IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Tag Archivi: Inri

Tag Archivi: Inri

VOINA Alcol, schifo e nostalgia

voina alcol schifo nostalgia
E' un discorso che abbiamo già affrontato in passato e che è talmente semplice da risultare banale: quando una band ci sa fare, te ne accorgi subito, non serve neppure il riascolto. Ecco, il concetto è adattabile tranquillamente al disco dei Voina, che vengono da Lanciano. Il loro "Alcol, schifo e nostalgia" è un album di rock alternativo con una marcia in più e che - non è una colpa - ha qualcosa in comune con lo stile dei Ministri, infatti come il gruppo milanese, i Nostri riescono ad assere efficaci dal punto di vista musicale e sanno tradurre…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

E’ un discorso che abbiamo già affrontato in passato e che è talmente semplice da risultare banale: quando una band ci sa fare, te ne accorgi subito, non serve neppure...

Leggi Articolo »

DULCAMARA Indiana

DULCAMARA indiana
Mattia Zani è anima e corpo del progetto Dulcamara. Vogliamo partire da lui perché musiche, testi e arrangiamenti sono suoi. Iniziamo dalle musiche: "Indiana" è un disco di folk cantautorale, l'America è il punto di riferimento ma non siamo al più classico dei "Tu vuò fa l'americano", nel senso che Zani non esagera coi riferimenti e non snatura il suo suono rendendolo eccessivamente derivativo. Gli arrangiamenti sono funzionali, discreti, intelligenti. . La scaletta…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Mattia Zani è anima e corpo del progetto Dulcamara. Vogliamo partire da lui perché musiche, testi e arrangiamenti sono suoi. Iniziamo dalle musiche: “Indiana” è un disco di folk cantautorale, l’America...

Leggi Articolo »

EX-OTAGO Marassi

ex-otago marassi
Un passetto alla volta gli Ex-Otago sono diventati una bella realtà. All'inizio non avremmo scommesso granché sulla loro maturazione. E invece ci pigliamo le nostre responsabilità e non ci nascondiamo: ci hanno smentito. "Marassi" è un album pieno di singoli potentissimi, ma la cosa che esalta del disco è il perfetto mix fra pop, canzone d'autore ed elettronica. In scaletta 10 brani per 37 minuti di musica: l'elogio dell'essenzialità. Pezzi come "Cinghiali incazzati", "I giovani d'oggi", "La nostra pelle", "Gli occhi della Luna" danno la perfetta cifra stilistica del compact, ma soprattutto dicono che gli Ex-Otago sono oggi (ma…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Un passetto alla volta gli Ex-Otago sono diventati una bella realtà. All’inizio non avremmo scommesso granché sulla loro maturazione. E invece ci pigliamo le nostre responsabilità e non ci nascondiamo:...

Leggi Articolo »

DARDUST Birth

DARDUST birth
Lo confessiamo: partiamo bendisposti verso Dario Faini (Dardust). Lo abbiamo visto la scorsa estate dal vivo e ci ha letteralmente rubato il cuore con uno show di livello europeo - e non è la classica frase fatta, perché la scena indipendente italiana (al contrario di quanto si dice) non è così generosa di artisti che all'estero ci farebbero fare bella figura. Bene, ora che abbiamo giocato a carte scoperte possiamo tranquillamente parlare di questo "Birth", prodotto e arrangiato a Reykjavik, in Islanda, un lavoro che inevitabilmente risente di certe fascinazioni legate al mondo dei Sigur Rós, ma che nel contempo sa proporre un'identità propria, in…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Lo confessiamo: partiamo bendisposti verso Dario Faini (Dardust). Lo abbiamo visto la scorsa estate dal vivo e ci ha letteralmente rubato il cuore con uno show di livello europeo – e...

