IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione > RED LINES

RED LINES Red Lines EP

Quello dei Red Lines è un duo (in quartetto dal vivo) formato da Marianna Pluda, ventunenne residente a Londra, e Simone Apostoli, diciassettenne bresciano. Assieme non arrivano a fare 40 anni. Alla loro età sarebbe legittimo fare musica di merda, copiare e scopiazzare qua e là, e invece ci ritroviamo fra le mani un lavoro molto maturo, con un'eccellente fruibilità pop e degli arrangiamenti da gruppo fatto e finito. In scaletta 5 pezzi (in inglese) fra elettronica, rock, pop e un pizzico di psichedelia. Marianna ha un modo di cantare che fa subito venire in mente Lana Del Rey e PJ Harvey, mentre…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

RED LINES

Quello dei Red Lines è un duo (in quartetto dal vivo) formato da Marianna Pluda, ventunenne residente a Londra, e Simone Apostoli, diciassettenne bresciano. Assieme non arrivano a fare 40 anni. Alla loro età sarebbe legittimo fare musica di merda, copiare e scopiazzare qua e là, e invece ci ritroviamo fra le mani un lavoro molto maturo, con un’eccellente fruibilità pop e degli arrangiamenti da gruppo fatto e finito.

In scaletta 5 pezzi (in inglese) fra elettronica, rock, pop e un pizzico di psichedelia. Marianna ha un modo di cantare che fa subito venire in mente Lana Del Rey e PJ Harvey, mentre la parte musicale ci piace molto quando va a piedi uniti nei territori dei suoni sintetici, come nel caso della spettacolare “Drowning”. Ma la sensazione è che il progetto abbia davanti a sé molteplici strade da percorrere. Insomma, siamo sempre molto cauti nel valutare gli EP, però il lavoro dei Red Lines ci ha davvero entusiasmati.

Tag