IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero

Straniero

PARADISIA Sound Of Freedom

paradisia sound freedom
Il disco del terzetto londinese delle Paradisia parte lento, ma ci vuole poco per intuire che c'è qualità in "Sound Of Freedom". In scaletta 12 canzoni che hanno delle linee melodiche accattivanti, . Dopo aver suonato aprendo i concerti di Paolo Nutini e Bruce Springsteen, la band si è dedicata alla registrazione di questo primo disco, lavorato durante un periodo di permanenza a Berlino. Il nome della…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Il disco del terzetto londinese delle Paradisia parte lento, ma ci vuole poco per intuire che c’è qualità in “Sound Of Freedom“. In scaletta 12 canzoni che hanno delle linee melodiche accattivanti,...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Lust For Life

lana del rey lust for life
I primi singoli ci avevano lasciato dei dubbi, poi la copertina aveva fatto il resto. Insomma, partivamo prevenuti al massimo verso "Lust For Life". Anche perché Lana Del Rey lo aveva battezzato alla vigilia con parole terrificanti: "...ho fatto i miei primi 4 dischi per me, ma questo è per i miei fan". Dopo averlo ascoltato, siamo felici di poter dire che "Lust For Life", al netto dei dubbi iniziali, è un lavoro eccellente. In scaletta 16 pezzi di pop sofisticato, con i soliti arrangiamenti a cinque stelle e quel gusto per l'epicità che continua a essere il marchio…

Score

QUALITA' - 79%

79%

79

I primi singoli ci avevano lasciato dei dubbi, poi la copertina aveva fatto il resto. Insomma, partivamo prevenuti al massimo verso “Lust For Life“. Anche perché Lana Del Rey lo...

Leggi Articolo »

SÓLEY Endless Summer

soley endless summer
Sóley continua a fare della gran musica. Il suo terzo lavoro è abbastanza diverso dal disco precedente - il bellissimo "Ask The Deep" - ma la qualità media dei brani qui proposti è discreta e gli arrangiamenti sono semplici ed efficaci, ti fanno venire in mente le prime cose di Tori Amos, con quelle parti di piano (come nella title track) che sembrano aprirti la strada verso percorsi della mente che neppure credevi possibili. "Endless Summer" è un album meno scuro del precedente, ma la cifra stilistica dell'artista islandese non ha perso smalto. Il folk viene rimaneggiato con una…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Sóley continua a fare della gran musica. Il suo terzo lavoro è abbastanza diverso dal disco precedente – il bellissimo “Ask The Deep” – ma la qualità media dei brani...

Leggi Articolo »

CHRYSTA BELL We Dissolve

chrysta bell we dissolve
David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l'enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è discreta ma si sente. Altra cosa: nella nuova edizione di "Twin Peaks", la cantautrice americana avrà un suo spazio. Insomma, questi dettagli sono utili per inquadrare l'immaginario dentro il quale si muove "We Dissolve", che è un compact solido, senza grosse sbavature e con diverse canzoni che dimostrano di possedere personalità. La nostra preferita è "Over You", ma occhio anche a "Beautiful". Si tratta di un disco pop con…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l’enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è...

Leggi Articolo »

EKAT BORK Yasdyes

ekat bork yasdyes
C'è qualcosa di Florence And The Machine, ma l'accostamento più pertinente - a nostro avviso - è con Zola Jesus. Ekat Bork ha un modo di maneggiare l'elettronica (un'elettronica all'apparenza fredda, glaciale) con uno stile che suggerisce all'ascoltatore facili collegamenti con cose già sentite in giro nell'ultimo lustro. Intendiamoci, ci guardiamo bene dal dire che l'artista siberiana è una sfacciatissima copiona, diciamo che le sue influenze si notano abbastanza bene, e si nota abbastanza bene (anche) che ha talento nel modellare le linee melodiche per meglio esaltare il suo materiale. "Yasdyes" è un disco che può esercitare fascino su un…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

C’è qualcosa di Florence And The Machine, ma l’accostamento più pertinente – a nostro avviso – è con Zola Jesus. Ekat Bork ha un modo di maneggiare l’elettronica (un’elettronica all’apparenza fredda,...