Leggi Articolo »

MONACI DEL SURF Monaci del Surf III

MONACI DEL SURF III
I Monaci del Surf sono una sorta di società segreta. Non si può essere sicuri di chi ci sia sotto alle maschere, quello che è certo è che chitarra elettrica, basso e batteria sono gli strumenti preferiti dai Monaci, filtrati e accompagnati da suoni elettronici che richiamano i vecchi film di fantascienza o ambienti da foresta amazzonica. Dai, sarebbe troppo facile prendere una manciata di brani ultra famosi, suonarli cambiandogli i connotati e poi riscuotere alla cassa il credito. Fosse vero l'assioma, saremmo davanti alla gallina dalle uova d'oro. La verità è che personalizzare certi pezzi non è roba…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

I Monaci del Surf sono una sorta di società segreta. Non si può essere sicuri di chi ci sia sotto alle maschere, quello che è certo è che chitarra elettrica,...

Leggi Articolo »

DIRTY SET Miscellaneous Experience

DIRTY SET miscellaneous_experience
Sotto l'aspetto tecnico non ci sentiamo di muovere particolari critiche: i Dirty Set hanno padronanza dei loro mezzi, intesi come strumenti (chitarra, basso e batteria). a "Miscellaneous Experience", forse penalizzato da arrangiamenti timidi e da atmosfere già ampiamente vivisezionate al di qua e al di là dell'Oceano. L'ascolto è gradevole - magari non fluidissimo ma gradevole - però si fa una certa fatica a rimettere daccapo il disco perché dopo qualche contatto si ha la…

Score

QUALITA' - 55%

55%

55

Sotto l’aspetto tecnico non ci sentiamo di muovere particolari critiche: i Dirty Set hanno padronanza dei loro mezzi, intesi come strumenti (chitarra, basso e batteria). Purtroppo però il loro lavoro...

Leggi Articolo »

GIULIA’S MOTHER Truth

GIULIA'S MOTHER truth
I Giulia's Mother sono in due: Andrea Baileni (voce e chitarra) e Carlo Fasciano (batteria). La prima cosa che ci è passata in testa dopo una manciata di brani è stata "...ma che voce ha 'sto Baileni?!". Non so se vi ricordate The Niro, ecco, i Giulia's Mother si abbeverano alla stessa fonte e in alcuni passaggi il collegamento è quasi automatico, ma Baileni ha una voce che ti mette addosso tutti i brividi del mondo - giusto per parafrasare la Oxa. Canta ottimamente ma interpreta ancora meglio. Canta esprimendo un dolore sottile, percettibile e impercettibile allo stesso tempo. In questo ricorda anche…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

I Giulia’s Mother sono in due: Andrea Baileni (voce e chitarra) e Carlo Fasciano (batteria). La prima cosa che ci è passata in testa dopo una manciata di brani è stata “…ma...

Leggi Articolo »

TITOR L'ultimo

TITOR l'ultimo
Vogliamo essere tremendamente superficiali (prima di fare la recensione vera e propria), pertanto sappiate che se sentite la nostalgia del rock dei Linea 77, i Titor sono un'ottima alternativa alla tristezza. Intendiamoci, la proposta non ha grossi punti di continuità, però oltre ad avere in comune la stessa etichetta, la freschezza sonora dei Titor fa venire in mente alcune cose dei Linea 77. Detto questo, veniamo alla recensione. "L'ultimo" è un album rapido: 9 pezzi per 34 minuti di musica. Quasi un assalto, un pompare aria nei polmoni prima di lanciarsi in picchiata. La qualità media dei brani è…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Vogliamo essere tremendamente superficiali (prima di fare la recensione vera e propria), pertanto sappiate che se sentite la nostalgia del rock dei Linea 77, i Titor sono un’ottima alternativa alla...

Leggi Articolo »

GNUT Prenditi quello che meriti

Solitamente il terzo lavoro è sempre quello della maturità, ma nel caso del napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) il terzo disco, ora, è quello delle piacevoli conferme dopo un percorso artistico che già aveva messo in evidenza numeri notevoli. "Prenditi quello che meriti" (Inri) è : in quest’ottica "Fiume Lento" (con la partecipazione del Marta Sui Tubi, Giovanni Gulino) è un brano che da solo vale il prezzo del compact – è così potente che si fa fatica a non ascoltarlo di continuo. Ma nel complesso è tutto il…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

Solitamente il terzo lavoro è sempre quello della maturità, ma nel caso del napoletano Gnut (nome d’arte di Claudio Domestico) il terzo disco, ora, è quello delle piacevoli conferme dopo...

Leggi Articolo »