IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > SCHWARZ DONT CRACK

SCHWARZ DONT CRACK No Hard Feelings

Schwarz Dont Crack è il nome scelto da Ahmad Larnes e Sebastian Kreis, il primo di New York mentre il secondo di Berlino. . Insomma, "vecchio" e "nuovo" convivono all'interno di questo album che ha un'orecchiabilità spiccata ma anche una eccellente raffinatezza/ricercatezza sonora. La scaletta contiene 12 episodi per 43 minuti di musica.…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

SCHWARZ DONT CRACK no_hard_feelings

Schwarz Dont Crack è il nome scelto da Ahmad Larnes e Sebastian Kreis, il primo di New York mentre il secondo di Berlino. Il loro “No Hard Feelings” ha un bel profilo, perché si pone al centro di un incrocio dove r’n’b, elettronica e pop si danno appuntamento per un ballo dalle traiettorie ampie, traiettorie capaci di attraversare come nulla fosse decadi diverse: Anni Ottanta, Anni Novanta e Anni Duemila. Insomma, “vecchio” e “nuovo” convivono all’interno di questo album che ha un’orecchiabilità spiccata ma anche una eccellente raffinatezza/ricercatezza sonora.

La scaletta contiene 12 episodi per 43 minuti di musica. Onestamente non ci sono grosse flessioni, e anzi, sono diversi i momenti che legittimano la spesa. Un difetto? Forse ci sono pochi cambi di registro. Nel senso che il duo sa quali sono i propri punti di forza e si guarda bene dal prendersi dei rischi. Guai però a parlare di lavoro all’insegna del “compitino svolto” perché “No Hard Feelings” è a tutti gli effetti un compact di livello assoluto. I pezzi migliori? C’è davvero l’imbarazzo della scelta: “Getaway”, “All My Love”, “Mirror”, e soprattutto “Missing You”. In conclusione: di diritto nella nostra Top 2016.

Tag