IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Top Reviews 2015

Top Reviews 2015

PICO RAMA Locura

PICO RAMA locura
«Ogni traccia corrisponde a un momento unico ed irripetibile del mio percorso: in alcune canto attimi di crisi, in altre attimi di profonda comprensione. Tutte quante seguono i movimenti interiori che ho sperimentato: principalmente quello dalla mente verso il cuore e quello dall'isola in cui mi ero rifugiato verso il mondo in cui vivo ora». Pico Rama (all'anagrafe Pier Enrico Ruggeri) è figlio d'arte. Non è una colpa, intendiamoci. O meglio: lo diventa quando ti metti a lavorare nello stesso ambiente di papà usando delle scorciatoie per saltare qualche tappa. Ma non è il caso di Pico Rama, che da…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

«Ogni traccia corrisponde a un momento unico ed irripetibile del mio percorso: in alcune canto attimi di crisi, in altre attimi di profonda comprensione. Tutte quante seguono i movimenti interiori...

Leggi Articolo »

NREC Signals

NREC signals
E' un disco strano "Signals". Al primo ascolto sai che c'è del buono ma non lo identifichi con precisione, non sai comprendere se a funzionare è una cosa o l'altra, il suono o l'atmosfera generale? Questo per dire che, per quanto accessibile, l'album di Nrec (Enrico Tiberi) necessita di qualche ascolto in più se vuoi entrarci dentro e muoverti al suo interno con familiarità. In generale, sui suoni è stato fatto un ottimo lavoro, di ricerca, con soluzioni sfiziose. Il mix di elettronica, rock, trip hop stuzzica l'ascoltatore e lo invoglia ad andare avanti nell'esplorare la scaletta. Ogni pezzo è…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

E’ un disco strano “Signals“. Al primo ascolto sai che c’è del buono ma non lo identifichi con precisione, non sai comprendere se a funzionare è una cosa o l’altra, il...

Leggi Articolo »

BABYLONIA Multidimensional

BABYLONIA multidimensional
Li ascolti e da un momento all'altro ti aspetti che spunti Dave Gahan alla voce - questo per dire quanto le canzoni dei Babylonia si ispirino a un certo immaginario elettronico, in primis ai Depeche Mode. Battute a parte, "Multidimensional" è un album che ha una sua identità e che non ti illude di essere una cosa per poi mostrarsi in un'altra veste, qui è tutto sul tavolo: elettronica e pop sono gli ingredienti usati e mescolati assieme. Il risultato? Un compact che intrattiene alla grande (nonostante una durata vicina ai 60 minuti, eccessiva) e con diverse canzoni che catturano al…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Li ascolti e da un momento all’altro ti aspetti che spunti Dave Gahan alla voce – questo per dire quanto le canzoni dei Babylonia si ispirino a un certo immaginario elettronico,...

Leggi Articolo »

THE PUBLIC RADAR A New Sunrise

THE PUBLIC RADAR a_new_sunrise
Avete nostalgia dei primi Duran Duran o dei primi Depeche Mode? Insomma, avete nostalgia degli Anni Ottanta e di quella scena elettronica? The Public Radar arrivano con l'intento di dare ulteriore tonalità a un'epoca irripetibile. "A New Sunrise" è un disco dall'identità sonora ben definita che profuma dall'inizio alla fine di pop elettronico. . O meglio: magari si rivolge anche a quella platea lì, ma non solo. "A New Sunrise" è un compact che ha…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Avete nostalgia dei primi Duran Duran o dei primi Depeche Mode? Insomma, avete nostalgia degli Anni Ottanta e di quella scena elettronica? The Public Radar arrivano con l’intento di dare ulteriore...

Leggi Articolo »

INCOMPRENSIBILE FC Superfast Nonstop

INCOMPRENSIBILE_FC_superfast_nonstop
Sono in tre, arrivano da Torino e fanno bordello manco fossero in dodici. Gli Incomprensibile FC buttano nel calderone elementi diversi: rock, una certa elettronica francese, un cantato in italiano talvolta incazzoso, pop, blues, hip hop. Ma la lista potrebbe andare avanti, perché il panorama sonoro è ampio, e va ad abbracciare Prince, Justice e i Rage Against the Machine, stringendo nel mezzo mille altre cose. Insomma, un gran casino. Ma è un casino che funziona. Non vi sappiamo spiegare bene come sia possibile - anche perché siamo sempre contrari ai progetti che mischiano troppi ingredienti - ma "Superfast Nonstop"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Sono in tre, arrivano da Torino e fanno bordello manco fossero in dodici. Gli Incomprensibile FC buttano nel calderone elementi diversi: rock, una certa elettronica francese, un cantato in italiano talvolta...

