IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Interviste > SÓLEY
soley

SÓLEY «La mia miscela di "sognante dark pop music"»

Arriva dall’Islanda e il suo “Ask The Deep” (Morr Music) è un album particolare, ispirato, che forse arriva fuori tempo massimo visto che l’estate è alle porte – sembra infatti una perfetta colonna sonora invernale – ma il talento di Sóley sorprende perché riesce a coinvolgere perfettamente l’ascoltatore.

The first thing that I want to ask you concerning Iceland. How your land inspires your music?
La prima cosa che voglio chiederti è relativa all’Islanda. In che misura ispira la tua musica?

«I don’t know if Iceland inspires my music but if it does, it’s the winter mainly because i work more in the winter. In december-january-february it’s really boring weather and dark so i just work a lot then».
«Non so se l’Islanda ispira la mia musica ma se lo fa, è principalmente d’inverno a farlo, perché io lavoro di più in inverno. Tra dicembre e febbraio il tempo atmosferico è davvero noioso e cupo, e a me viene facile lavorare parecchio».

In your music there are ghosts and dreams, light and dark. You are a mother. Do you think your songs are good lullabies?
Nella tua musica ci sono fantasmi e sogni, luce e ombra. Tu sei una madre. Pensi che le tue canzoni siano delle buone ninnananne?

«Both yes and no. When my daughter hears my music she gets really excited but that’s just because she knows i’m singing so everytime i go abroad to tour she and her father listen to my albums to remember me. I’ve also heard from people that they played my music for their babies. I guess if you don’t dig much to the lyrics it’s all fine».
«Sì e no. Quando mia figlia ascolta la mia musica lei diventa molto entusiasta ma questo solo perché lei sa che io sto cantando, così quando io sarò in tour lei e suo padre potranno ascoltare i miei album per ricordarsi di me. Comunque io ho anche saputo di persone che suonano la mia musica per i loro bambini. Penso che se non scavi troppo nei testi, la cosa possa funzionare».

In these times of crisis, what is the role of the artist and musician in particular? Music can change the world? Music can change people?
In questi tempi di crisi, qual è il ruolo dell’artista e del musicista in particolar modo? La musica può cambiare il mondo? La musica può cambiare le persone?

«I think music will always be very important to people. Music can help people through hard times. I hope it can change people, to the good».
«Penso che la musica sarà sempre importante per le persone. La musica può aiutare le persone a superare momenti difficili. Io confido che possa cambiare le persone, in meglio».

It is very difficult to define your music. Folk? Electronics? Indie? Pop? You have a definition?
E’ molto difficile definire la tua musica. Folk? Elettronica? Indie? Pop? Tu hai una definizione?

«No, i don’t really define my music. Not folk. Not really electronics. Maybe some dreamy dark pop music».
«No, io non riesco davvero a definire la mia musica. Non credo sia folk e neppure elettronica. Forse qualcosa tipo “sognante dark pop music”».

“Ask The Deep” is a beautiful album. But it’s an album for what kind of people? Losers? Fighters? Dreamers? Ghostbusters?
“Ask The Deep” è un bellissimo album. Ma è un album per quali tipi di persone? Perdenti? Lottatori? Sognatori? Acchiappafantasmi?

«It’s for all the dreamers in this dream i dream».
«E’ per tutti i sognatori».

Are you happy in this moment of your life? And what is happiness for you?
Sei felice in questo momento della tua vita? E cos’è la felicità per te?

«Yes, i’m very happy. Happiness is my family, my home and my music».
«Sì, sono molto felice. La felicità per me è la mia famiglia, la mia casa, la mia musica».

What do you know of Italy, Sóley?
Cosa sai dell’Italia, Sóley?

«Pizza! Pizza!».

Tag