IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > World Music

World Music

SABER SYSTÈME Nuevo Mundo

saber systeme nuevo mundo
Da "Nuevo Mundo" noi avremmo tolto un po' di flauti: in alcuni passaggi ci azzeccano come i proverbiali cavoli a merenda. E già che siamo in vena di critiche, avremmo scelto anche un nome della band più facile da ricordare rispetto allo scioglilingua Saber Système. Chiusa la parentesi e veniamo alle cose positive, che sono tante, tantissime. Perché l'album gira attorno a una world music infarcita di elettronica e linee melodiche accattivanti. Stentiamo a credere che il gruppo sia composto da sette ragazzi con un'età fra i 18 e i 20 anni. Questo perché il compact ha maturità e un'idea…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Da “Nuevo Mundo” noi avremmo tolto un po’ di flauti: in alcuni passaggi ci azzeccano come i proverbiali cavoli a merenda. E già che siamo in vena di critiche, avremmo...

Leggi Articolo »

DON ANTONIO Don Antonio

don antonio
Un disco particolare, all'interno del quale è facile incrociare frammenti diversi: dal rock al blues, il tutto nel nome della world music con un affaccio sul Mediterraneo e un sognare i Caraibi, il Brasile. "Don Antonio" è il primo lavoro solista di Antonio Gramentieri, musicista, produttore, fondatore di Sacri Cuori e autore di musiche per il cinema, il teatro, la televisione e la pubblicità. Registrato in Sicilia (allo Zen Arcade, con la collaborazione di Cesare Basile) e rifinito in Romagna, l'album si ascolta con estrema facilità: la scaletta è fluida, le linee melodiche sono discrete, i ritmi tra lo sfacciato e…

Score

QUALITA' - 65%

65%

65

Un disco particolare, all’interno del quale è facile incrociare frammenti diversi: dal rock al blues, il tutto nel nome della world music con un affaccio sul Mediterraneo e un sognare i...

Leggi Articolo »

LE CAPRE A SONAGLI Cannibale

capre sonagli cannibale
"Cannibale" dice che Le Capre a Sonagli hanno qualcosa da dire. Il disco è ispirato ed è stato prodotto magistralmente da Tommaso Colliva, che si è anche occupato del mixaggio. La radice del suono è rock, ma le declinazioni sono numerose: ci puoi trovare dentro il folk, un pizzico di world music, blues, sperimentazione e fra le pieghe della scaletta c'è persino del pop. Insomma, un delirio organizzato, con le canzoni che cercano registri stilistici mai banali, una voce animale e il cantato in italiano che forse è una limitazione, perché l'album con l'inglese avrebbe anche potuto costruirsi una vita fuori…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“Cannibale” dice che Le Capre a Sonagli hanno qualcosa da dire. Il disco è ispirato ed è stato prodotto magistralmente da Tommaso Colliva, che si è anche occupato del mixaggio. La radice...

Leggi Articolo »

CLEO T. And then i saw a million skies ahead

cleo t and then saw million skies ahead
A voler essere cattivelli, potremmo dire che il disco della parigina Cleo T. è un po' come quei banchi di frutta che hanno roba di stagione e roba fuori stagione: per forza di cose qualcosa ti deve piacere, non puoi uscire a mani vuote. Battute a parte, "And then i saw a million skies ahead" è un album che abbraccia così tanti generi che non sappiamo da dove iniziare: rock, world music, elettronica, pop, Francia, Inghilterra, Berlino, Italia. Insomma, un concentrato potentissimo di musica, con delle punte di eccellenza - "Look at me I'm a Horse" è un pezzone,…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

A voler essere cattivelli, potremmo dire che il disco della parigina Cleo T. è un po’ come quei banchi di frutta che hanno roba di stagione e roba fuori stagione:...

Leggi Articolo »

ESPANA CIRCO ESTE Scienze della maleducazione

ESPANA CIRCO ESTE scienze della maleducazione
"Scienze della maleducazione" è un disco... ruffiano. Ed essere ruffiani non è sempre cosa negativa. Quello degli España Circo Este è un album ruffiano perché sa farsi volere bene anche da un pubblico non propriamente a suo agio con certi suoni festaioli. L'incedere è sghembo, volutamente storto, ma quando si tratta di mettere mano ai ritornelli, la band italo-argentina non sbaglia un colpo - in questo senso "Mal Educación" è un bel biglietto da visita, ma la scaletta di "Scienze della maleducazione" è generosa di momenti interessanti. Le canzoni sono così potenti su cd, che dal vivo promettono scintille. Insomma, questi…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“Scienze della maleducazione” è un disco… ruffiano. Ed essere ruffiani non è sempre cosa negativa. Quello degli España Circo Este è un album ruffiano perché sa farsi volere bene anche da...

