, perché le 9 tracce in scaletta (strumentali) parlano una "lingua"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni… indiani dopo un po’ danno a noia, ci sembrano un po’ tutti uguali. “Invisible Strings” è però la prova che tu puoi prendere...

Leggi Articolo »