IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione > THE BLUE LADS

THE BLUE LADS Hero

The_Blue_Lads_hero

“Tu vuò fa l’americano” cantava il Maestro Carosone. E i The Blue Lads con “Hero” si sistemano con lo sguardo ben teso verso gli States provando a trovare una loro personalissima strada nel selvaggio mondo del rock-blues. Il risultato attualmente è un disco dal suono e dalle atmosfere molto derivative, che ha una discreta fruibilità pop (le 4 canzoni in scaletta si lasciano ascoltare) e che Alessandro Taveggia (voce e chitarra della band) prova a tenere in piedi con una voce perfetta per il ruolo e una chitarra educatissima.

Dobbiamo essere sinceri: sulla personalizzazione del suono c’è ancora da lavorare e anche sugli arrangiamenti, perché se è vero che i 4 brani del compact sono abbastanza godibili, è altrettanto vero che faticano a mostrare una personalità definita. Insomma, un lavoro con luci e ombre. Un lavoro con tanta America. Forse troppa.

Il pezzo migliore? La title track.

"Tu vuò fa l'americano" cantava il Maestro Carosone. E i The Blue Lads con "Hero" si sistemano con lo sguardo ben teso verso gli States provando a trovare una loro personalissima strada nel selvaggio mondo del rock-blues. . Dobbiamo essere sinceri: sulla personalizzazione del suono c'è ancora da lavorare e anche sugli arrangiamenti,…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Tag