IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > SHIJO X

SHIJO X Odd Times

E' un'elettronica calda, quella di "Odd Times". Ed è un vero piacere ascoltarsi il disco in cuffia, perché vengono fuori strati di suono e giochi di incastro veramente interessanti. Ovvio, la voce di Laura Sinigaglia (spesso usata come uno strumento aggiunto) fa la differenza, ma nel complesso l'album degli Shijo X piace perché ha personalità e negli arrangiamenti si va a prendere dei rischi. Attorno all'elettronica, tanti ricami diversi e una certa passione (non sfacciata) per il pop. Insomma, un disco che ha un taglio internazionale ma che non rinnega le sue radici italiane. Forse - a voler essere pignoli - manca un singolo…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

SHIJO odd times

E’ un’elettronica calda, quella di “Odd Times“. Ed è un vero piacere ascoltarsi il disco in cuffia, perché vengono fuori strati di suono e giochi di incastro veramente interessanti. Ovvio, la voce di Laura Sinigaglia (spesso usata come uno strumento aggiunto) fa la differenza, ma nel complesso l’album degli Shijo X piace perché ha personalità e negli arrangiamenti si va a prendere dei rischi. Attorno all’elettronica, tanti ricami diversi e una certa passione (non sfacciata) per il pop.

Insomma, un disco che ha un taglio internazionale ma che non rinnega le sue radici italiane. Forse – a voler essere pignoli – manca un singolo forte, ma crediamo che la band abbia voluto puntare soprattutto sull’omogeneità, sulla struttura piuttosto che assemblare singoli brani. In questo senso, la sfida è stata sicuramente vinta: “Odd Times”, infatti, ha una bellissima atmosfera generale e non ci sono grossi scivoloni lungo la scaletta. Il brano migliore? “Tear”.

Tag