IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Straniero

Straniero

THE AFGHAN WHIGS In Spades

afghan whigs spades
Greg Dulli ha da poco superato i cinquant'anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell'inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue scorribande soliste aveva dimostrato di saperci fare, ma con gli Afghan Whigs è da sempre un'altra storia, l'incastro è perfetto. «Questo non è un disco tematico, ma segue un filo conduttore. Parla di come la  memoria finisca per confondersi con il presente molto rapidamente».  "In Spades" è il nuovo disco degli Afghan Whigs e dice che possiamo andare a dormire tranquilli stanotte: da qualche parte nel mondo c'è ancora chi…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Greg Dulli ha da poco superato i cinquant’anni, ma resta sempre un diabolico sciamano, un appiglio solido nell’inflazionato campo del rock americano. Lui sa come si fa. Anche nelle sue...

Leggi Articolo »

ERIN K Little Torch

erin k little torch
Folk che vira verso il pop. "Little Torch" è un disco che non ha grosse pretese e che coccola l'ascoltatore con atmosfere leggere. La scaletta è estremamente fluida, non ci sono grossi scivoloni in questo esordio dell'artista texana e si arriva alla fine dell'ascolto sazi e convinti di non aver buttato via una mezz'oretta abbondante. . Forse mancano gli azzardi, le variazioni attorno al tema centrale, ma per essere un debutto c'è del materiale interessante. I pezzi migliori? "No control", "Pay to…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Folk che vira verso il pop. “Little Torch” è un disco che non ha grosse pretese e che coccola l’ascoltatore con atmosfere leggere. La scaletta è estremamente fluida, non ci...

Leggi Articolo »

ERMAL META Vietato morire

ermal meta vietato morire
Era scritto che Ermal Meta diventasse un artista da classifica, perché già coi La Fame di Camilla si capiva che aveva dei numeri grossi in ambito pop. L'ultimo Sanremo (si è piazzato al terzo posto) ha dato ulteriore slancio alla sua carriera e, mentre scriviamo, il suo nuovo disco (doppio) è stato certificato d'oro. Siamo sinceramente contenti. "Vietato morire" contiene nove brani inediti, tra cui il singolo omonimo presentato al Festival di Sanremo 2017, e un secondo disco contenente tutti i brani estratti dal precedente album in studio, cioè "Umano". In questa nuova produzione compaiono anche Elisa e Luca "Vicio"…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Era scritto che Ermal Meta diventasse un artista da classifica, perché già coi La Fame di Camilla si capiva che aveva dei numeri grossi in ambito pop. L’ultimo Sanremo (si...

Leggi Articolo »

RETROSPECTIVE FOR LOVE Random activities of a heart

retrospective love random activities heart
“Random activities of a heart” è il titolo dell’album d’esordio della band fondata da Davide Shorty. Il disco ruota attorno ai territori del soul, con una particolare passione per gli Anni Settanta e arrangiamenti moderni, in un gioco di specchi fra passato e presente che a conti fatti rende il compact gradevole, piacevolissimo da ascoltare anche in maniera distratta. . Il progetto…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

“Random activities of a heart” è il titolo dell’album d’esordio della band fondata da Davide Shorty. Il disco ruota attorno ai territori del soul, con una particolare passione per gli...

Leggi Articolo »

DEPECHE MODE Spirit

depeche mode spirit
Recensire una band come i Depeche Mode ti impone di essere... superficiale, perché cosa vuoi approfondire dal punto di vista tecnico? Come puoi metterti a fare il professorino con gente che in studio può permettersi ogni azzardo tecnico? E cosa vuoi dire davanti a un suono così pulito in cuffia da avere quasi la sensazione di ospitare la band sul divano di casa? Ecco, non puoi aggiungere altro, meglio seguire il consiglio di Antonio Razzi e passare oltre. Ma "oltre" cosa c'è? Ci sono le canzoni, e la logica (sempre valida) che per fare un buon disco devi avere…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Recensire una band come i Depeche Mode ti impone di essere… superficiale, perché cosa vuoi approfondire dal punto di vista tecnico? Come puoi metterti a fare il professorino con gente...

