IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Folk > SERGIO BEERCOCK

SERGIO BEERCOCK Wollow

Nato a Kingston upon Hull in Inghilterra da madre siciliana e padre inglese, Sergio Beercock ha scelto di esordire con un album di folk, uno dei generi più abusati in ambito indipendente nell'ultimo decennio, forse secondo soltanto all'hip hop. . Oltre al pezzo appena citato, vi consigliamo anche l'ascolto…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

sergio beercock wollow

Nato a Kingston upon Hull in Inghilterra da madre siciliana e padre inglese, Sergio Beercock ha scelto di esordire con un album di folk, uno dei generi più abusati in ambito indipendente nell’ultimo decennio, forse secondo soltanto all’hip hop. Wollow” è un disco piacevole, con 11 episodi e un senso di “già sentito” che si mischia a belle intuizioni. Sergio è molto bravo quando rischia e abbandona i territori del classico folk alternativo per “sporcare” gli arrangiamenti con sonorità più contemporanee – “Beauty of Dirt” è un ottimo esempio per comprendere il concetto. Oltre al pezzo appena citato, vi consigliamo anche l’ascolto di “An exaggerated song” e “Naked”. Insomma, un lavoro che lascia intravvedere ampi margini di miglioramento. Osa Sergio, osa.

Tag