Leggi Articolo »

ERALDO BERNOCCHI – PRAKASH SONTAKKE Invisible Strings

invisible strings
Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni... indiani dopo un po' danno a noia, ci sembrano un po' tutti uguali. "Invisible Strings" è però la prova che tu puoi prendere una cosa, mescolarla con un'altra e creare un suono che non è più somma di addendi, ma prodotto omogeneo. Qui da un lato c'è l'indiano con le sue chitarre, cioè Prakash Sontakke, dal lato opposto c'è Eraldo Bernocchi con il suo armamentario di invenzioni elettroniche (e chitarre, ovviamente). Alla fine il risultato va ben al di là di ogni attesa, perché le 9 tracce in scaletta (strumentali) parlano una "lingua"…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Vogliamo essere sinceri, a noi certi suoni… indiani dopo un po’ danno a noia, ci sembrano un po’ tutti uguali. “Invisible Strings” è però la prova che tu puoi prendere...

Leggi Articolo »

BARRO Miocardio

barro miocardio
"Miocardio" è il debutto solista di Barro, artista originario di Recife, Brasile. Il disco si apre con "Vai", che oltre a essere uno dei migliori pezzi del compact, dà anche la cifra stilistica del progetto: il Brasile fa da sfondo, è presente ma non invadente. "Miocardio" è un album che ha radici ma che è cittadino del mondo. Il pop è la materia prima, qui modellata con garbo, ma se è necessario spingere il pedale sull'orecchiabilità, Barro non si tira indietro come nel caso della travolgente "Mata o Nêgo", un altro episodio che vi consigliamo se volete comprendere il…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Miocardio” è il debutto solista di Barro, artista originario di Recife, Brasile. Il disco si apre con “Vai”, che oltre a essere uno dei migliori pezzi del compact, dà anche...

Leggi Articolo »

PARRANDA GROOVE FACTORY Nothing but the rhythm

parranda groove factory nothing_but_the_rhythm
Un producer di musica elettronica, un bassista e 8 percussionisti uniti in un progetto chiaro: mischiare gli strumenti della tradizione percussiva brasiliana con le sonorità della musica funky, reggae, folk ed elettronica. , ma il risultato qual è? Partiamo col dire che l'ascolto è gradevole e sulle ritmiche è stato fatto un eccellente lavoro. La buona volontà, cioè la voglia di mescolare generi diversi alla…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

Un producer di musica elettronica, un bassista e 8 percussionisti uniti in un progetto chiaro: mischiare gli strumenti della tradizione percussiva brasiliana con le sonorità della musica funky, reggae, folk...

Leggi Articolo »

FLO Il mese del rosario

FLO il mese del rosario
L'universo sonoro al quale si ispira Flo è quello della world music. Poi dentro ci entrano anche tante altre cose (il cantautorato italiano, il Sud del mondo, il Mediterraneo), ma diciamo che se vi tuffate in un negozio e andate a caccia del suo "Il mese del rosario" lo troverete facilmente nel reparto della world music. Quello della napoletana Flo è un buon disco? Sì, c'è qualità lungo la scaletta, soprattutto dal punto di vista tecnico, con produzione e arrangiamenti a destare interesse. Anche se la sensazione che resta, alla fine, è quella che spingendo ancora un pochino sull'acceleratore si sarebbero…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

L’universo sonoro al quale si ispira Flo è quello della world music. Poi dentro ci entrano anche tante altre cose (il cantautorato italiano, il Sud del mondo, il Mediterraneo), ma...

Leggi Articolo »

ALMAMEGRETTA EnnEnne

ALMAMEGRETTA ennenne
L'idea di battere sempre le stesse strade o di riciclare (riciclarsi) non deve piacere granché agli Almamegretta. La prova è "EnnEnne", un album sì in linea con la tradizione della band napoletana - il suono degli Almamegretta, complice la voce di Raiz, ormai è riconoscibilissimo - ma è anche un album che prova a proporre nuove idee, nuovi immaginari, nuove prospettive, andandosi a prendere dei rischi soprattutto dal punto di vista melodico. Non è un disco facilissimo, ha bisogno di un paio di ascolti ravvicinati per mostrare il suo potenziale. Ma alla fine la pazienza viene ricompensata. "EnnEnne" è…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

L’idea di battere sempre le stesse strade o di riciclare (riciclarsi) non deve piacere granché agli Almamegretta. La prova è “EnnEnne“, un album sì in linea con la tradizione della...

Leggi Articolo »