IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Grunge > SDANG!

SDANG! La Malinconia delle Fate

«Raccontiamo storie senza parlare». Ecco riassunta in poche parole la filosofia degli Sdang!, duo bresciano attivo dalla primavera 2015. Intanto partiamo dal titolo dell'album, davvero molto carino: "La Malinconia delle Fate". Ora veniamo alla proposta degli Sdang!, che muovendosi da posizioni rock vanno ad abbracciare fascinazioni sonore varie e diverse: metal, grunge, prog e c'è persino del pop nella musica dell'ensemble, ovviamente non il pop da classifica, ma un pop che si traduce in linee melodiche senza particolari spigoli. C'è alla base del disco anche una buona ricerca sonora, però bisogna ancora definire al meglio un'identità, uno stile. Insomma, luci e ombre, ma si scorge…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

SDANG! la_malinconia_delle_fate

«Raccontiamo storie senza parlare». Ecco riassunta in poche parole la filosofia degli Sdang!, duo bresciano attivo dalla primavera 2015.

Intanto partiamo dal titolo dell’album, davvero molto carino: “La Malinconia delle Fate“. Ora veniamo alla proposta degli Sdang!, che muovendosi da posizioni rock vanno ad abbracciare fascinazioni sonore varie e diverse: metal, grunge, prog e c’è persino del pop nella musica dell’ensemble, ovviamente non il pop da classifica, ma un pop che si traduce in linee melodiche senza particolari spigoli. C’è alla base del disco anche una buona ricerca sonora, però bisogna ancora definire al meglio un’identità, uno stile. Insomma, luci e ombre, ma si scorge un discreto potenziale. I pezzi migliori? “Scrivimi una lettera tra nove anni” e la title track.

Tag