Leggi Articolo »

CLEO T. And then i saw a million skies ahead

cleo t and then saw million skies ahead
A voler essere cattivelli, potremmo dire che il disco della parigina Cleo T. è un po' come quei banchi di frutta che hanno roba di stagione e roba fuori stagione: per forza di cose qualcosa ti deve piacere, non puoi uscire a mani vuote. Battute a parte, "And then i saw a million skies ahead" è un album che abbraccia così tanti generi che non sappiamo da dove iniziare: rock, world music, elettronica, pop, Francia, Inghilterra, Berlino, Italia. Insomma, un concentrato potentissimo di musica, con delle punte di eccellenza - "Look at me I'm a Horse" è un pezzone,…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

A voler essere cattivelli, potremmo dire che il disco della parigina Cleo T. è un po’ come quei banchi di frutta che hanno roba di stagione e roba fuori stagione:...

Leggi Articolo »

SERGIO BEERCOCK Wollow

sergio beercock wollow
Nato a Kingston upon Hull in Inghilterra da madre siciliana e padre inglese, Sergio Beercock ha scelto di esordire con un album di folk, uno dei generi più abusati in ambito indipendente nell'ultimo decennio, forse secondo soltanto all'hip hop. . Oltre al pezzo appena citato, vi consigliamo anche l'ascolto…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Nato a Kingston upon Hull in Inghilterra da madre siciliana e padre inglese, Sergio Beercock ha scelto di esordire con un album di folk, uno dei generi più abusati in ambito...

Leggi Articolo »

MELANIE PAIN Parachute

MELANIE PAIN parachute
Messo su il disco di Mélanie Pain, la prima cosa che abbiamo pensato - dopo 30 secondi - è stata: "...che classe". Mélanie Pain ha classe. Il suo pop francese è attualissimo, ha una struttura solida e arrangiamenti deliziosi. Ti innamori di "Parachute" senza fare grossi sforzi, e la forza espressiva di Mélanie è così potente che puoi persino permetterti di ascoltare il suo album facendo bellamente dell'altro. L'iniziale "Comme une balle" non fa prigionieri e rappresenta il punto più alto del disco, le rimanenti 9 tracce sono una sorpresa continua: la voce della Pain è il centro, e tutto attorno le…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Messo su il disco di Mélanie Pain, la prima cosa che abbiamo pensato – dopo 30 secondi – è stata: “…che classe”. Mélanie Pain ha classe. Il suo pop francese è attualissimo, ha...

Leggi Articolo »

JUSTICE Woman

JUSTICE woman
Dal punto di vista dell'orecchiabilità, le canzoni di "Woman" sono una bomba, e confermano che i Justice, quando vogliono flirtare con il pop, non hanno grosse difficoltà a colpire il bersaglio grosso. Ma c'è anche da fare un discorso più ampio: i Justice non sono più dei novellini della scena elettronica e in termini di originalità la loro proposta ha perso sostanza rispetto agli inizi. E anche lo stile si è un po' "daftpunkizzato", che non è un male se l'obiettivo è vendere, vendere, vendere, però i Daft Punk sono furbissimi e unici nel loro genere, e i Justice…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Dal punto di vista dell’orecchiabilità, le canzoni di “Woman” sono una bomba, e confermano che i Justice, quando vogliono flirtare con il pop, non hanno grosse difficoltà a colpire il...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – PRAKASH SONTAKKE Invisible Strings

invisible strings
Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni... indiani dopo un po' danno a noia, ci sembrano un po' tutti uguali. "Invisible Strings" è però la prova che tu puoi prendere una cosa, mescolarla con un'altra e creare un suono che non è più somma di addendi, ma prodotto omogeneo. Qui da un lato c'è l'indiano con le sue chitarre, cioè Prakash Sontakke, dal lato opposto c'è Eraldo Bernocchi con il suo armamentario di invenzioni elettroniche (e chitarre, ovviamente). Alla fine il risultato va ben al di là di ogni attesa, perché le 9 tracce in scaletta (strumentali) parlano una "lingua"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni… indiani dopo un po’ danno a noia, ci sembrano un po’ tutti uguali. “Invisible Strings” è però la prova che tu puoi prendere...

Leggi Articolo »