Leggi Articolo »

GUI AMABIS Ruivo em Sangue

GUI AMABIS
"Ruivo em Sangue" (letteralmente “Rosso in Sangue”) è il terzo album del cantautore, polistrumentista e produttore brasiliano Gui Amabis. Registrato tra São Paulo e Lisbona e prodotto da Amabis stesso, il disco mette assieme buio e luce, chitarra e programmazione elettronica, classico e moderno. La mente corre a certe cose di Jay-Jay Johanson. Gui riesce a coniugare alla perfezione l’approccio cantautorale, con un personalissimo utilizzo dei campioni, dimostrando una maturità notevole in fase di produzione. C'è originalità lungo la scaletta e l'ascolto - complice una durata ridotta, appena 29 minuti - risulta estremamente fluido. Insomma, un album per chi oltre…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Ruivo em Sangue” (letteralmente “Rosso in Sangue”) è il terzo album del cantautore, polistrumentista e produttore brasiliano Gui Amabis. Registrato tra São Paulo e Lisbona e prodotto da Amabis stesso, il...

Leggi Articolo »

CLARK Death Peak

clark death peak
A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue "five songs", ci mise dentro "Black Stone" (tratto da "Iradelphic"), un brano particolare con un video che non puoi dimenticare dopo averlo visto. "Death Peak" è il nuovo disco di Clark ed è fatto di un'elettronica fuori dagli schemi. Le capacità del producer britannico sono qui tese verso due obiettivi: creare un suono corposo, solido, di chiara matrice mitteleruropea, e nel contempo fornire un'anima, qualcosa di vivo, alle sue tracce. Il risultato è un album che soddisfa entrambe le intenzioni di partenza. Il suono…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

A farci scoprire Clark è stata Tying Tiffany, che un paio di anni fa, compilando le sue “five songs“, ci mise dentro “Black Stone” (tratto da “Iradelphic”), un brano particolare...

Leggi Articolo »

VÖK Figure

vok figure
"Figure" è una parola il cui significato muta in base ai diversi contesti di utilizzo: può significare “comprendere qualcosa”, ma anche far riferimento ad una figura nel buio, un corpo, una forma. Non c'è da stupirsi che la band islandese Vök, dal sound pop elettronico ma capace di improvvise e continue variazioni melodiche, abbia scelto proprio “Figure” come titolo per il suo album di debutto. Sottoscriviamo senza alcuna esitazione il comunicato stampa. Questi islandesi hanno un modo spregiudicato di maneggiare la melodia, di creare atmosfere che mutano di brano in brano. "Figure" è un album che, per essere un…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

“Figure” è una parola il cui significato muta in base ai diversi contesti di utilizzo: può significare “comprendere qualcosa”, ma anche far riferimento ad una figura nel buio, un corpo,...

Leggi Articolo »

THE AFGHAN WHIGS In Spades

afghan whigs spades
Greg Dulli ha da poco superato i cinquant'anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell'inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue scorribande soliste aveva dimostrato di saperci fare, ma con gli Afghan Whigs è da sempre un'altra storia, l'incastro è perfetto. «Questo non è un disco tematico, ma segue un filo conduttore. Parla di come la  memoria finisca per confondersi con il presente molto rapidamente».  "In Spades" è il nuovo disco degli Afghan Whigs e dice che possiamo andare a dormire tranquilli stanotte: da qualche parte nel mondo c'è ancora chi…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Greg Dulli ha da poco superato i cinquant’anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell’inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue...

Leggi Articolo »

ERIN K Little Torch

erin k little torch
Folk che vira verso il pop. "Little Torch" è un disco che non ha grosse pretese e che coccola l'ascoltatore con atmosfere leggere. La scaletta è estremamente fluida, non ci sono grossi scivoloni in questo esordio dell'artista texana e si arriva alla fine dell'ascolto sazi e convinti di non aver buttato via una mezz'oretta abbondante. . Forse mancano gli azzardi, le variazioni attorno al tema centrale, ma per essere un debutto c'è del materiale interessante. I pezzi migliori? "No control", "Pay to…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Folk che vira verso il pop. “Little Torch” è un disco che non ha grosse pretese e che coccola l’ascoltatore con atmosfere leggere. La scaletta è estremamente fluida, non ci...

Leggi Articolo »