IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > SARA PIOLANTI

SARA PIOLANTI Farfalle e falene

Partiamo subito dal singolo scelto per presentare "Farfalle e falene", cioè "Muore di me": davvero un brano convincente, un ottimo biglietto da visita, un pezzo che in una certa misura tratteggia il valore di questo disco prodotto da Sara Piolanti assieme a Franco Naddei, alias Francobeat. "Farfalle e falene" è un album nervoso dove quiete ed esplosioni rock si rincorrono. Sara ci ha messo voce (e tanta teatralità), chitarra, basso e batteria, mentre Francobeat ha aggiunto a tutto questo anche piano e synth in generosa quantità. L'atmosfera generale del compact fa correre la mente agli Anni Ottanta e alla new wave. La…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

sara piolanti farfalle falene

Partiamo subito dal singolo scelto per presentare “Farfalle e falene“, cioè “Muore di me”: davvero un brano convincente, un ottimo biglietto da visita, un pezzo che in una certa misura tratteggia il valore di questo disco prodotto da Sara Piolanti assieme a Franco Naddei, alias Francobeat.

“Farfalle e falene” è un album nervoso dove quiete ed esplosioni rock si rincorrono. Sara ci ha messo voce (e tanta teatralità), chitarra, basso e batteria, mentre Francobeat ha aggiunto a tutto questo anche piano e synth in generosa quantità. L’atmosfera generale del compact fa correre la mente agli Anni Ottanta e alla new wave. La scaletta – 10 episodi per 43 minuti di musica – è agile e omogenea, consente all’ascoltatore di farsi un’idea del disco in pochissimi contatti.

E’ un buon album? Sara Piolanti è brava, le sue canzoni hanno personalità, hanno una discreta fruibilità pop, e la cantautrice forlivese sa prendersi dei rischi. Quindi sì, “Farfalle e falene” è un buon album, con una struttura solida e un’idea di suono che ci piace. Difetti? Forse dal punto di vista lirico non tutte le immagini raccontate riescono a essere decifrate con facilità, c’è insomma una sorta di eccessiva ermeticità in alcuni passaggi. Ma a livello sonoro ci siamo, la strada imboccata è quella giusta. Fra i brani migliori, occhio a “Il nuovo schema”.

Tag