IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > SEBASTIANO DE GENNARO

SEBASTIANO DE GENNARO All My Robots

SEBASTIANO-DE-GENNARO-All-My-Robots

Esce per la neonata etichetta MeMe di Taketo Gohara, il primo disco di Sebastiano De Gennaro, interamente composto da brani originali. Sebastiano è multi-percussionista, rumorista, batterista atipico, compositore autodidatta. Ha inizia la sua carriera come batterista suonando disparati generi musicali dal progressive all’hardcore punk. A testimonianza della sua unica ecletticità le collaborazioni sono innumerevoli: Baustelle, Le Luci Della Centrale Elettrica, Pacifico, Edda, Nada, Dente, Pierpaolo Capovilla, Marco Parente, Alessandro Fiori e molti altri.

Il titolo del disco è un omaggio alla raccolta di racconti fantascientifici dello scrittore Isaac Asimov. Dodici composizioni per pianoforte, percussioni intonate ed elettronica, costituiscono il materiale fantastico, umano e robotico di questo lavoro. Va detto che malgrado la buona volontà, l’album sembra più un esercizio di stile che altro. Il ruolo dell’ascoltatore è prevalentemente quello di soggetto passivo: sta lì in attesa di subire le ondate sonore e anche dopo diversi ascolti è davvero faticoso trovare il filo che unisce i brani in scaletta. Insomma, tanto rumore per nulla.

Esce per la neonata etichetta MeMe di Taketo Gohara, il primo disco di Sebastiano De Gennaro, interamente composto da brani originali. . A testimonianza della sua unica ecletticità le collaborazioni sono innumerevoli: Baustelle, Le Luci Della Centrale Elettrica, Pacifico, Edda, Nada, Dente, Pierpaolo Capovilla, Marco Parente, Alessandro Fiori e molti altri. Il titolo del disco è un omaggio alla raccolta di racconti fantascientifici dello scrittore Isaac Asimov. Dodici composizioni per pianoforte, percussioni intonate ed elettronica, costituiscono il materiale fantastico, umano…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Tag