IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > SOMEDAY

SOMEDAY This doesn’t exist

Direttamente da Collegno, i Someday sono attivi dal 2000 ma soltanto adesso hanno messo assieme una scaletta per un disco vero e proprio. Ci verrebbe da fare la battutaccia che forse ci vogliono 3 lustri per fare un buon album, ma è solo una battutaccia (?), la verità è che "This doesn’t exist" funziona, fosse dipeso da noi non l'avremmo fatto differente da com'è: il rock alternativo proposto ha un taglio scuro, le linee di basso di Michele Fierro sono veramente belle (ti escono dalle cuffie), la melodia premia spesso l'ascoltatore e ci sono pure i singoli - l'iniziale "Clean Couch",…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

someday this doesnt exist

Direttamente da Collegno, i Someday sono attivi dal 2000 ma soltanto adesso hanno messo assieme una scaletta per un disco vero e proprio. Ci verrebbe da fare la battutaccia che forse ci vogliono 3 lustri per fare un buon album, ma è solo una battutaccia (?), la verità è che “This doesn’t exist” funziona, fosse dipeso da noi non l’avremmo fatto differente da com’è: il rock alternativo proposto ha un taglio scuro, le linee di basso di Michele Fierro sono veramente belle (ti escono dalle cuffie), la melodia premia spesso l’ascoltatore e ci sono pure i singoli – l’iniziale “Clean Couch”, ad esempio. Qua e là si sentono influenze diverse (il rock newyorkese, quello inglese degli Anni Ottanta/Novanta), ma se i Nostri hanno davvero copiato, lo hanno fatto bene, perché la suggestione non crea mai facili collegamenti con band specifiche. Insomma, giù il cappello, questo è un disco fatto bene.

Tag