Leggi Articolo »

VINCENZO DI SILVESTRO Invisibile la felicità

VINCENZO DI SILVESTRO invisibile_la_felicità
Quando un violinista decide di usare la voce può ritrovarsi cantautore. Dai, giochiamo coi preconcetti e i luoghi comuni. Da un violinista che si mette a fare un disco in età adulta che cosa ti puoi aspettare? Esatto, una roba pallosa, molto intellettuale, arrangiamenti pomposi che virano magari di nascosto verso il jazz. E invece dobbiamo ricrederci, quello di Vincenzo Di Silvestro è un album moderno, attuale, che prende spunto dalla tradizione cantautorale italiana ma che è ben felice di stare nel 2015. La fruibilità pop delle canzoni di Di Silvestro è eccellente e alcune melodie valgono da sole il prezzo del…

Score

QUALITA' - 77%

77%

77

Quando un violinista decide di usare la voce può ritrovarsi cantautore. Dai, giochiamo coi preconcetti e i luoghi comuni. Da un violinista che si mette a fare un disco in...

Leggi Articolo »

DIANA WINTER Tender Hearted

DIANA WINTER tender_hearted
Nel 2007 viene notata da Giorgia, che la definisce “una perla”, con cui incide il featuring "Vieni Fuori", canzone inclusa nel disco "Stonata" della cantante romana. Nel 2009 Giorgia la sceglie come vocalist per il suo tour (e successivamente per quello del 2012) dichiarando: «...quando intrecciamo le nostre voci mi sembra di sentire la mia raddoppiata». A volte avere dei miti con una bella voce non ti fa, automaticamente, una cantante di talento. Diana Winter ha tra i propri miti Giorgia, e lasciando perdere paragoni e robe simili, vi diciamo che Diana canta davvero, davvero, davvero bene, andando oltre il…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Nel 2007 viene notata da Giorgia, che la definisce “una perla”, con cui incide il featuring “Vieni Fuori”, canzone inclusa nel disco “Stonata” della cantante romana. Nel 2009 Giorgia la...

Leggi Articolo »

HEYMOONSHAKER Noir

HEYMOONSHAKER_noir
Il blues vi annoia? Un certo rock delle radici vi fa sbadigliare? Perfetto. Gli Heymoonshaker - fidatevi - fanno al caso vostro. Perché riescono ad essere fedeli alla tradizione e nel contempo infedeli da cacciare dai templi sacri del blues e del rock, rinnegati alla ricerca di una terra. . In scaletta 12 brani per 42 minuti di musica: ogni pezzo è diverso dagli altri e la fruibilità pop del compact è eccellente, così eccellente…

Score

QUALITA' - 77%

77%

77

Il blues vi annoia? Un certo rock delle radici vi fa sbadigliare? Perfetto. Gli Heymoonshaker – fidatevi – fanno al caso vostro. Perché riescono ad essere fedeli alla tradizione e nel contempo...

Leggi Articolo »

ERIO Für El

ERIO_für_el
Modernissimo ma anche così semplice, caldo, familiare. Un po' come le cose di Björk, ma senza esercitare opera di plagio. E' un disco ispirato "Für El" di Erio, artista che, a dispetto del taglio internazionale della sua proposta, è italianissimo. Sorpresa, verrebbe da dire. Perché in Italia è raro ascoltare un esordio così maturo e soprattutto un cantato così ben calibrato e capace di vestire da solo (e con toni diversi) ogni brano. La storia di Erio è curiosa. Dopo aver studiato canto lirico e composizione, scrive una manciata di brani che solo su consiglio della madre decide di inviare ad alcune…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Modernissimo ma anche così semplice, caldo, familiare. Un po’ come le cose di Björk, ma senza esercitare opera di plagio. E’ un disco ispirato “Für El” di Erio, artista che, a...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Honeymoon

LANA_DEL_REY_honeymoon
. Perché c'è tutto: c'è pop, ci sono idee sofisticate, c'è un lavoro di produzione notevole, c'è un'atmosfera epica, decadente, seducente. E poi ci sono le canzoni: per "Honeymoon", Lana Del Rey ha messo in fila 13 pezzi più una cover di Nina Simone. A conti fatti, soltanto tre o quattro brani si mantengono su livelli leggermente superiori alla sufficienza, tutti gli altri hanno personalità e valore artistico. Ad impressionare è soprattutto la prima parte: dalla title track iniziale sino ad "Art Deco", cioè il settimo episodio, sotto tutte canzoni che non ti stancheresti mai di riascoltare.…

Score

QUALITA' - 89%

89%

89

Signore e signori, questo è un grandissimo album. Perché c’è tutto: c’è pop, ci sono idee sofisticate, c’è un lavoro di produzione notevole, c’è un’atmosfera epica, decadente, seducente. E poi...

Leggi Articolo »